Alitalia, Green Pass... Il sindacato è in crisi perché ha tradito e si è asservito

Alitalia, Green Pass... Il sindacato è in crisi perché ha tradito e si è asservito

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Spesso il sindacato è definito "antistorico": in qualche modo si cerca di far passare l'idea secondo cui le organizzazioni sindacali costituirebbero una sorta di zavorra, di ostacolo, di freno sulla via dello sviluppo, della modernità, del progresso.

A me è capitato spessissimo, soprattutto nei dibattiti relativi a ciò che scrivo, che qualcuno mi accusasse di essere "luddista" (espressione tornata di moda), fuori dal tempo e dallo spazio, quasi strampalato. E per giustificare l'accusa, l'invito rivoltomi aspramente è sempre stato lo stesso: «conta gli iscritti al sindacato!».
 
Sentirselo dire fa malissimo, credetemi, perché la crisi del sindacato è reale: negarla è semplicemente disonesto. Non solo l’attaccamento al mondo sindacale è imparagonabile a quello del passato, ma anche la distribuzione delle iscrizioni riflette la tipicità del periodo che viviamo: non è un mistero che la categoria più rappresentativa all’interno di tutte le confederazioni italiane sia quella dei pensionati. I pensionati rappresentano la maggioranza degli iscritti dei principali sindacati italiani. E parliamo di maggioranza assoluta: comandano loro.
 
Non contesto il fatto che il sindacato sia in crisi. Contesto la causa che si attribuisce a questa crisi.
 
Il sindacato non è in crisi in quanto si ostina a resistere all’ineluttabile percorso verso il progresso: è in crisi perché ha tradito, perché si è asservito, perché ha abbandonato la lotta e il conflitto in difesa dei più fragili, scegliendo di piegarsi in vantaggio del capitale, narrando di abbracciare la responsabilità e la pace sociale. Il sindacato, insieme ai principali partiti socialdemocratici europei, ha voltato le spalle al mondo del lavoro e ha deciso di sostenere gli interessi del grande capitale finanziario. Tutto qui: è a questo che si deve la crisi del sindacato, anche perché i numeri e la distribuzione degli iscritti registravano risultati assai felici proprio nei momenti di maggiore conflittualità. Il conflitto esisteva ed esiste perché contrapposti sono gli interessi: quelli degli ultimi, dei subalterni, sacrificati sull’altare dell’avidità di pochi satolli, e quelli del grande capitale.
 
Ci sono momenti e fasi, precisi e ben individuabili, nei quali si scrive la storia del mondo del lavoro e di chi nutre l’ambizione (ormai spesso l’infondata, ipocrita e immeritevole arroganza) di rappresentarlo deve saperlo: quello che viviamo è uno di essi.
 
Le manifestazioni contro il green pass di ieri non possono essere ignorate: è semplicemente vergognoso non trovare alcuna dichiarazione da parte dei principali attori sindacali del paese sulla mobilitazione di ieri. È semplicemente inaccettabile, inconcepibile. Il sindacato ha il dovere di intervenire e di prendere una posizione chiara, netta, precisa: a sostegno delle lavoratrici e dei lavoratori, in difesa dei loro diritti, della loro dignità, della loro libertà. Com’è possibile che il sindacato taccia dinanzi a decine e decine di migliaia di persone per strada, dinanzi all’urlo di dolore sollevatosi ieri da Piazza S. Giovanni a Roma?
 
E cosa hanno da dire le grandi organizzazioni sindacali in merito a quanto sta accadendo a oltre diecimila lavoratori in Alitalia? In particolar modo dinanzi al disegno di Draghi - recentemente applaudito da Confindustria (con Bonomi che lo paragona a De Gasperi!) - di destrutturare le regole in materia di cessioni di ramo d’azienda, coll'intento di limitare enormemente se non cancellare completamente i diritti dei lavoratori ceduti.
 
Hanno ragione coloro i quali ci invitano a contare gli iscritti al sindacato (benché non tutti i sindacati siano in crisi: c’è chi ancora merita di girare a testa alta!), ma le ragioni della disfatta sono ben diverse: altro che sindacato antistorico e ostinato! Il sindacato ha tradito.

Savino Balzano

Savino Balzano

Savino Balzano, nato a Cerignola nel 1987, ha studiato Scienze Politiche presso l'Università degli Studi di Perugia. Autore di "Contro lo Smart Working" (Laterza, 2021) e di "Pretendi il Lavoro! L'alienazione ai tempi degli algoritmi" (GOG, 2019). Sindacalista, si occupa di diritto del lavoro, collabora con diverse riviste.

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

L'opposizione al capitale che non c'è di Paolo Desogus L'opposizione al capitale che non c'è

L'opposizione al capitale che non c'è

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer di Francesco Santoianni Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer

Il gioco delle tre carte sulle scadenze dei vaccini Pfizer

Per me questa è resistenza di Savino Balzano Per me questa è resistenza

Per me questa è resistenza

Caffè: i prezzi andranno alle stelle di  Leo Essen Caffè: i prezzi andranno alle stelle

Caffè: i prezzi andranno alle stelle

In Cina i salari crescono più del Pil di Pasquale Cicalese In Cina i salari crescono più del Pil

In Cina i salari crescono più del Pil

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Paolo Mieli e la dittatura antifascista di Antonio Di Siena Paolo Mieli e la dittatura antifascista

Paolo Mieli e la dittatura antifascista

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund di Gilberto Trombetta "Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti