China Daily - La visita della Segretaria al Commercio USA Raimondo in Cina avrà un impatto limitato sui legami bilaterali

China Daily - La visita della Segretaria al Commercio USA Raimondo in Cina avrà un impatto limitato sui legami bilaterali

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

L'amministrazione Biden ha adottato misure contro la Cina che appaiono incoerenti e controproducenti. Nonostante le visite di alti funzionari negli ultimi mesi, tra cui la Segretaria al Commercio Gina Raimondo, la situazione rimane problematica. Queste misure sembrano poco efficaci nel contenere la Cina e la visita di Raimondo non sembra promettere cambiamenti significativi.

La visita della Segretaria al Commercio degli Stati Uniti, Gina Raimondo, in Cina rappresenta l'ultima in una serie di visite di alto livello da parte dell'amministrazione di Joe Biden. Precedentemente, il Segretario di Stato Antony Blinken, la Segretaria del Tesoro Janet Yellen e l'inviato presidenziale speciale per il Clima, John Kerry, avevano visitato Pechino. Queste visite sono parte degli sforzi dell'amministrazione Biden per evitare ulteriori deterioramenti nelle relazioni bilaterali e per normalizzare i legami tra Stati Uniti e Cina.

Ma cosa possiamo aspettarci dalla visita di Raimondo? 

Dal punto di vista cinese, le questioni prioritarie includono i dazi punitivi imposti sui beni cinesi dall'amministrazione Trump precedente, che l'amministrazione Biden non ha ritirato; l'inclusione di più imprese cinesi nell'Entity List; il controllo sulle esportazioni e gli investimenti all'estero; e il processo di revisione del Committee on Foreign Investment in the US per gli investimenti cinesi negli Stati Uniti. Alcune di queste questioni riguardano direttamente Raimondo come Segretaria al Commercio.

Tuttavia, se le visite dei tre alti funzionari statunitensi precedenti non sono riuscite a ottenere progressi concreti, non c'è motivo di credere che la visita di Raimondo cambierà drasticamente la situazione. La tensione tra gli Stati Uniti e la Cina richiederebbe una volontà politica e un coraggio considerevoli per essere attenuata, elementi che sembrano mancare all'amministrazione Biden. Tutto indica che l'amministrazione Biden non è disposta a concedere alle richieste della Cina di revocare i dazi sui beni cinesi e sulle esportazioni di tecnologia.

Tuttavia, il tentativo di Washington di limitare il flusso di capitale e tecnologie non avrà un impatto devastante sul percorso di sviluppo tecnologico della Cina. L'unico effetto sarà che la comunità di venture capital statunitense perderà un mercato redditizio.

—————

di John Gong - China Daily

 

Il ministro del Commercio americano Gina Raimondo è il quarto funzionario di alto rango dell'amministrazione Joe Biden a visitare la Cina negli ultimi mesi. Il segretario di Stato americano Antony Blinken, il segretario al Tesoro Janet Yellen e l'inviato presidenziale speciale per il clima John Kerry hanno visitato Pechino prima di lei negli ultimi mesi. Queste visite, secondo i rapporti, fanno parte dei tentativi dell’amministrazione Joe Biden di evitare che le relazioni bilaterali si deteriorino ulteriormente e di normalizzare i legami sino-americani.

Ma cosa dobbiamo aspettarci dalla visita di Raimondo? Considerato che gli Stati Uniti hanno adottato una serie di misure, soprattutto nel campo dell'hi-tech, molte delle quali adottate dall'Ufficio per l'Industria e la Sicurezza del Dipartimento del Commercio, la visita di Raimondo potrà cambiare le cose in meglio?

Dal punto di vista della Cina, le questioni sulla lista delle priorità includono le tariffe punitive imposte sui beni cinesi dalla precedente amministrazione Donald Trump, che l’amministrazione Biden non ha ritirato; inserire più imprese cinesi nella Entity List; controllo delle esportazioni e degli investimenti in uscita; e il processo di revisione del Comitato per gli investimenti esteri negli Stati Uniti rispetto agli investimenti cinesi negli Stati Uniti. Alcune di queste questioni riguardano direttamente Raimondo in qualità di segretario al commercio.

La posizione di Raimondo sulla Cina non è stata coerente. A volte ha assunto una posizione relativamente dura nei confronti della Cina. La rapida espansione della Entity List con l'inclusione di sempre più aziende cinesi è avvenuta sotto il suo mandato presso il Dipartimento del Commercio. Ha inoltre sostenuto la legislazione volta a rinvigorire la produzione statunitense di semiconduttori come mezzo per superare la concorrenza dell'industria cinese dei semiconduttori controllandone lo sviluppo.

D'altra parte, Raimondo, a volte, ha assunto una posizione pragmatica nei confronti della Cina. Secondo quanto riferito, si sarebbe schierata con il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti per opporsi al piano del consigliere per la sicurezza nazionale Jake Sullivan di limitare gli investimenti statunitensi in uscita in Cina. Si dice che abbia convinto Biden a limitare le sanzioni contro la Cina nei campi dell’intelligenza artificiale, dei semiconduttori e della tecnologia quantistica. Forse Raimondo sta visitando la Cina anche perché crede che ciò potrebbe rafforzare le sue credenziali politiche.

Ma se le precedenti visite dei tre alti funzionari USA non hanno portato a grandi progressi concreti, non c’è motivo di credere che il viaggio di Raimondo cambierà drasticamente la situazione, perché dato il clima politico a Washington, ci vorrà volontà politica e coraggio per allentare le tensioni con la Cina, cosa che decisamente manca all’amministrazione Biden. E tutto indica che l’amministrazione Biden non sembra disposta a cedere alle richieste di Pechino di alzare le tariffe sulle esportazioni cinesi di beni e tecnologia.

Sullivan ha lanciato il concetto di “piccolo cortile, recinzioni alte” e ha adottato l’espressione “riduzione del rischio” dei leader dell’Unione Europea per addolcire la strategia di “disaccoppiamento” degli Stati Uniti dalla Cina. Non si tratta tanto di condividere o esportare questa o quella tecnologia per migliorare la cooperazione tra Cina e Stati Uniti. Si tratta di un'atmosfera politica velenosa, creata da funzionari come Sullivan, che ha in qualche modo distrutto la fiducia degli investitori che il flusso di capitali e tecnologie sia vantaggioso per tutte le parti.

A proposito, il flusso di tecnologie attraverso il Pacifico non è sempre un affare a senso unico, come pensano solitamente alcuni politici della Beltway. Ad esempio, il gigante cinese delle batterie per veicoli elettrici (EV) Contemporary Amperex Technology Co Limited (CATL) fornirà servizi preparatori e operativi per lo stabilimento di batterie della casa automobilistica statunitense Ford Motor nel Michigan, negli Stati Uniti.

Pertanto, il tentativo di Washington di limitare il flusso di capitali e tecnologie non avrà un impatto devastante sulla traiettoria di sviluppo tecnologico della Cina. L’effetto sarà simile ai tentativi del governo britannico di bloccare il flusso di tecnologia verso gli Stati Uniti nel 19° secolo. Allora si trattava di tessuti. Oggi tocca all’intelligenza artificiale, ai semiconduttori e all’informatica quantistica. In termini di capitali, il flusso di venture capital statunitense verso la Cina si è già ridotto a un rivolo. L'unico impatto della mossa degli Stati Uniti sarà che la comunità statunitense del capitale di rischio perderà un buon mercato per fare soldi.

Tuttavia, c'è almeno un aspetto positivo della visita di Raimondo in Cina. È quello di spianare la strada a un possibile incontro dei leader sino-statunitensi nel corso dell'anno.

La visita di Trump in Cina nel 2017 è stata l'ultima visita di Stato di un presidente dell'uno o dell'altro Paese. Il fatto che né il presidente cinese né quello statunitense si siano recati in visita di Stato nel Paese dell'altro, nonostante i legami sino-statunitensi siano la relazione bilaterale più significativa al mondo, non favorisce il mantenimento della pace e dello sviluppo globale. Speriamo che le cose cambino presto.

L'autore è vicepresidente del dipartimento di ricerca e strategia dell'Università di Economia e Commercio Internazionale

 

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Il macronismo al suo ultimo atto? di Paolo Desogus Il macronismo al suo ultimo atto?

Il macronismo al suo ultimo atto?

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*       di Geraldina Colotti Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*      

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*  

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani di Giacomo Gabellini Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani

Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora di Giuseppe Masala Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora

Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti