Come la propaganda garantisce la guerra in Libia

Come la propaganda garantisce la guerra in Libia

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il punto non è essere o non essere d'accordo.

Il punto è aver capito la questione.

Quella con cui il governo italiano firma accordi non è la Libia. È una giunta militare coloniale che controlla solo Tripoli e dintorni.

Nel momento in cui i sostenitori di questa protesta le riconoscono lo status di rappresentanza dell'intero Paese, negano in quello stesso momento l'esistenza di autorità legittime in esercizio sulla quasi totalità della Libia.

È questo l'obiettivo principale di questa campagna. Dare la percezione che quella giunta militare coloniale sia uno Stato e sia la Libia tutta, con la quale noi semplicemente ci relazioniamo in modo "sbagliato".

Ma negare l'esistenza delle legittime autorità libiche è precisamente lo stesso obiettivo che persegue la propaganda di guerra NATO sui propri cittadini dal 2011 oggi.

E dunque. Che gioco stanno facendo?

Ah, poi gli accordi saranno firmati, nessun dubbio, le violenze contro i migranti in Libia, ahimè, continueranno.

Perché il punto non era quello. La domanda non era quella.

Non si tratta di armare le milizie per fermare i migranti, ma per proteggere militarmente Tripoli e i nostri sporchi affari con la giunta Dabaiba.

I migranti sono un ennesimo regalo per la giunta. Noi creiamo l'illusione dell'Europa, le milizie riducono in schiavitù chi pensava di andarci e ci fatturano centinaia di milioni di euro ogni anno.

Ritagliarsi il ruolo di "giusti e salvatori" a disprezzo della realtà dei fatti è un malcostume eurocentrico e colonialista.

Bravi, dunque, come siete umani voi.

 

ACQUISTALO ORA

 
 
 

Michelangelo Severgnini

Michelangelo Severgnini

Regista indipendente, esperto di Medioriente e Nord Africa, musicista. Ha vissuto per un decennio a Istanbul. Ora dalle sponde siciliane anima il progetto "Exodus" in contatto con centinaia di persone in Libia. Di prossima uscita il film "L'Urlo"

Potrebbe anche interessarti

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista di Francesco Erspamer  Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Sa(n)remo arruolati in guerra di Giorgio Cremaschi Sa(n)remo arruolati in guerra

Sa(n)remo arruolati in guerra

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?   di Bruno Guigue Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'(ancien) Regime di Antonio Di Siena L'(ancien) Regime

L'(ancien) Regime

C'era una volta il servizio sanitario nazionale di Gilberto Trombetta C'era una volta il servizio sanitario nazionale

C'era una volta il servizio sanitario nazionale

I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara di Michelangelo Severgnini I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara

I libici assaltano il complesso dell'Eni a Zuwara

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano di Pasquale Cicalese Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente di Damiano Mazzotti Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente