Documenti britannici: Bush ordinò alla CIA di "sostituire" Arafat durante la Seconda Intifada

Documenti britannici: Bush ordinò alla CIA di "sostituire" Arafat durante la Seconda Intifada

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Documenti pubblicati di recente dall'archivio del governo britannico mostrano che nel 2001 l'allora presidente degli Stati Uniti George W. Bush aveva incaricato la CIA di cercare un possibile successore del leader palestinese Yasser Arafat dopo l'escalation della seconda ("Aqsa") Intifada, ha riferito Al Jazeera citando la BBC.

Secondo i documenti, le istruzioni erano arrivate dopo il fallimento dei negoziati di Camp David del 2000 tra Arafat e l'allora primo ministro israeliano Ehud Barak. Inoltre, mostrano che Bush si aspettava che Ariel Sharon, succeduto a Barak come primo ministro, avrebbe usato la Striscia di Gaza per seminare divisione tra i palestinesi.

I documenti trattano delle discussioni e dei contatti tra Gran Bretagna e Stati Uniti pochi mesi dopo l'ingresso di Bush alla Casa Bianca nel gennaio 2001. La sua amministrazione era dominata dai neoconservatori.

La Seconda Intifada era scoppiata dopo che Sharon aveva fatto irruzione nella moschea di Al-Aqsa scortata da centinaia di membri del personale di sicurezza alla fine di settembre 2000. All'inizio dell'anno successivo era al suo apice.

L'amministrazione Bush aveva invitato Arafat a fermare l'intifada come preludio all'avvio dei negoziati di sicurezza con Israele. Il presidente degli Stati Uniti aveva, tra l’altro, posto il veto a una bozza di risoluzione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite che proponeva l'invio di una forza di osservatori delle Nazioni Unite per proteggere i civili palestinesi dalle forze israeliane nei territori occupati.

Le telefonate tra Bush e l'allora primo ministro britannico Tony Blair si erano concentrate sul conflitto israelo-palestinese e sulla situazione nei territori palestinesi occupati. Blair aveva espresso la sua "preoccupazione" per Arafat, secondo il verbale delle telefonate scritto dal consigliere per gli affari esteri di Blair, John Sawers.

"Arafat", aveva detto Blair, "ha raggiunto i limiti di ciò che può fare in modo costruttivo e sta solo lavorando per mantenere la sua posizione", aggiungendo che il leader palestinese "non ha più nulla da offrire" avendo fatto tutte le possibili concessioni che poteva.

Bush aveva approvato quanto detto da Blair, descrivendo poi Arafat come "debole e inutile". Aveva, quindi, rivelato di aver chiesto alla CIA di cercare possibili successori del leader palestinese, ma era giunto alla conclusione che l'agenzia "ha studiato a fondo la scena palestinese e ha concluso che non è disponibile alcun successore".

Arafat è morto in Francia l'11 novembre 2004 a seguito di un'emorragia cerebrale causata da una sostanza tossica. Tracce di polonio sono state trovate sui suoi vestiti e sul suo corpo. Palestinesi e arabi accusano ancora Israele di averlo assassinato.

I documenti britannici non fanno riferimento alla posizione di Blair sul piano di Bush per sostituire Arafat. Tuttavia, la valutazione generale a Whitehall all'epoca era che Washington sostenesse le azioni di Israele nell'affrontare l'intifada, incluso prendere di mira i membri della cerchia di sicurezza interna di Arafat.

Ventiquattr'ore prima che Blair e Bush parlassero al telefono, Sawers scrisse un rapporto in cui diceva: "L'amministrazione Bush ha preso posizioni dure sul processo di pace in Medio Oriente". Il consigliere ha aggiunto che i commenti di Bush della sera prima, in cui "ha chiesto ad Arafat di fermare la violenza, hanno effettivamente dato la sua benedizione agli attacchi di Israele contro le guardie del corpo di Arafat".

A quel tempo, Israele aveva continuato a portare avanti un'operazione militare contro le guardie del corpo di Arafat, uccidendone una in un attacco con un elicottero, con il pretesto che aveva partecipato ad attacchi contro obiettivi israeliani.

La ricerca di Bush di un sostituto per Arafat era apparentemente contraria alla posizione del Segretario di Stato americano Colin Powell. Durante il suo incontro con Blair a Washington cinque settimane prima, alla presenza di Bush, Powell aveva espresso il suo timore: "Se l'Autorità palestinese crolla, perderemo Arafat". Bush aveva poi descritto Arafat come "un buon commerciante", ma ha aggiunto che "non era sicuro di poter fare un accordo" con Israele.

Powell aveva insistito sul fatto che la violenza doveva essere controllata prima che gli Stati Uniti potessero partecipare attivamente alla soluzione del problema. "Dirò ai partiti regionali che gli Stati Uniti si impegneranno con forza, ma realisticamente". Solo quando le parti erano disposte a impegnarsi, aveva aggiunto, gli Stati Uniti potevano svolgere un ruolo attivo.

Il vicepresidente degli Stati Uniti Dick Cheney aveva espresso una posizione simile. Aveva riferito a Blair che l'amministrazione Bush "non affretterà il processo di pace in Medio Oriente" finché "Sharon non deciderà cosa fare" dopo la formazione del nuovo governo israeliano. Cheney si aspettava che Sharon ritirasse l'offerta fatta dal suo predecessore Barak nei negoziati di Camp David con Arafat, e disse che "questo non sarebbe accettabile per Arafat". Cheney aveva anche sostenuto che i leader del Golfo erano sconvolti dal "negoziato a nome degli arabi su Gerusalemme" di Arafat.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Nella Guantanamo inglese. Le ore decisive di Assange di Geraldina Colotti Nella Guantanamo inglese. Le ore decisive di Assange

Nella Guantanamo inglese. Le ore decisive di Assange

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti