Denazificare solo l'est dell'Ucraina? Il dibattito in Russia e il precedente ceceno

Denazificare solo l'est dell'Ucraina? Il dibattito in Russia e il precedente ceceno

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 


di Laura RU


Denazificare e demilitarizzare tutta l'Ucraina o sola la parte orientale del paese? Questo sembra il nocciolo del dibattito in corso in Russia.
Condivido per conoscenza le osservazioni dell'analista Aleksander Nosovich, che qui riporto nella mia traduzione.
 
<Circa 25-30 anni fa, la base di qualsiasi analisi sulla Cecenia era la sua divisione in Cecenia pianeggiante e Cecenia montuosa. Era opinione diffusa che la Cecenia pianeggiante fosse filo-russa mentre la Cecenia montuosa fosse una causa persa: sarebbe stato meglio darla ai Dudayev e blindare il confine in modo che non facessero danni altrove. Il punto di vista era molto popolare, tra la gente, tra le élite e tra gli esperti. Solzhenitsyn aveva suggerito a Eltsin proprio questa soluzione.
Oggi, quasi nessuno fa caso a questa suddivisione perché non significa più nulla, tranne in termini di geografia fisica.
Oggi tutti rimarcano che l'Ucraina è divisa in una zona occidentale (russofoba) e orientale (russofila). E secondo l'opinione comune si deve liberare l'Ucraina orientale (seguendo l'esperienza di Crimea, Donbass, Kherson e Zaporozhye), e non si può fare nulla per l'Ucraina occidentale: tranne lasciare che la Polonia se la mangi e le resti sullo stomaco.
Alla base di questo ragionamento sta il fatto che questa è l'opinione della maggioranza. Io stesso ho molti argomenti a favore di questo approccio, ma, per onestà intellettuale, propongo di ricordare anche l'esperienza della Cecenia. Potrebbe anche essere che tra 25-30 anni nessuno si ricorderà che l'Ucraina (o quello che ci sarà al suo posto) era un tempo divisa in Ucraina occidentale e orientale.
Il ruolo chiave, se questo secondo scenario si realizzasse, lo giocherebbe proprio la Bielorussia. E potrebbe essere una conseguenza della decisione di Putin di trasferire a Mink i missili Iskander che, non dimentichiamolo, sono in grado di sferrare un attacco nucleare.>

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan... di Francesco Santoianni Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano di Savino Balzano Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

30 anni di pagliacci. E' il lavoro la misura di ogni cosa di Pasquale Cicalese 30 anni di pagliacci. E' il lavoro la misura di ogni cosa

30 anni di pagliacci. E' il lavoro la misura di ogni cosa

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

Privatizzazioni e imprese di stato. Fact Checking completo di Gilberto Trombetta Privatizzazioni e imprese di stato. Fact Checking completo

Privatizzazioni e imprese di stato. Fact Checking completo

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli di Michelangelo Severgnini A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti