Compatisco chi consideri la Libia questione minore

Compatisco chi consideri la Libia questione minore

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Ieri è stato riportato che più di mille migranti siano sbarcati in Italia.

Venerdì scorso ospite di Manlio Dinucci su Byoblu ho proposto 2 interviste che riscrivono 10 anni di narrazioni fiabesche su questi sbarchi.

Il governo italiano manda soldi a Tripoli non per fermare i migranti ma per armare le milizie che sottraggono il petrolio libico e lo avviano illegalmente verso l'Italia con l'aiuto della mafia.

Chiunque abbia cercato di raccontare questa storia negli ultimi anni è stato fatto secco o zittito con metodi più o meno convenzionali, a cominciare dalla giornalista Daphne Caruana Galizia uccisa nell'ottobre 2017.

Io nel mio piccolo sono stato zittito in questi 4 anni con metodi più soft: silenzio e isolamento di fronte a prove inconfutabili, revoca dei fondi, creazione di epigoni che scimmiottano in senso globalista il mio lavoro, diffamazione sotterranea.

Ora sappiate che più la Libia è strategica per l'Italia, meno se ne parla.

E questa non è una svista. È propaganda di guerra, quella che vuole recidere i canali vitali tra Italia e Libia per renderci poveri, incattiviti, confusi e infine docili servi.

Ora che è il momento di stendere i programmi elettorali, la congiura del silenzio e la congiura della priorità si abbatteranno su questa storia. Ancora una volta.

Ma considerare la Libia non priorotaria è una malattia, per noi italiani. È il sintomo di una propaganda di guerra che ha fatto il suo effetto.

Io qualche antidoto lo propongo indefesso da anni.

Si chiama informazione diretta, orizzontale, senza filtri.

Ma questo è un paese di zombi e le agende straniere, che siano americane, tedesche o russe, ci piacciono più della nostra.

Guarda la puntata di "Pangea - Grandangolo":
https://www.byoblu.com/2022/07/22/le-soffocanti-braccia-aperte-delloccidente-grandangolo-pangea/

Michelangelo Severgnini

Michelangelo Severgnini

Regista indipendente, esperto di Medioriente e Nord Africa, musicista. Ha vissuto per un decennio a Istanbul. Ora dalle sponde siciliane anima il progetto "Exodus" in contatto con centinaia di persone in Libia. Di prossima uscita il film "L'Urlo"

Potrebbe anche interessarti

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

L’Iran come la Siria nel 2011? di Francesco Santoianni L’Iran come la Siria nel 2011?

L’Iran come la Siria nel 2011?

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE di Marinella Mondaini L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso" di Antonio Di Siena Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva? di Michelangelo Severgnini Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo di Paolo Pioppi Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra