Dichiarazioni neocoloniali di Macron. Algeria vieta volo ad aerei militari francesi

Dichiarazioni neocoloniali di Macron. Algeria vieta volo ad aerei militari francesi

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

L'Algeria ha vietato il sorvolo del proprio territorio agli aerei militari francesi, che solitamente utilizzano il suo spazio aereo per raggiungere o lasciare la striscia sahel-sahariana dove sono schierate le truppe per le operazioni anti terrorismo, hanno riferito i media locali.

Questa decisione arriva in un contesto di tensioni tra Parigi e Algeri, che ha annunciato il 2 ottobre  il "richiamo immediato per consultazione" del suo ambasciatore  a Parigi, esprimendo il suo "rifiuto categorico" delle dichiarazioni attribuite al presidente francese Emmanuel Macron riferite in particolare a " un sistema politico-militare “al potere ad Algeri. "Questa mattina, depositando i piani di volo di due aerei, abbiamo appreso che gli algerini stavano chiudendo il sorvolo del suo territorio agli aerei militari francesi", ha detto all'Afp il colonnello Pascal Ianni, confermando le informazioni rivelate dal quotidiano Le Figaro.

Secondo lui, però, "questo non riguarda operazioni o missioni di intelligence" svolte dalla Francia nel Sahel. "Questo interrompe leggermente il flusso di supporto, gli aerei devono adattare il loro piano di volo, ma ciò non influisce sulle operazioni o sulle missioni di intelligence svolte dalla Francia nel Sahel", ha aggiunto l'ufficiale, assicurando che il personale francese al momento non ha " nessuna preoccupazione in questa fase".

Forti tensioni tra i due paesi mentre si avvicina il 60° anniversario della guerra d'Algeria

Le relazioni tra Parigi e Algeri sono state molto tese negli ultimi giorni, con l'avvicinarsi del 60° anniversario della fine della guerra d'Algeria e della sua indipendenza. Secondo un articolo del quotidiano Le Monde che raccontava un incontro del 30 settembre tra Emmanuel Macron e i giovani discendenti dei protagonisti della guerra d'Algeria (1954-1962), il presidente francese ritenuto che dopo la sua indipendenza nel 1962, l'Algeria fosse costruita su "un rendita della memoria", mantenuta dal "sistema politico-militare".

Secondo Le Monde , Emmanuel Macron ha anche evocato "una storia ufficiale completamente riscritta" che "non si basa su verità" ma su "un discorso che si basa su un odio per la Francia".

Il 29 settembre, anche l'ambasciatore francese François Gouyette è stato convocato al ministero degli Esteri algerino per essere informato di "una protesta formale" dopo la decisione di Parigi di dimezzare i visti concessi agli algerini che desiderano recarsi in Francia.

Il divieto dello spazio aereo algerino agli aerei militari francesi arriva in una delicata fase logistica per lo stato maggiore, che da qualche settimana ha iniziato a riorganizzare il proprio sistema nella striscia sahelo-sahariana.

Su decisione di Emmanuel Macron, la Francia sta per lasciare le basi militari più settentrionali del Mali (Kidal, Timbuktu e Tessalit) e ridurrà il numero delle truppe nel Sahel entro il 2023, a 2.500-3.000 uomini contro gli oltre 5.000 di oggi. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan... di Francesco Santoianni Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Il marcio del finto sindacato viene alla luce di Savino Balzano Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico di Pasquale Cicalese Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico

Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito di Gilberto Trombetta Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito

Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli di Michelangelo Severgnini A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli