Alessandro Orsini - "Game over. L'Ucraina ha perso la guerra"

Alessandro Orsini - "Game over. L'Ucraina ha perso la guerra"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!



di Alessandro Orsini*


In questo post vi spiego perché sperando di aprire gli occhi a tante persone sulla corruzione totale del sistema dell'informazione in Italia. Vorrei anche spiegarvi perché avete tutto il diritto di nutrire un sommo disprezzo verso le persone che occupano le posizioni apicali nel mondo dell'informazione in Italia, buona parte dei conduttori televisivi e radiofonici, molti direttori di quotidiani e un numero ragguardevole di direttori di istituti di ricerca specializzati nello studio della politica internazionale.

I fatti sono questi.

La controffensiva ucraina è stata un fallimento colossale e adesso la Russia è passata al contrattacco, come avevo ampiamente previsto contro gli insulti di un gruppo di corrotti che opera per manipolare l'opinione pubblica al fine di creare consensi intorno alle politiche criminali del blocco occidentale in Ucraina e in Palestina. L'Ucraina si è letteralmente dissanguata durante la controffensiva e la sua ultima mobilitazione è stata un fallimento di dimensioni spaventose. Il risultato è che il governo Zelensky non è riuscito ad arruolare i soldati di cui ha bisogno nei prossimi mesi al punto che ha dovuto aumentare vertiginosamente il numero delle donne ucraine impegnate nella guerra, un aumento del 40% dal 2021 a oggi. L'Ucraina è passata alla difensiva profonda e, in questo momento, sta precipitando nella spirale della disperazione. Lo stesso Zelensky ha riconosciuto il fallimento. Nel frattempo, l'esercito della Russia si sta rafforzando enormemente per fronteggiare un'eventuale Terza guerra mondiale contro quel gruppo di falliti totali che guida la Nato e l'Unione europea.

L'obiettivo della guerra di Zelensky era liberare cinque regioni: Crimea, Kherson, Zaporizhzhia, Donetsk e Luhansk. Non ha liberato nemmeno un giardinetto pubblico e non avrà la possibilità di farlo in futuro perché non avrà i mezzi militari, i soldati e i soldi per condurre una nuova grande controffensiva. Quindi "game over". La guerra di Kiev è persa perché gli obiettivi per cui Kiev combatte la guerra (per conto della Nato) non possono essere raggiunti. Adesso è soltanto questione di tirare a campare, anzi, a crepare.

Ringraziate i gran corrotti che hanno creato consensi intorno alle politiche criminali del blocco occidentale in Ucraina responsabili della morte di centinaia di bambini ucraini. Dissi: "Putin può sventrare l'Ucraina come e quando vuole" e così è stato. Dissi: "Per ogni proiettile della Nato che l'Ucraina lancerà contro la Russia, la Russia lancerà dieci proiettili contro l'Ucraina" e così è stato.

Io sono un esponente del movimento pacifista italiano e mi batto per una società mgliore, più libera e più giusta, costruita intorno al diritto all'infanzia; una società in cui i diritti dei bambini a vivere siano più importanti dei diritti degli adulti a fare politiche di guerra. Questo è il motivo per cui i più grandi corrotti del nostro Paese mi hanno diffamato e insultato così a lungo e così violentemente. Non ho mai avuto paura di loro, non sono mai arretrato e continuerò ad attaccare questi corrotti a testa bassa. Molti dei corrotti che ieri mi diffamavano oggi mi corteggiano, ma non voglio avere niente a che fare con loro. Non abbiate timore di dire: "Io sono un esponente del movimento pacifista italiano". Tutti voi potete esserlo, non servono tessere o iscrizioni.

Avanzi l'Italia, avanzi la pace.

Risorga il movimento pacifista.
 
 
*Post Facebook del 3 dicembre 2023

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Public enemy di Giuseppe Giannini Public enemy

Public enemy

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

LE SANZIONI INDEBOLISCONO IL POTERE DEL DOLLARO di Andrea Puccio LE SANZIONI INDEBOLISCONO IL POTERE DEL DOLLARO

LE SANZIONI INDEBOLISCONO IL POTERE DEL DOLLARO

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti