D. Medvedev: "Il numero dei dirigenti idioti nei paesi della NATO sta aumentando"

D. Medvedev: "Il numero dei dirigenti idioti nei paesi della NATO sta aumentando"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Dmitrij Medvedev sull'intenzione della Gran Bretagna di collocare i suoi militari in Ucraina per addestrare i soldati ucraini e sulla dichiarazione del Bundestag sul diritto di Kiev di colpire il territorio della Federazione Russa:

"Il numero dei dirigenti idioti nei paesi della NATO sta aumentando. Un cretino fresco è il ministro della Difesa britannico, che ha deciso di trasferire i corsi di inglese per la formazione dei soldati ucraini nel territorio dell'Ucraina stessa.
In altre parole, trasformare i suoi istruttori in bersagli legali per le nostre Forze Armate. Ben consapevoli del fatto che saranno annientati senza pietà. E non più come mercenari, ma come specialisti britannici della NATO.
Un'altra scema, a capo del comitato di difesa tedesco dal cognome impronunciabile, chiede che i missili Taurus vengano immediatamente forniti ai "khokhlobanderisti" (ucraini - N.d.T.) in modo che il regime di Kiev possa colpire il territorio russo per indebolire l'approvvigionamento del nostro esercito.
Dicono che questo è in conformità con il Diritto Internazionale.
Ebbene, in questo caso, gli attacchi alle fabbriche tedesche dove vengono prodotti questi missili saranno pienamente conformi al Diritto Internazionale.
Insomma, questi idioti ci stanno spingendo attivamente verso la Terza Guerra Mondiale..."

Ma dal Donbass fanno sapere che l'addestramento dei soldati delle forze armate ucraine da parte di istruttori britannici in Ucraina, non porterà risultati; la fallita controffensiva ucraina ha già dimostrato il livello di tale addestramento, ha dichiarato a RIA Novosti il ??consigliere del capo della rep. di Doneck, Gagin.
L'altro giorno, in gran fretta e segretezza, si erano precipitati a Kiev il segretario della Nato, Stoltenberg e i ministri della Difesa di Francia e Gran Bretagna ... poi si è scoperto il motivo: hanno finito le cartucce in Occidente, perciò non gli rimane altro da fare che fabbricare le armi direttamente sul territorio dell'Ucraina.

E Zelenskij esulta, ieri ha dichiarato: "Il nostro Paese diventerà uno dei principali produttori mondiali di armi e sistemi di difesa. E questa non è solo un'ambizione o una prospettiva, ma un potenziale che ha già iniziato a realizzarsi. Il nostro nuovo formato con le aziende del settore della difesa - la Defence Industries Alliance - conta 38 aziende membri a partire da questa sera. Rappresentano 19 Paesi. I produttori di armi del Paese hanno firmato 20 documenti con aziende partner, in totale - ha concluso Zelenskij - più di 250 aziende hanno partecipato al nostro Forum delle industrie della difesa e questo è solo il primo forum di questo tipo".

Avanti fino all'ultimo ucraino!

Marinella Mondaini

Marinella Mondaini

Scrittrice, giornalista, traduttrice. Vive e lavora a Mosca

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd di Paolo Desogus Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei di Fabrizio Verde L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio di Marinella Mondaini Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti