China Daily - APEC: la visione di Xi è destinata a guidare ulteriormente la crescita della regione

China Daily - APEC: la visione di Xi è destinata a guidare ulteriormente la crescita della regione

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

di Cao Desheng - China Daily

L'Asia-Pacifico esortata a cercare una cooperazione vantaggiosa per tutti e opporsi al protezionismo

In un contesto di lenta ripresa economica globale e crescenti incertezze, la comunità internazionale attende con grande anticipazione le proposte che il presidente Xi Jinping avanzerà per approfondire la cooperazione e promuovere la crescita economica regionale e globale quando incontrerà a San Francisco altri leader e rappresentanti delle economie dell'Asia-Pacific Economic Cooperation (APEC).

Il 30° incontro dei leader economici dell'APEC si svolge in un momento critico in cui l'economia mondiale si confronta con una crescente instabilità, e ci sono ampie aspettative sul ruolo della regione Asia-Pacifico, che ospita 2,96 miliardi di persone, rappresenta il 62% del PIL globale e comprende il 47% del commercio internazionale, come motore della crescita globale.

Xi ha partecipato a ciascuno degli incontri dei leader economici dell'APEC nel decennio passato. In varie occasioni, ha espresso il suo sostegno all'apertura, all'inclusività e alla cooperazione vantaggiosa per tutti per guidare la crescita economica regionale e globale, e ha chiesto il mantenimento di un sistema di commercio multilaterale aperto, equo e non discriminatorio e l'opposizione a tutte le forme di protezionismo.

Al 22° incontro dei leader economici dell'APEC, ospitato da Pechino nel 2014, Xi ha affermato che le economie membri dell'APEC sono unite dalle acque dell'Oceano Pacifico e hanno la responsabilità condivisa di rendere il Pacifico "un oceano di pace, amicizia e cooperazione, un oceano che porta pace, sviluppo, prosperità e progresso nella regione Asia-Pacifico".

Guidata da questa visione, la Cina è un attivo sostenitore della cooperazione economica dell'Asia-Pacifico, che ha dato un potente impulso allo sviluppo della regione e migliorato notevolmente il benessere delle persone in tutta la regione.

Nel 2022, gli scambi commerciali tra la Cina e altre economie dell'APEC hanno superato i 3,7 trilioni di dollari, pari al 59,7% del totale degli scambi esteri della Cina, secondo il Ministero del Commercio.

La Cina è stata un partecipante attivo ai negoziati per affrontare le barriere commerciali e facilitare gli investimenti transfrontalieri. Nei tre decenni trascorsi dall'adesione all'APEC, il livello tariffario medio della Cina è sceso dal 39,5% a circa il 7%, secondo il ministero.

Koh King Kee, presidente del Centre for New Inclusive Asia, un think tank non governativo con sede in Malesia, ha affermato che la Cina è stata una locomotiva della crescita globale nel decennio scorso, in gran parte grazie alla sua posizione centrale nella catena di approvvigigionamento globale, al suo enorme mercato di consumo e al suo efficiente ecosistema manifatturiero.

L'ascesa pacifica della Cina ha effetti positivi per tutta la regione, poiché il Paese ha mantenuto una politica di cooperazione vantaggiosa per tutti nei confronti dei suoi partner, ha affermato Koh in un'intervista all'agenzia di stampa Xinhua.

Al 29° incontro dei leader economici dell'APEC a Bangkok lo scorso anno, Xi ha invitato alla costruzione di una comunità dell'Asia-Pacifico con un futuro condiviso. Ha sottolineato la necessità di perseguire un regionalismo aperto, rafforzare il coordinamento delle politiche macroeconomiche tra i membri dell'APEC e promuovere costantemente l'integrazione economica regionale per la realizzazione precoce di un'area di libero scambio di alto livello dell'Asia-Pacifico.

"La Cina lavorerà con altre parti per l'attuazione completa e di alta qualità della Partnership economica globale regionale (RCEP) e continuerà a lavorare per aderire all'Accordo globale e progressivo per la partnership transpacifica (CPTPP) e all'Accordo di partenariato per l'economia digitale (DEPA), allo scopo di promuovere lo sviluppo integrato della regione", ha affermato Xi.

Per onorare il suo impegno, la Cina ha partecipato attivamente all'agenda dell'APEC e ha promosso un vero multilateralismo. Attraverso l'iniziativa Belt and Road e l'iniziativa di sviluppo globale, la Cina ha unito le forze per lo sviluppo comune dei paesi dell'Asia-Pacifico.

Il coordinamento multilaterale è fondamentale per affrontare l'aumento del debito, il cambiamento climatico, la transizione verso un'economia verde, le politiche commerciali protezionistiche e le interruzioni della catena di approvvigionamento, secondo un rapporto presentato domenica dal forum economico regionale.

"Abbiamo bisogno di una cooperazione tra tutti noi (perché) il mondo è globale e i problemi sono globali. Quindi, se lavoriamo individualmente, senza coordinarci tutti insieme, sarà difficile fare qualcosa", ha dichiarato Carlos Kuriyama, direttore dell'Unità di supporto alle politiche dell'APEC, a margine di un briefing per i media sul rapporto APEC Regional Trends Analysis.

La riunione dei leader economici dell'APEC di quest'anno ha come tema "Creare un futuro resiliente e sostenibile per tutti". Il Ministero degli Esteri ha dichiarato che la Cina spera che tutte le parti si ricordino di ciò che ha unito i Paesi e le regioni dell'Asia-Pacifico, si concentrino sulle necessità urgenti della regione, approfondiscano la solidarietà e la cooperazione e realizzino la Visione 2040 dell'APEC Putrajaya in modo completo ed equilibrato.

Secondo la Putrajaya Vision 2040 dell'APEC, i membri dell'APEC mirano a creare una comunità Asia-Pacifico aperta, dinamica, resiliente e pacifica entro il 2040, raggiungendo una prosperità condivisa per i cittadini della regione Asia-Pacifico e per le generazioni future.

Rebecca Fatima Sta Maria, direttore esecutivo del Segretariato dell'APEC, ha affermato che l'obiettivo dell'APEC non è quello di trovare compromessi, ma di trovare un terreno comune e benefici condivisi.

L'Iniziativa per la civiltà globale proposta dalla Cina è coerente con lo spirito dell'APEC, in quanto mira a promuovere la tolleranza, la coesistenza, gli scambi e l'apprendimento reciproco per lo sviluppo di una comunità con un futuro condiviso per l'umanità.

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)

 

 

 

Potrebbe anche interessarti

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Sinistra o destra? Guerra di classe di Pasquale Cicalese Sinistra o destra? Guerra di classe

Sinistra o destra? Guerra di classe

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti di Andrea Puccio Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti