Almagro attacca il Venezuela sull'Essequibo, Maduro: "È un essere spregevole che serve gli interessi delle multinazionali"

Almagro attacca il Venezuela sull'Essequibo, Maduro: "È un essere spregevole che serve gli interessi delle multinazionali"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il governo venezuelano ha accusato il segretario generale dell'Organizzazione degli Stati Americani (OSA), Luis Almagro - un personaggio che non perde mai occasione per attaccare il Venezuela - di cospirare contro Caracas, in alleanza con gli Stati Uniti e la Guyana, nella disputa territoriale tra i due Paesi sudamericani.

In un comunicato, Caracas ha ripudiato le dichiarazioni di Almagro, in cui l'uruguaiano chiedeva al Venezuela di "agire con la stessa maturità" della Guyana per "aspettare in pace la decisione" della Corte internazionale di giustizia (CIG), che lo scorso aprile ha dichiarato di avere la giurisdizione per decidere su questa disputa.

"Le espressioni di questo nefasto personaggio (...) corrispondono a una vergognosa linea di provocazione che cerca di destabilizzare la regione, dettata dalla Exxon Mobil e sostenuta dal Comando Sud degli Stati Uniti, che unisce l'odio e la cattiveria di Almagro con gli interessi delle élite dominanti della Guyana, dipendenti della transnazionale energetica", si legge in un duro comunicato diffuso dal governo bolivariano di Caracas. 

Secondo il governo venezuelano, con queste dichiarazioni il segretario generale dell'OSA si è posto "al di fuori della legalità internazionale, cercando di generare una crisi senza precedenti nei Caraibi", un tentativo che, ha assicurato, "soccomberà".

Da parte sua, il presidente Nicolás Maduro ha definito Almagro un "interventista" e ha invitato i venezuelani a rispondergli con un "voto", in riferimento al referendum consultivo che il Paese terrà il 3 dicembre, indetto proprio sul tema della disputa sulla Guayana Esequiba, la ricca area contesa di quasi 160.000 chilometri quadrati.

"È un essere spregevole che serve i vili interessi delle multinazionali che vogliono privare il nostro Paese di parte del suo territorio", ha dichiarato il leader venezuelano sul social network X, invitandolo a non interferire "negli affari della patria di Bolivar".

Il presidente venezuelano Nicolás Maduro ha ripetutamente rivendicato la sovranità sulla Guayana Essequiba, che comprende circa due terzi del territorio della Guyana, per "diritto storico".

Anche la vicepresidente del Venezuela, Delcy Rodríguez, ha respinto i commenti di Luis Almagro e ha sottolineato che il suo Paese ha ampie ragioni storiche, legali e politiche per difendere i suoi legittimi diritti sul territorio Essequibo.

La dirigente bolivariana ha indicato che il Segretario Generale dell'OSA dimostra la sua ignoranza sulla storia dell'America Latina e ha aggiunto che i tentativi della Guyana di minacciare il Venezuela con l'organizzazione regionale saranno respinti con il feroce rifiuto del popolo venezuelano.

Nel referendum consultivo indetto dal Venezuela il 3 dicembre, Caracas propone la creazione di uno Stato (provincia) in Essequiba Guyana e la nazionalizzazione dei suoi abitanti.

La Guyana basa la sua rivendicazione su un lodo arbitrale del 1899, che le ha assegnato il territorio (allora sotto il dominio del Regno Unito), decisione contro la quale il Venezuela ha immediatamente protestato, rivendicazione che, dopo varie fasi, è stata mantenuta fino ad oggi.

Il Venezuela, da parte sua, sostiene che l'Accordo di Ginevra, firmato nel 1966, è quello che regola la controversia, in quanto - afferma - è "l'unico strumento giuridico in vigore" e ha depositato presso le Nazioni Unite (ONU) la richiesta di risolvere la questione attraverso negoziati e "in modo soddisfacente" per entrambe le nazioni.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Sinistra o destra? Guerra di classe di Pasquale Cicalese Sinistra o destra? Guerra di classe

Sinistra o destra? Guerra di classe

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti di Andrea Puccio Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La guerra non conviene, mai! di Michele Blanco La guerra non conviene, mai!

La guerra non conviene, mai!

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti