Dai droni Bayraktar alla cooperazione con la Russia. La risposta della Turchia all'esclusione dal programma F-35

Dai droni Bayraktar alla cooperazione con la Russia. La risposta della Turchia all'esclusione dal programma F-35

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Non tutti mali vengono per nuocere, si suol dire. Questo è proprio il caso della Turchia. Ankara è stata estromessa dal programma F-35 perché ha acquistato i sistemi antimissile S-400 prodotti dalla Russia. Secondo gli Stati Uniti questi armamenti sarebbero incompatibili con le strutture difensive della NATo e metterebbero in pericolo i caccia stealth di quinta generazione prodotti dagli Stati Uniti. I nordamericani sono stati inflessibili e hanno proceduto all’esclusione della Turchia dal programma, nonostante il paese produca alcuni pezzi essenziali della fusoliera dei caccia ed avesse già provveduto al pagamento di alcuni esemplari di caccia stealth che dovevano andare a rinnovare la propria flotta. 

Ma come dicevamo in apertura non tutti i mali vengono per nuocere. L’esclusione dal programma F-35 ha spinto la Turchia a produrre un ulteriore sforzo a produrre in patria le attrezzature necessarie a rinforzare il proprio esercito, rendendolo autosufficiente riducendo la dipendenza dagli appalti esteri.

Molto è cambiato nell'ultimo decennio. Secondo alcuni osservatori presto Ankara potrebbe diventare un paese esportatore di armamenti. 

La 15a Fiera internazionale della difesa (IDEF 2021), segnala il quotidiano turco Daily Sabah, è stata la tappa più recente che ha mostrato le ultime novità dell'industria della difesa turca, dai veicoli corazzati speciali ai missili guidati, fino ai famigerati droni. Fiore all’occhiello della Turchia. 

Sistemi autonomi 

I sistemi e le piattaforme senza pilota di Ankara sono ormai rinomati. Oltre alla principale compagnia di aviazione Turkish Aerospace Industries (TAI) e agli ultimi velivoli da combattimento senza pilota del magnate dei droni Baykar - entrambi già definiti come ‘game changers’ per il corso della guerra, in particolare dopo l'uso comune dei loro prodotti sul campo - c'erano diverse aziende che hanno presentato loro sistemi non presidiati o autonomi.

L'UAV a decollo e atterraggio verticale (VTOL) chiamato Cagatay, l'unico drone del paese con capacità di controllo satellitare nella classe UAV sotto il cloud, è stato sviluppato e presentato dalla società turca Uavera.

Questo particolare drone utilizza un motore elettrico per il decollo e l'atterraggio verticali. Pertanto, non richiede una pista o un lanciatore a catapulta per decollare. 

Katmerciler, un produttore leader di veicoli terrestri, d'altra parte, insieme ai suoi veicoli blindati, ha mostrato la sua piattaforma per armi telecomandate (UKAP), che è il primo esempio del suo genere in Turchia. Il veicolo sarà in grado di servire in zone di scontro "calde" con funzioni di controllo remoto, contribuendo alla massima protezione della sicurezza del personale durante le operazioni in città e fuori.

La FNSS, un altro importante produttore di veicoli terrestri attivo nei mercati esteri, era presente alla fiera con il suo concept di veicolo senza pilota (UGV) Golge Suvari (Shadow Rider). 

Armelsan Defense Technologies ha presentato Kasif, veicolo subacqueo telecomandato (ROV). Inizialmente sviluppato per essere utilizzato come veicolo di supporto all'osservazione della perforazione nelle attività di esplorazione di idrocarburi.

Kasif 1, la prima piattaforma ibrida di nuova generazione in grado di immergersi per 3.000 metri, è stata sviluppata per la nave di perforazione Fatih, che ha realizzato la più grande scoperta di gas naturale della Turchia nel Mar Nero. Il secondo dei robot, Kasif 2, è stato sviluppato per la nave di perforazione Kanuni. 

Il cantiere navale turco Ares, ha sviluppato la prima nave corazzata di superficie senza equipaggio (AUSV), in collaborazione con Meteksan Defense Industry Inc., con sede ad Ankara, ora lavora per produrre un veicolo antisommergibile senza equipaggio (ASW). 

Havelsan, nel frattempo, ha introdotto il suo concetto di "truppe digitali", caratterizzato dall'operazione congiunta di UAV e UGV.

Tutte le piattaforme senza pilota, sia quelle più piccole sviluppate per scopi civili, sia gli UCAV “particolarmente popolari” come Bayraktar TB2, che gode ancora di grande risalto grazie al suo uso attivo sul campo in Siria, Libia e Nagorno-Karabakh, indicano che la Turchia non ha intenzione di rallentare in questo campo. È piuttosto intenzionata a offrire le soluzioni più aggiornate ai potenziali clienti.

Missili guidati

L’industria della Difesa turca si segnala molto attiva anche nello sviluppo di sistemi missilistici guidati. Il Consiglio di ricerca scientifica e tecnologica della Turchia (TUBITAK) Defence Industries Research and Development Institute (SAGE) - produttore dei missili aria-aria domestici a raggio visivo (WVRAAM) Bozdogan e Gokdogan, un missile aria-aria oltre il raggio visivo missile (BVRAAM) – ha ulteriormente sviluppato i suoi sistemi, tra cui la nuovissima famiglia di munizioni modulari guidate Kuzgun, i kit di guida di nuova generazione Gokce e Gozde e le munizioni miniaturizzate a guida laser Bozok. La serie di munizioni guidate Kuzgun presenta una varietà di testate da frammentazione, termobariche e per uso generale a penetratore e metodo di guida - INS / GPS o solo INS - insieme a opzioni di ricerca (imaging a infrarossi - IIR, radar a onde millimetriche o laser).

Il principale sviluppatore di missili Roketsan, nel frattempo, ha presentato il suo missile antinave Atmaca, al siluro leggero Orka e al siluro pesante Akya.

Lo sviluppo di questo particolare siluro - un siluro di classe pesante di nuova generazione che può essere lanciato da sottomarini contro altri obiettivi sottomarini di classi diverse - è iniziato nel 2009 in base a un contratto firmato tra l'allora sottosegretario per le industrie della difesa, SSB, Roketsan, TUBITAK e il comando del Centro di ricerca navale turco (ARMERKOM).

L'Akya lungo 7 metri e 1,2 tonnellate con un diametro di 533 mm è dotato di una testa sonar attiva/passiva, mentre la guida interna è fornita tramite cavi interni e in fibra ottica. Utilizza la guida della scia contro gli obiettivi di superficie. Ha un'autonomia di 15 chilometri (24 miglia) a una velocità di crociera di 40 nodi.

Cooperazione internazionale

C’è stato un cambiamento significativo nell’ambito della cooperazione nel settore Difesa con altri paesi. Un cambiamento che significa meno paesi europei e più interesse da paesi come Russia, Ucraina e Pakistan – tutti e tre i quali potrebbero sviluppare relazioni di difesa con Ankara, anche se non su basi e livelli simili.

Rosoboronexport ha presentato prodotti dei principali produttori di difesa della Russia, vale a dire, Kalashnikov Concern, UralVagonZavod (UVZ) Concern, United Aircraft Corporation (UAC) e Russian Helicopters, che sono sussidiarie di Rostec, Almaz-Antey Air and Space Defense Corporation, tra gli altri, ha presentato l'ultimo Equipaggiamento militare russo per la prima volta. I prodotti includevano il caccia di quinta generazione Su-57E, la resistenza alle mine Typhoon K-63969, un veicolo protetto da imboscate (MRAP) e il sistema UAV da ricognizione/attacco Orion-E.

La Russia ha inoltre proposto di offrire la propria assistenza alla Turchia nello sviluppo del caccia staelth di quinta generazione TF-X, che Ankara sta sviluppando e vuole produrre domesticamente. Il nuovo caccia turco andrà a prendere il posto nella flotta che dovevano occupare gli F-35. Nel frattempo la Turchia potrebbe acquisire i caccia russi Su-57. 

Non solo Russia. L'Ucraina ha stretto una partnership strategica con la Turchia, che copre l'approvvigionamento di corvette e UAV turchi insieme alla possibile fornitura di motori per elicotteri turchi. Kiev ha più volte manifestato la volontà di sviluppare ulteriormente i propri rapporti con Ankara, con particolare rilievo alla difesa e all'industria.

Secondo il CEO di Ukrspecexport Vadym Nozdria, che ha parlato con Ukrinform, i ricavi dei contratti turchi ammontavano ad almeno il 15% degli utili di Ukrspecexport lo scorso anno, che hanno fruttato oltre 30 milioni di dollari.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Il sindacato quando scenderà in piazza per i lavoratori? di Savino Balzano Il sindacato quando scenderà in piazza per i lavoratori?

Il sindacato quando scenderà in piazza per i lavoratori?

Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni di Thomas Fazi Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni

Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta di Antonio Di Siena Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

La violenza di Schrodinger di Gilberto Trombetta La violenza di Schrodinger

La violenza di Schrodinger

La rabbia sociale non è fascismo di Michelangelo Severgnini La rabbia sociale non è fascismo

La rabbia sociale non è fascismo

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti