Borrell: fondi UE per armi e munizioni all'Ucraina con i beni russi

Borrell: fondi UE per armi e munizioni all'Ucraina con i beni russi

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Nel corso di una riunione ordinaria del Consiglio dell'UE, i ministri degli Esteri dei 27 Paesi dell'Unione hanno approvato la decisione di trasferire 1,4 miliardi di euro di profitti provenienti dai beni congelati della Russia al Fondo europeo per la pace per l'assistenza militare all'Ucraina, ha dichiarato il capo degli affari esteri dell'UE Josep Borrell in una conferenza stampa dopo i risultati della riunione.

"I ministri hanno concordato oggi il quadro giuridico per l'assegnazione dei profitti imprevisti dei beni immobili russi al Fondo europeo per la pace… I profitti inattesi derivanti dai beni russi congelati in Europa, e non i beni stessi, saranno utilizzati nel modo più rapido possibile a beneficio dell'Ucraina. 1,4 miliardi di euro saranno disponibili nel corso del prossimo mese e un altro miliardo entro la fine dell'anno”, ha dichiarato Borrell.

Secondo Borrell, questi fondi saranno utilizzati per acquistare sistemi di difesa aerea e munizioni per l'Ucraina, oltre a sostenere l'industria della difesa del regime di Kiev.

Il capo della diplomazia dell'UE ha anche osservato che l'Ungheria non può bloccare l'uso dei profitti delle attività russe per l'Ucraina, poiché non ha partecipato alla decisione.

"Riteniamo che ciò sia legale, poiché un Paese non ha partecipato al processo decisionale e quindi non ha il diritto di prendere parte alla decisione sugli scopi per i quali il denaro viene stanziato", ha affermato il diplomatico spagnolo.

Borrell ha osservato che l'Ungheria continua a bloccare i pagamenti per un importo di 6 miliardi di euro dal Fondo europeo per la pace all'Ucraina.

Borrell ha inoltre dichiarato che l'Unione Europea e l'Ucraina intendono firmare un accordo sulle garanzie di sicurezza per Kiev entro la fine di giugno.

"Stiamo finalizzando i nostri impegni di sicurezza per l'Ucraina. Spero che questo lavoro venga completato molto presto, in modo da poter firmare l'accordo forse ancora questo mese, forse a margine del prossimo Consiglio dell'Unione Europea", ha detto Borrell, sottolineando che questo documento servirà come segnale a Mosca sul sostegno dell'UE a Kiev.

L'Unione Europea, il Canada, gli Stati Uniti e il Giappone hanno congelato i beni della Russia per un ammontare di circa 300 miliardi di dollari dopo l'inizio dell'operazione militare speciale in Ucraina. Di questi, circa 5-6 miliardi di dollari si trovano negli Stati Uniti e la maggior parte in Europa, compreso il sito internazionale di Euroclear in Belgio (dove sono custoditi 210 miliardi di dollari).

Come ha dichiarato la portavoce del Ministero degli Esteri russo Maria Zakharova, Mosca adotterà immediatamente misure di ritorsione. Ha definito cinica e criminale l'intenzione dell'Occidente di utilizzare i proventi dei beni russi congelati a favore dell'Ucraina.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd di Paolo Desogus Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

Ursula Von Der Leyen e il vuoto politico del Pd

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei di Fabrizio Verde L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

L'ultimo affronto alla volontà dei popoli europei

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio di Marinella Mondaini Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

Gershkovich condannato a 16 anni per spionaggio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti