Dopo il J-20, il prossimo caccia della Cina potrebbe essere un Super F-35

Dopo il J-20, il prossimo caccia della Cina potrebbe essere un Super F-35

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

La Cina vuole diventare una potenza anche nel campo militare. Per questo Pechino non lesina i propri sforzi per eguagliare e raggiungere gli USA. Un decisivo passo in questa direzione potrebbe arrivare con lo sviluppo del suo primo caccia da combattimento di sesta generazione, che gli esperti sostengono essere una versione superiore degli F-35 statunitensi.

 

Secondo un documento tecnico pubblicato da Yang Wei, il capo progettista del caccia stealth cinese J-20, il jet da combattimento di nuova generazione è progettato per superare tutte le caratteristiche che sono attualmente possedute da un caccia di quinta generazione.

 

Come affermato nel suo articolo, pubblicato su Global Times, "Un jet da combattimento di nuova generazione rivoluzionario, che sovverte la cognizione, caratterizzato da capacità di penetrazione, consapevolezza, potenza di fuoco e rapidità nel processo decisionale a lungo raggio, sta per emergere nel mezzo di una grande sfida tra potenze”. 

 

La tecnologia stealth impiegata dagli F-35 statunitensi lo rende uno dei jet da combattimento più ricercati al mondo. I combattenti utilizzano la furtività avanzata con velocità e agilità da combattimento, informazioni sui sensori completamente fuse, operazioni abilitate alla rete e supporto avanzato. Tuttavia, a causa della natura imprevista della guerra avanzata, potrebbero ancora non riuscire a combattere per essere i migliori aerei.

 

Sono inoltre emersi dei dubbi sull’effettiva furtività dei caccia statunitensi. Radar russi acquisiti anche dall’Iran sono in grado di rilevarli. Così come accaduto in Germania dove un radar è riuscito a tracciare il volo dei caccia in arrivo presso un salone aeronautico. 

 

Mentre diverse nazioni in tutto il mondo sono coinvolte nello sviluppo di jet da combattimento di sesta generazione e le cui configurazioni di base possono differire a causa delle risorse tecnologiche e dell'esperienza a loro disposizione, alcune caratteristiche potrebbero rimanere simili per tutti.

 

Gli esperti ritengono che una delle caratteristiche più salienti di un jet di sei generazione sarebbe la sua capacità di affrontare le missioni con o senza assistenza umana, con l'operatività senza pilota che diventa un prerequisito assoluto per qualsiasi caccia di nuova generazione, che potrebbe essere ulteriormente potenziato se artificiale l'intelligenza (AI) supera tutti gli ostacoli sul suo cammino.

 

Secondo gli esperti, un caccia di sesta generazione mirerà a superare le funzionalità delle flotte già esistenti di velivoli di quinta generazione in tutto il mondo e potrebbe essere equipaggiato con armi laser, derivando la loro energia dai motori dell'aereo o dal sistema di accumulo di energia a bordo.

 

Sarebbero anche più adatti a svolgere missioni di combattimento mentre percorrono distanze maggiori rispetto a qualsiasi caccia di quinta generazione attuale. Mentre la caratteristica più comune dei jet sarebbe la tecnologia stealth, che li aiuta a non essere rintracciabili sul radar, è il segno distintivo di un attuale aereo di quinta generazione.

 

Altre caratteristiche di un velivolo di sesta generazione includerebbero la presenza di radar radio-fotonici, la loro capacità di viaggiare a velocità ipersoniche e volare nello spazio vicino alla Terra. Potrebbero anche essere equipaggiati con droni subsonici, fornendo al pilota la libertà di inviare i veicoli senza pilota in aree pericolose, dove un aereo con equipaggio non sarebbe idealmente in grado di viaggiare.

 

Attualmente sono in corso i lavori sui caccia Tempest del Regno Unito e F-X degli Stati Uniti, entrambi i caccia di sesta generazione. Tuttavia, nessuna delle nazioni ha rivelato informazioni concrete sui rispettivi aerei.

 

Secondo i rapporti, la Cina che attualmente detiene il suo primo caccia stealth di quarta generazione, il J-20 su un piedistallo alto, sta cercando di sviluppare il caccia di nuova generazione entro il 2035 o prima.

 

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti