Consiglio diritti umani Onu, Pechino: "I doppi standard priveranno la Russia della sua legittima appartenenza"

Consiglio diritti umani Onu, Pechino: "I doppi standard priveranno la Russia della sua legittima appartenenza"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il governo cinese ha esortato a non politicizzare il campo dei diritti umani e a non utilizzare questa cooperazione come strumento di aggressione, ha affermato oggi il portavoce del ministero degli Esteri cinese Zhao Lijian durante un briefing sulla risoluzione che ha sospeso l'adesione dalla Russia al Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite.

"La Cina si oppone alla politicizzazione e alla strumentalizzazione delle questioni relative ai diritti umani, si oppone ai doppi standard selettivi e alle pratiche di confronto sulle questioni dei diritti umani e si oppone all'uso dei diritti umani per fare pressione su altri paesi ", ha ribadito il portavoce.

Ieri, l'Assemblea generale delle Nazioni Unite ha votato la sospensione della Russia dal Consiglio per i diritti umani. La mossa segue le accuse contro l'esercito russo di aver ucciso civili nella città ucraina di Bucha, ripetutamente smentite da Mosca. La risoluzione è stata approvata con i voti favorevoli di 93 paesi, 24 contrari e 58 astenuti.

Pechino ha osservato che questa risoluzione priverà la Russia della sua "legittima appartenenza" al Consiglio per i diritti umani e che questioni così importanti dovrebbero essere trattate con cautela, "sulla base dei "fatti e verità, e gestite con calma, obiettività e razionalmente".

Allo stesso modo, il governo cinese insiste sul fatto che il processo di redazione delle corrispondenti risoluzioni " non è stato aperto o trasparente, né si sono svolte consultazioni con tutti gli Stati membri, come di consueto, né le opinioni sono state ampiamente ascoltate". Quindi non farà che aggravare la divisione degli Stati membri, intensificherà ulteriormente lo scontro e avrà un impatto maggiore sul sistema di governance delle Nazioni Unite, "con gravi conseguenze", ha aggiunto Lijian.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale di Giorgio Cremaschi La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La vera storia del "default russo" spiegata bene di Marinella Mondaini La vera storia del "default russo" spiegata bene

La vera storia del "default russo" spiegata bene

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

L'inflazione come strumento della lotta di classe di Gilberto Trombetta L'inflazione come strumento della lotta di classe

L'inflazione come strumento della lotta di classe

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti