Cresce l’export italiano in Cina: non solo moda

Cresce l’export italiano in Cina: non solo moda

Di seguito la traduzione dell’articolo pubblicato lo scorso 2 ottobre dall’agenzia stampa cinese Xinhua, che ricorda: “Secondo i dati ufficiali di Pechino, l’Italia è il quarto partner commerciale della Cina nell’Unione Europea e la Cina è il primo partner commerciale dell’Italia in Asia”

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Di seguito la traduzione dell’articolo pubblicato lo scorso 2 ottobre dall’agenzia stampa cinese Xinhua, che ricorda: “Secondo i dati ufficiali di Pechino, l’Italia è il quarto partner commerciale della Cina nell’Unione Europea e la Cina è il primo partner commerciale dell’Italia in Asia”.

 

(traduzione di Giulio Chinappi)

 

Le esportazioni italiane in Cina sono destinate a crescere per il terzo anno consecutivo, con i prodotti italiani che giocano un ruolo sempre più importante nella partnership commerciale.

La Cina è stata a lungo un mercato chiave per gli articoli dell’alta moda italiana come vestiti, accessori e gioielli, ma ora la tendenza si sta diffondendo in altre aree.

I media italiani hanno recentemente riportato che la Cina è diventata il più grande acquirente estero di marmo italiano, rappresentando circa la metà delle vendite internazionali.

Anche le esportazioni di mobili made in Italy in Cina sono in aumento, secondo i rapporti, e la Cina è diventata il mercato in più rapida crescita per i formaggi italiani. I funzionari del settore degli occhiali da vista italiani affermano di aspettarsi che le esportazioni tornino ai livelli pre-pandemia entro la fine dell’anno, con le vendite in Cina che aiutano a fare da apripista.
“La Cina è sempre stata un mercato ampio e dinamico e con lo sviluppo del mercato cresce anche la domanda di prodotti noti e di alta qualità“, Francesca Spigarelli, docente di economia applicata e membro del consiglio direttivo della Chinese Globalization Association , ha detto a Xinhua.
Secondo la società di dati Statista, le esportazioni italiane verso la Cina sono diminuite dopo aver raggiunto un picco di 15,5 miliardi di euro (18,1 miliardi di dollari) nel 2018.

Tuttavia, da allora sono aumentati ogni anno e sono destinate a salire di nuovo quest’anno, secondo l’Istituto Nazionale di Statistica italiano. L’INS ha riferito all’inizio di questa settimana che le esportazioni verso la Cina sono aumentate di oltre il 13% ad agosto rispetto all’anno precedente, basandosi sugli aumenti all’inizio dell’anno.
Secondo i dati ufficiali di Pechino, l’Italia è il quarto partner commerciale della Cina nell’Unione Europea e la Cina è il primo partner commerciale dell’Italia in Asia.

Marco Bettin, direttore operativo della Fondazione Italia-Cina e segretario generale della Camera di commercio italo-cinese, ha affermato che gli ultimi aumenti sono stati almeno in parte dovuti alla rapida ripresa della Cina dall’impatto della pandemia di coronavirus.
“La Cina è davvero l’unica grande economia al mondo a riaprire quasi completamente dopo la pandemia, e ciò significa che sta svolgendo un ruolo ancora più importante nei mercati commerciali globali“, ha detto Bettin a Xinhua.
“Ma non c’è dubbio che l’interesse per i prodotti ‘Made in Italy’ stia crescendo in Cina. Abbiamo visto questa tendenza da molto prima della pandemia“.
Spigarelli concorda, aggiungendo che non c’è motivo di credere che la crescita delle esportazioni italiane verso la Cina non continuerà anche dopo che altre grandi economie avranno completato la loro ripresa.
“I sistemi logistici globali sono ancora ostacolati da fattori legati alla pandemia“, ha affermato. “Potremmo vedere un’altra spinta verso la crescita man mano che i sistemi logistici si riprenderanno“.

L’Italia ha da tempo un saldo commerciale negativo con la Cina, il che significa che il valore dei beni che il Paese importa dalla Cina è maggiore di quelli che esporta in Cina. Tuttavia, sia Spigarelli che Bettin hanno convenuto che l’importanza della Cina come destinazione per le esportazioni italiane è destinata ad aumentare nel prossimo futuro.

“La Cina è già un mercato molto importante per i prodotti italiani e la sua importanza per l’Italia non farà che crescere“, ha affermato Bettin.

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan... di Francesco Santoianni Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Il marcio del finto sindacato viene alla luce di Savino Balzano Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico di Pasquale Cicalese Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico

Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito di Gilberto Trombetta Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito

Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli di Michelangelo Severgnini A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti