Ecco il vero tallone d'Achille dei caccia stealth F-35

Ecco il vero tallone d'Achille dei caccia stealth F-35

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Spesso i caccia stealth di quinta generazione prodotti dagli Stati Uniti, come gli F-35 e gli F-22, vengono descritti come jet quasi invincibili. E’ effettivamente così?

 

La pubblicazione statunitense The National Interest ha illustrato il vero tallone d’Achille dei caccia stealth statunitensi. 

 

Gli Stati Uniti hanno dedicato miliardi di dollari alla costruzione di caccia stealth, bombardieri stealth, missili da crociera stealth e droni spia stealth. Sicuramente un aereo cisterna stealth per il rifornimento di carburante degli aerei a metà volo sarebbe una stravaganza di troppo?

 

Tuttavia, il concetto di una nave cisterna invisibile non è così assurdo per un semplice motivo: i caccia stealth F-35 e F-22 del Pentagono, che ha reso il fulcro della sua strategia di guerra aerea del ventunesimo secolo, semplicemente non posso volare abbastanza lontano.

 

A prima vista, la portata da sei a ottocento miglia dell'F-35 non sembra male rispetto ai caccia convenzionali come il Super Hornet o l'F-16. Ma quei progetti non stealth possono trasportare carburante in serbatoi sottostanti in combattimento - nel frattempo, un F-35 non può trasportare quei grumi di metallo extra sotto le sue ali se vuole preservare la sua minuscola sezione radar.

 

Un altro problema con il breve raggio di caccia stealth e non stealth è la necessità di schierare basi aeree o portaerei ben entro la portata dei missili balistici e da crociera di un avversario. Conflitti che vanno dalla seconda guerra mondiale all'Afghanistan hanno dimostrato che i combattenti avanzati non sono mai più vulnerabili di quando vengono catturati a terra (o su un ponte di trasporto). È praticamente un dato di fatto che in caso di grande conflitto di potenza, un terrificante sbarramento missilistico pioverebbe sulle basi aeree anteriori; e quanti aerei sarebbero emersi intatti da quella grandinata di morte nessuno lo sa.

 

Tutti i caccia a reazione statunitensi possono essere riforniti a mezz'aria. Ma sebbene gli aerei di linea modificati che servono come cisterne si sforzerebbero di stare lontano dai caccia ostili, sono sempre più a rischio di essere abbattuti da missili aria-aria a lunghissimo raggio come l'R-37 russo, che può colpire bersagli da 250 miglia di distanza. Il piccolo numero di velivoli stealth schierati dalla Russia o dalla Cina si concentrerebbe probabilmente anche sul superamento degli schermi dei caccia per distruggere le cisterne e gli aerei radar che li supportano. Dopo tutto, abbatti le cisterne e potresti anche bloccare efficacemente un gruppo di caccia sul Pacifico senza il carburante necessario per tornare alla base.

 

Il dilemma è molto peggiore per i combattenti stealth che tentano di penetrare lo spazio aereo nemico, come l'F-35 è progettato per fare. I missili terra-aria contemporanei come l'S-400 possono già colpire aerei meno agili (di nuovo, pensa alle cisterne) fino a 250 miglia di distanza utilizzando missili 40N6. Ciò significa che le cisterne convenzionali dovranno semplicemente indietreggiare a centinaia di miglia dallo spazio aereo difeso - e anche lì, saranno visibili sul radar e vulnerabili agli attacchi dei caccia nemici.

 

Un aereo cisterna con una sezione trasversale radar ridotta, quindi, potrebbe affrontare ordinatamente entrambi i problemi, senza dover essere altrettanto furtivo come un caccia stealth.

 

I droni cisterna furtivi potrebbero adattarsi a una strategia di rifornimento "distribuita" in cui più droni attingono carburante da una grande cisterna convenzionale "nave madre" e poi sfrecciano in avanti per fornire rifornimento per i caccia stealth nello spazio aereo contestato. Tuttavia, un tale schema di rifornimento a catena potrebbe schiantarsi in modo catastrofico se la nave cisterna non furtiva fosse presa di mira dagli avversari. Pertanto, un "sistema di sistemi" potrebbe anche proporre la combinazione di più "livelli" di navi cisterna furtive e non furtive.

 

Vale la pena notare che potrebbe esserci una soluzione più semplice e meno costosa: svezzare il Pentagono dalla sua dipendenza dai jet a corto raggio, forse facendo più affidamento sui bombardieri stealth B-21 a lungo raggio o sui futuri caccia Penetrating Counter-Air di sesta generazione, rendendo più grande l'uso di missili stand-off o l'introduzione di droni stealth UCAV senza pilota a lungo raggio.

 

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti