Damasco denuncia: Conferenza sul disarmo usata da USA e Francia per attaccare la Siria

Damasco denuncia: Conferenza sul disarmo usata da USA e Francia per attaccare la Siria

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.

 

Il ministro degli esteri siriano, Faisal Mekdad, ha criticato il fatto che alcuni paesi stiano cercando di utilizzare la piattaforma della Conferenza sul disarmo per regolare i conti con alcune nazioni che non sono d'accordo con le loro posizioni e politiche ostili, e ha denunciato che questi paesi hanno tentato per anni di minare la credibilità dei meccanismi che sono stati stabiliti dagli accordi approvati in Conferenza.

Durante il suo intervento da remoto nella Conferenza sul disarmo, il ministro degli Esteri siriano ha sottolineato che la politicizzazione del lavoro dell'Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche (OPCW) ha rappresentato una minaccia per la credibilità e il futuro di questo entità.

Ha spiegato che la pressione esercitata da Stati Uniti e Occidente sulla Segreteria Tecnica della stessa mira a trasformare l'OPCW in uno strumento per indirizzare i paesi firmatari dell'accordo al servizio degli interessi geopolitici di Washington, unica nazione che continua ad avere armi chimiche dalla seconda guerra mondiale ad oggi.

"Gli Stati Uniti e la Francia cercano di promuovere nuove bozze di risoluzioni al fine di creare pretesti per ulteriori aggressioni contro la Siria e per incoraggiare le organizzazioni terroristiche a fabbricare nuovi scenari chimici al servizio delle politiche ostili degli Stati Uniti e di Israele", ha detto il capo della diplomazia siriana. ..

Ha sottolineato che la Siria non permetterà che questi giochi si svolgano, né consentirà a organizzazioni internazionali come l'OPCW di essere strumentalizzate a favore delle politiche occidentali, e ha sottolineato che questa "è responsabilità di tutti gli stati membri di questa organizzazione e di questa conferenza in particolare.".

Il ministro degli Esteri ha ribadito il sostegno della Siria agli sforzi per realizzare il disarmo nucleare, una delle principali priorità della conferenza, raggiungendo un accordo che garantisca l'eliminazione delle armi nucleari in modo non discriminatorio.

“La Siria rinnova il suo sostegno al progetto di trattato proposto da Russia e Cina sulla prevenzione della diffusione di armi nello spazio, così come il suo sostegno per l'avvio dei negoziati alla Conferenza su una bozza di convenzione per combattere il terrorismo chimico e biologico. Il testo proposto dalla Russia per migliorare il quadro giuridico della lotta al terrorismo in modo che includa tutte le armi di distruzione di massa”, ha precisato.

Ha anche ribadito che il rifiuto dell'entità israeliana - l'unica parte che continua ad acquisire armi di distruzione di massa nella regione - di aderire a tutti i trattati e accordi importanti relativi al divieto e alla prevenzione della diffusione di tali armi lo rende la principale minaccia alla pace e alla sicurezza regionali.

Inoltre, ha ribadito il sostegno della Siria alla richiesta dell'Iran per il ritorno degli Stati Uniti al piano nucleare senza restrizioni o precondizioni.

Ha concluso il suo discorso affermando che "la Siria accoglie con favore l'iniziativa del presidente russo Vladimir Putin, che ha portato all'annuncio dell'estensione del Trattato"New Start"per altri cinque anni senza precondizioni" e ribadisce la sua speranza che l'approvazione della proposta degli Stati Uniti alla Russia di estendere questo trattato costituisce un nuovo inizio attraverso il quale quest'ultima adempirà ancora una volta ai suoi obblighi ai sensi degli accordi e dei trattati internazionali e abbandonerà le sue politiche unilaterali che hanno esposto la pace e la sicurezza internazionale a grandi rischi negli ultimi anni.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

Uscire dal lockdown delle menti Uscire dal lockdown delle menti

Uscire dal lockdown delle menti

Keynes contro il capitalismo di Thomas Fazi Keynes contro il capitalismo

Keynes contro il capitalismo

Il "crimine" della sedia che nasconde quelli veri di Erdogan di Giuseppe Masala Il "crimine" della sedia che nasconde quelli veri di Erdogan

Il "crimine" della sedia che nasconde quelli veri di Erdogan

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti