Completato gasdotto russo North Stream 2. Lavrov: "Fallimento sanzioni Usa"

Completato gasdotto russo North Stream 2. Lavrov: "Fallimento sanzioni Usa"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

La compagnia russa del gas Gazprom ha annunciato, questa mattina, il completamento della costruzione del gasdotto Nord Stream 2. Il progetto aumenterà le capacità di consegna del gasdotto Nord Stream 1 e raddoppierà la fornitura di gas naturale dalla Russia alla Germania attraverso il Mar Baltico.

In una dichiarazione rilanciata dai media russi, Alexey Miller, presidente del colosso energetico con sede a San Pietroburgo, ha affermato che "alle 8:45 di questa mattina, ora di Mosca, i lavori sul gasdotto Nord Stream 2 sono stati completati".

All'inizio di questa settimana, il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha rivelato che la posa dei tubi sotto il Mar Baltico sarà "completata in pochi giorni e inizierà a funzionare". 

Il gas dovrebbe iniziare a fluire attraverso la sua rete dall'inizio del prossimo mese e che sono in corso i test finali e i preparativi. 

Secondo Lavrov, gli sforzi del governo degli Stati Uniti per fermare la costruzione attraverso sanzioni e pressioni politiche sono falliti. Tuttavia, ha aggiunto, "c'è ancora un attacco frontale, nonostante tutto, su Nord Stream 2",  nonostante "tutti sappiano che gli americani se ne sono resi conto [che sarà completato]".

Il mese scorso, il presidente americano Joe Biden aveva presentato un nuovo pacchetto di sanzioni rivolto alle imprese coinvolte nella sua costruzione, sostenendo che il completamento del progetto aumenterebbe l'influenza della Russia nei mercati energetici europei, indebolendo "l'Ucraina e i paesi del fianco orientale della NATO e dell'UE".  Il gasdotto, aveva aggiunto la Casa Bianca, minaccia quindi "la sicurezza nazionale, la politica estera e l'economia degli Stati Uniti".

Le misure di Washington sono arrivate quando il cancelliere tedesco Angela Merkel ha visitato Mosca per un vertice con il presidente russo Vladimir Putin, e nonostante Biden avesse precedentemente ammesso che era "quasi completato".  

A maggio, il presidente degli Stati Uniti ha ammesso che "andare avanti e imporre sanzioni ora, penso sia controproducente in termini di relazioni europee". 

Berlino e Washington avevano anche firmato un accordo in base al quale gli americani avrebbero cessato di opporsi al Nord Stream 2, a condizione che la Germania si impegnasse a sostenere le sanzioni contro Mosca se utilizzasse il gasdotto per "aggressione".

La Russia insiste sul fatto che il gasdotto è un passo fondamentale per garantire l'approvvigionamento energetico del continente e fornire gas a basso costo dalla Siberia ai consumatori dell'Europa occidentale. Mosca ha negato di aver intenzione di utilizzare il nuovo collegamento per tagliare l'energia dalla vicina Ucraina.

Tuttavia, Kiev insiste sul fatto che rischia di perdere miliardi in tasse di transito del gas se le forniture vengono spostate attraverso il Nord Stream 2, invece che la sua rete sotterranea di tubi di fabbricazione sovietica, che sono stati costruiti da Mosca quando entrambi i paesi erano membri dell'Unione Sovietica. 

A giugno, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky aveva spiegato ad una delegazione in visita del Congresso degli Stati Uniti che uno scenario del genere priverebbe Kiev di circa 3 miliardi di dollari all'anno, rendendola incapace di finanziare le sue forze armate. 

Tuttavia, la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova ha respinto le affermazioni, ricordando che la Russia "ha implementato e continuerà ad attuare i suoi progetti economici indipendentemente da eventuali sanzioni", insistendo sul fatto che Washington e Kiev stavano tentando di costringere gli stati dell'Europa occidentale a prendere decisioni contro i propri interessi.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Il sindacato quando scenderà in piazza per i lavoratori? di Savino Balzano Il sindacato quando scenderà in piazza per i lavoratori?

Il sindacato quando scenderà in piazza per i lavoratori?

Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni di Thomas Fazi Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni

Il paradosso dell'antifascismo di oggi a San Giovanni

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta di Antonio Di Siena Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

La violenza di Schrodinger di Gilberto Trombetta La violenza di Schrodinger

La violenza di Schrodinger

La rabbia sociale non è fascismo di Michelangelo Severgnini La rabbia sociale non è fascismo

La rabbia sociale non è fascismo

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti