Assad: “Israele uccide i palestinesi perché si difendono”

Assad: “Israele uccide i palestinesi perché si difendono”

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

In un'intervista rilasciata, ieri, al giornalista russo Vladimir Solovyov, il presidente siriano Bashar al Assad ha ribadito che Gaza fa parte della questione palestinese e ha definito Israele occupante e aggressore, che uccide i palestinesi semplicemente perché si difendono.

Il capo dello Stato siriani ha ricordato che “i palestinesi non sono uno Stato che ne attacca un altro, né un popolo che occupa le terre di un altro in un Paese vicino. Il popolo palestinese è il proprietario di questo territorio; La sua terra è stata occupata ed è stato assassinato per circa 80 anni", ha ribadito il leader siriano.

Riproponiamo alcuni passaggi salienti dell'intervista.

Le persone in Occidente sono manipolate dai loro governi

Nel corso dell’intervista, Assad ha precisato che le persone in Occidente non sono cattive, ma i media si sono alleati con i politici per rendere queste persone ignoranti e credere a qualsiasi cosa gli propini il loro governo.

Secondo il presidente siriano, “nella nostra regione (Asia occidentale), le cose sono diverse. In primo luogo, diffondere la verità è molto importante e, in secondo luogo, c’è trasparenza nel sollevare questioni con politici e governi, e c’è un rapporto diretto tra governi e persone”.

Inoltre, ha spiegato che Damasco cerca da 50 anni di costruire buone relazioni con l'Occidente. “C’erano funzionari occidentali buoni e sensibili. Alcuni di loro avevano una morale, ma non potevano fare nulla perché il loro sistema politico è un sistema di compravendita e non un sistema di interessi comuni".

Il destino del mondo dipende dalla Russia

Nell'intervista, il presidente siriano ha affermato che la Russia è oggi un paese da cui dipende il destino del mondo, "che ci piaccia o no", ha avvertito. "Il presidente (Vladímir) Putin è una parte essenziale di questa battaglia, poiché è lui che ha preso le decisioni per queste molteplici battaglie che il suo Paese sta combattendo".

In un passaggio, ha osservato che l’Occidente non accetterà la Russia come partner, perché “gli Stati Uniti non accettano nemmeno l’Europa come partner, poiché Regno Unito, Francia e Germania sono tutti paesi lacchè, quindi, se gli Stati Uniti non accettano l’Europa come partner, sarebbe impossibile per esso accettare la Russia".

Corsa presidenziale degli Stati Uniti

Per quanto riguarda la corsa presidenziale negli Stati Uniti, Assad, come in altre tornate elettorali statunitensi, ha ribadito la sua opinione:

“Diciamo sempre che i presidenti americani sono simili perché sono amministratori delegati e nessuno di loro fa politiche, poiché i veri decisori politici sono le lobby, i media, il denaro, le banche, le armi e il petrolio”, ha concluso.

 

-----

LA CONOSCENZA E' L'ANTIDOTO PIU' POTENTE PER FERMARE IL GENOCIDIO DI GAZA.



3 LIBRI PER COMPRENDERE E REAGIRE: VAI ALLA PROMO

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi di Pasquale Cicalese Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti