Bce e la recessione autoindotta: l'Eurotitanic spiegato facile

Bce e la recessione autoindotta: l'Eurotitanic spiegato facile

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!





Come se non bastassero 27 anni di avanzi primari negli ultimi 30 anni per un totale di 968.26 miliardi di euro.

Come se non bastassero i 165 miliardi di euro di pizzo pagati negli ultimi 22 anni.

Come se non bastassero gli 800 Miliardi di fuga di capitali degli ultimi 7 anni.

Come se non bastassero i 2.753 miliardi di euro di interessi sul debito pagati negli ultimi 40 anni.

Come se non bastasse il 235% di poveri in più degli ultimi 17 anni.

Come se non bastasse il 10% di disoccupazione imposta.

Come se non bastasse il crollo del 12% dei salari degli ultimi 15 anni.

Come se non bastasse il 16,1% in meno di produzione industriale degli ultimi 20 anni.

Come se non bastasse tutto questo, Unione Europea ed Eurozona ci regalano anche una bella recessione inflazionistica autoindotta.

Autoindotta perché come abbiamo spiegato spesso dati alla mano, l’inflazione europea è dovuta prevalentemente alla crisi energetica.

Crisi energetica causata dalle folli politiche di “transizione energetica” prima (aumento dei costi dei permessi di emissione della CO2) e dalle sanzioni alla Russia (cioè al nostro maggior fornitore di gas, petrolio e carbone), poi.

Stesso discorso vale per la recessione che ha le medesime cause dell’inflazione a cui si aggiungono l’aumento dei tassi di interesse da parte della BCE e la fine dei programmi di acquisto dei Titoli di Stato (con l’Italia che deve rinnovare 500 miliardi di debito nei prossimi 2 anni).

Chiunque non metta al primo posto la rottura del vincolo esterno, in tutte le sue forme, è un nemico del Paese e dei lavoratori.

Gilberto Trombetta

Gilberto Trombetta

43 anni, giornalista politico economico e candidato Sindaco di Roma con la lista Riconquistare l'Italia del Fronte Sovranista Italiano

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti