Argentina, pesante attacco di Esmeralda Mitre all'ex presidente Macri: «Figlio di mafiosi e narcotrafficanti»

Argentina, pesante attacco di Esmeralda Mitre all'ex presidente Macri: «Figlio di mafiosi e narcotrafficanti»

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

L'artista e figlia dell'ex direttore del quotidiano La Nación, Esmeralda Mitre, ha rivolto pesanti accuse all'ex presidente del’Argentina Mauricio Macri, che ieri sera ha definito "figlio di mafiosi e narcotrafficanti".

"È figlio di mafiosi e narcotrafficanti. Conoscevamo tutti Franco Macri", ha affermato la figlia di Bartolomé Mitre sull'ex presidente durante un'intervista al canale televisivo C5N.

Nel frattempo, ha preso di mira anche l'ex governatrice di Buenos Aires e attuale deputata María Eugenia Vidal. È una persona ridicola, cattiva e violenta. Inoltre, si fa bella e poi critica gli altri definendoli una mafia”, ha affermato rincarando la dose di polemiche.

L'attrice e la figlia dell'ex direttore del quotidiano La Nación hanno elogiato i funzionari del governo nazionale. Così, riguardo al responsabile del dicastero deputato alla Sicurezza, ha detto: "Ho incontrato il ministro della Sicurezza, Aníbal Fernández. Vorrei che ci fosse qualcuno colto e gentile come lui nel PRO (Proposta Repubblicana - partito conservatore argentino), sono la mafia. Non hanno niente a che vedere con il peronismo".

Dopodiche, Mitre ha dichiarato: "Macri non mi interessa, non mi interessa la PRO, non mi interessa Horacio Rodríguez Larreta, non mi interessa María Eugenia Vidal".

E ha aggiunto: "Vorrei fare politica, è la mia vocazione. Non so con chi... sono sicuro che non la farei con la PRO. Mi piacerebbe fare politica con il Frente de Todos (coalizione di partiti peronisti e kirchneristi al governo). Non ho problemi a dirlo”. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO di Giorgio Cremaschi 28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO

28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO

Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'" di Marinella Mondaini Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'"

Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'"

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Buoni a nulla di Alberto Fazolo Buoni a nulla

Buoni a nulla

"Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda di Giuseppe Masala "Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda

"Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi di Damiano Mazzotti Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi

Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire di Antonio Di Siena Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire

Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire

VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA di Gilberto Trombetta VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA

VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA

Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo di Michelangelo Severgnini Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo

Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo