“Basta un profumo di rosa smarrito”. Ho Chi Minh: la poesia come liberazione dalla prigionia

“Basta un profumo di rosa smarrito”. Ho Chi Minh: la poesia come liberazione dalla prigionia

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Poesia di lotta

 

Gli antichi si dilettavano à cantar la natura:

numi, montagne, nebbia, fiori, neve, vento, luna.

Bisogna armare d’acciaio i canti del nostro tempo.

Anche i poeti imparino a combattere!

 

Lontano dalla lotta

 

Piuttosto morire che viver servi!

Quando le libere bandiere si spiegano

che gran dolore stare in fondo a una cella

senza potersi battere in campo aperto!

 

Tintinnio di catene

 

Al posto delle corde mi hanno messo catene

che a ogni passo tintinnano come la cintura

di giade e cammei d’un mandarino.

Le guardie son convinte ch’io sia una spia

ma che bel portamento e che bel tintinnio!

 

La luce

Entrando in carcere,

si paga la luce in moneta Kuang

Si; ciascuno sei centesimi.

In questo luogo di tenebre la luce del giorno ha il suo prezzo.

 

La natura è bella

Pur con le gambe e i polsi strettamente legati ovunque sento uccelli

Il profumo dei fiori. ascoltare, aspirare chi può togliermi

quanto fa la via meno triste l’uomo più isolato?

 

L’orsa maggiore

Notte d’inverno senza materasso senza coperta senza sonno le gambe e il corpo contorti…

fogliami di banane luna dal fiato gelido…

nel cielo tra le sbarre l’Orsa Maggiore dondola.

 

Sera d’autunno

Sono le dieci.

L’Orsa Maggiore sfiora le vette.

E’ autunno.

Un grillo canta la sua allegria.

Che importa al prigioniero l’autunno coi suoi canti?

Solo un anto lo tocca: riaver la libertà.

L’anno scorso ero libero in quest’inizio di autunno l’autunno mi ritrova quest’anno qui in prigione.

Son forse meno utile al mio popolo amato?

Quest’autunno equivale io credo all’altro autunno.

 

Pensando all’amico

Mi avevi accompagnato sulla riva del fiume.

A presto, ti dicevo,

Al prossimo raccolto!

Ma l’aratro è passato di nuovo tra le zolle e io sto carcerato, lontano dai miei campi.

 

Morte di un compagno

 

Non aveva più ormai che pelle sulle ossa non ne poteva più fame freddo miseria.

Appoggiato al mio dorso, dormiva ieri sera;

stamattina è rientrato nel grembo della terra.

 

La rosa

 

La rosa s’apre,

la rosa appassisce senza sapere quello che fa;

Basta un profumo di rosa smarrito in un carcere

perché nel cuore del carcerato urlino tutte le ingiustizie del mondo.

 

 

Commento di Nora Hoppe e Tariq Marzbaan

 

Nell'agosto del 1942 Ho Chi Minh (1890 – 1969), allora conosciuto come il patriota vietnamita Nguyen Ai Quocm (il suo vero nome era Nguyen Sinh Cung), fu arrestato dalla polizia del Kuomingtang mentre si recava a Chungking per rappresentare il Fronte Vietminh e ottenere il sostegno del governo di Chiang Kaishek.

Per quattordici mesi, legato con i ferri alle gambe, è stato spostato di prigione in prigione, fra le quali fu spesso costretto a camminare per 40-50 chilometri al giorno. Nonostante sia stato in custodia e abbia sopportato 18 prigioni in 13 distretti della provincia cinese di Quangxi, dormendo sul pavimento e sopravvivendo a condizioni estreme, Ho ha mostrato dignità, perseveranza, resilienza e serenità come prigioniero rivoluzionario.

Evidentemente, non si sarebbe mai immaginato di essere un poeta in vita sua, ma la sua prigionia fece emergere in lui un'altra voce – una che riuscì a salvaguardare dalla reclusione la sua libertà di pensiero. Con la strofa "I versi non m’hanno mai | appassionato molto | ma in prigione | non avendo nulla | di meglio | per trascorrere i lunghi giorni | e distrarmi un po’ | faccio versi, attendendo la libertà"… iniziava il "Diario dal carcere" che consiste in 133 poesie scritte in scrittura cinese Han dal 29 agosto 1942 al 10 settembre 1943. La maggior parte di queste opere sono brevi, semplici ma allusive assomigliando in forma a quartine, rubâ'î, haiku, pantun malesi e altri generi simili.

Malgrado le dure condizioni delle varie prigioni di Chiang Kai-Shek, Ho prigioniero rimase fermo nella sua convinzione del roseo futuro della rivoluzione. I suoi versi sono l'espressione della sua rivolta etica contro lo sfruttamento colonialista e l'oppressione imperialista e parlavano, e le rappresentazioni delle sue esperienze personali divennero anche una voce per le vittime mute dell'ingiustizia. Ma al di là di tutto ciò, questi versi descrivono i piccoli miracoli della sua vita quotidiana in prigione in cui il suo spirito era libero di vagare intorno e oltre la sua cella nella natura e nel cosmo - e rendere omaggio alla meraviglia della vita stessa: "Non ci sono né vino né fiori in prigione; È difficile resistere alla bellezza di questa notte; Un essere umano guarda il chiaro di luna attraverso una finestra; La luna sbircia il poeta attraverso la fessura della finestra".

Fu nel carcere che Ho Chi Minh aveva trovato un modo di liberarsi da ogni sorta di reclusione. E poi quando era gravemente malato, disse: "Invece di piangere preferisco continuare a cantare".

La traduttrice del Diario dal Carcere in italiano, Joyce Lussu Salvadori (1912-1998), che oltre essere traduttrice, era anche partigiana, storica, letterata, attivista politica e poetessa, scrisse su Ho: "Emerge da questi poemetti l'umanità eccezionalmente ricca e matura del grande rivoluzionario, sempre dialettica nella sua coerenza: utopico e realista, implacabile e generoso, duttile e intransigente, indulgente e severo, scettico ed entusiasta, capace di adattarsi alle circostanze come di adattare le circostanze a sé e ai suoi fini. Nella sua lunga vita di combattente, di animatore, di organizzatore, coronata da un'esemplare vittoria storica di un piccolo popolo di contadini contro gli eserciti più potenti del mondo, c'era posto per la poesia. E questo è importante. È una lezione da non dimenticare."

 

*  *  *  *  *

 

I versi pubblicati come incipit sono stati tradotti da Joyce Lussu per il "Diario dal carcere" di Ho Chi Minh

https://www.libreriauniversitaria.it/diario-carcere-chi-minh-gwynplaine/libro/9788895574516

 

*  *  *  *  *

 

Riferimenti nelle arti

 

Günter Kochan ha composto la cantata Das Testament von Ho Chi Minh (1970) per voce recitante, orchestra da camera e nove strumenti.

Dieter Salbert ha composto "aber der Geist entkommt" ("... ma lo spirito fugge") - Cantata della libertà dopo il diario della prigione" di Ho Chi Minh per soprano, voce recitante, coro parlante, 6 fiati, 4 archi, 3 strumenti a tastiera e percussioni (1970/71), eseguita per la prima volta l'8 giugno 1971.

Victor Jara ha scritto la canzone El Derecho de Vivir en Paz dell'album omonimo, pubblicato nel 1971, in memoria di Ho Chi Minh. Il brano è diventato un inno di protesta nel 2019 durante le proteste sociali in Cile.

Terry Callier ha chiamato il brano Ho Tsing Mee (A Song of the Sun) del suo album del 1972 What Color is Love? in onore di Ho Chi Minh

 

Riferimenti bibliografici:

https://toscano27.wordpress.com/?s=Ho+Chi+Minh

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti