Ali Mohammad Ghasemi – viaggio nel suo Iran intimo

Ali Mohammad Ghasemi – viaggio nel suo Iran intimo

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Parte I - Paesaggi

Note e riflessioni di Nora Hoppe e Tariq Marzbaan

Troviamo nel nostro caro amico Ali Mohammad Ghasemi un grande poeta dell'immagine sia nelle sue opere fotografiche, sia nelle sue opere cinematografiche. Ali vede sempre lo straordinario nel cosiddetto "ordinario" e ci permette di vederlo attraverso i suoi occhi. Ci permette di entrare e viaggiare nel suo Iran intimo, e ci apre gli occhi su alcune cose che forse nei nostri mondi abbiamo "guardato" ma che non abbiamo veramente mai visto. Nelle sue opere, la dignità di ogni essere umano, di ogni animale, di ogni organismo vivente è resa evidente e celebrata. Le sue fotografie non sono solo delle belle immagini... i luoghi, le cose e gli esseri viventi sono in uno stato di trasformazione, colti in un momento senza tempo, diventando qualcosa che va oltre le parole usate per descriverli.

Oggi, in questo mondo brutale neoliberale purtroppo onnipresente, dove tutto è ridotto a beni e dove la poeta rappresenta una minaccia, Ali oppone una strenua resistenza e ci fa riscoprire non solo le bellezze ma anche le infinite strane meraviglie della nostra Terra, permettendoci di abbracciare il grande Mistero di questa vita e della nostra esistenza.

Presentiamo una sua dichiarazione e una selezione delle sue foto qui sotto... e nei prossimi contributi.

*  *  *  *  *

"Per me, che sono incastrato nel mezzo di un conflitto mondiale dove non posso farci niente, catturare e trasmettere il paradiso del nostro mondo, in mezzo a tempi brutti, è l'unica cosa che riesco a fare. Con gli occhi abituati a vedere le cose e il mondo attraverso una lente dall'età di 15 anni, scolpisco i miei sogni, a volte in modo pittorico, a volte in modo cinematografico - poiché il cinema è la mia professione. Il Tristo Mietitore che brandisce la sua falce aleggia sempre sopra di noi, e io, come un'ape, inseguo i fiori della vita in mezzo al buio e alla sofferenza, cercando punti di luce."

- Ali Mohammad Ghasemi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ali Mohammad Ghasemi

Nato nel 1970 a Malayer, in Iran, la sua carriera cinematografica è iniziata nel 1985, quando ha realizzato cortometraggi in 8mm per la Società del Cinema Giovane Iraniano. In seguito ha realizzato cortometraggi, documentari e film di finzione in formato 16mm, 35mm e digitale. Ha lavorato anche ad altri 20 lungometraggi iraniani come direttore della fotografia e produttore. I suoi cortometraggi hanno partecipato a festival come Cannes, Venezia e Berlino. Nel 2005 ha realizzato il suo primo lungometraggio "Scritti sulla terra", che ha partecipato alla Mostra del Cinema di Venezia e a molti altri festival internazionali. Ha ricevuto oltre 100 premi in festival cinematografici nazionali e internazionali per i suoi cortometraggi, documentari e lungometraggi.

www.am-ghasemi.com

https://www.instagram.com/ghasemialimohammad

 

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti