Accusare la Cina di hacking per distogliere attenzione dallo scandalo Pegasus

Accusare la Cina di hacking per distogliere attenzione dallo scandalo Pegasus

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Tom Fowdy*

Con un tempismo incredibile ad uso e consumo, la Cina è stata accusata di aver organizzato attacchi informatici contro Microsoft, distogliendo l'attenzione da un altro scandalo di spionaggio più serio che coinvolge Stati Uniti, Israele fra gli altri.

Ieri, gli Stati Uniti, il Regno Unito e l'Unione Europea hanno accusato la Cina di essere dietro un hack dei server di Microsoft a marzo. 

Senza prove, gli alleati hanno affermato che Pechino è stata coinvolta in "attività cibernetiche dannose", sebbene non abbiano attuato alcuna sanzione. La Cina ha risposto definendo gli Stati Uniti il ??più grande istigatore di attacchi informatici al mondo. 

La mossa, guidata dagli Stati Uniti, potrebbe essere descritta come un teatro politico deliberatamente e convenientemente programmato, poiché per coincidenza ha oscurato un altro scandalo informatico  presente sui titoli dei giornali. 

Poche ore prima di questo annuncio, alcuni giornali, tra cui The Guardian , avevano pubblicato prove che lo spyware israeliano altamente avanzato chiamato Pegasus - che può infettare smartphone e intercettare messaggi, e-mail e altre comunicazioni - era stato infatti utilizzato su scala industriale per prendere di mira attivisti, giornalisti e avvocati in tutto il mondo. 

Il programma si chiama Pegasus perché può essere installato via etere senza bisogno di accedere fisicamente al telefono del bersaglio. Le vittime nominate finora includono fino a 200 persone, molte delle quali sono giornalisti di spicco che lavorano per artisti del calibro di CNN, New York Times e Al Jazeera. 

Il software è stato utilizzato da una serie di paesi, tra cui l'India di Narendra Modi, dove è stato utilizzato per spiare il leader dell'opposizione Rahul Gandhi e un certo numero di altri politici. È stato anche collegato all'omicidio del giornalista saudita Jamal Khashoggi.

Naturalmente, queste rivelazioni saranno solo la punta dell'iceberg. Mentre lo scandalo ha prevedibilmente ruotato attorno a una serie di piccoli stati autoritari e, finora, ha poche implicazioni geopolitiche, i rapporti sembrano sorvolare sul fatto che Pegasus è destinato a essere venduto solo alle agenzie di intelligence occidentali. È stato anche affermato che lo sviluppatore NSO Group era di proprietà di una società di venture capital statunitense.

Tuttavia, tutto ciò potrebbe perdere il punto più significativo che ci sono dozzine di programmi che svolgono questo tipo di funzioni, compresi quelli utilizzati dalla National Security Agency (NSA) degli Stati Uniti, come indicato in questo articolo del 2019.

Allora perché non dovrebbe usare Pegasus? E ti viene da chiederti, quante altre volte programmi come questi sono stati usati con il falso pretesto di "diritti umani" e "sicurezza nazionale" per spiare vari individui e gruppi? 

In qualche modo prevedibile, nonostante l'America sostenga presumibilmente il principio della libertà di stampa, Washington e i suoi alleati non hanno risposto a questa rivelazione scioccante e hanno iniziato a lanciare accuse contro Pechino per far avanzare il ciclo di notizie, una tattica che sembra aver funzionato.

Ma oltre a parlare di deviazione, ci sono anche alcune ragioni strategiche per attaccare la Cina in questo modo. 

L'amministrazione di Joe Biden teme che stia iniziando a perdere l'iniziativa sulla Cina tra gli alleati e cerca disperatamente di isolare ulteriormente Pechino attraverso la tattica di "coalizione" contro di essa. 

Inoltre, è anche determinato a cercare di screditare la tecnologia cinese collegandola ad accuse di spionaggio e comportamenti dannosi al fine di promuovere la sfiducia pubblica. Ad esempio, questa storia di hacking di Microsoft integra la campagna di lunga data contro Huawei.

Ma in realtà, sono gli Stati Uniti che gestiscono la rete di sorveglianza più sofisticata al mondo e hanno capacità nella guerra informatica molto più avanzate di quelle cinesi. 

Lo stato israeliano - e la sua stessa abilità tecnologica - è una chiave di volta, in quanto leader mondiale riconosciuto nella tecnologia di sorveglianza all'avanguardia. 

Il fatto che Israele possa essere implicato nella creazione e vendita di tali apparecchiature dannose a "paesi non approvati" non è davvero una sorpresa, tuttavia lo scandalo Pegasus sarà molto probabilmente nascosto sotto il tappeto e nulla cambierà. 

È stato ignorato dai media in generale che la dichiarazione dell'Unione Europea su questo scandalo fosse in realtà più dura di quella in gran parte benigna che Washington l'aveva distorta facendo contro la Cina, mostrando le ovvie priorità politiche in gioco. Ma questo dovrebbe essere un duro promemoria del fatto che mentre l'isteria viene propagata contro Cina, non è quella di cui dovresti preoccuparti per essere spiato. 

Molto semplicemente, questa trovata di Microsoft è una deviazione, e finora non è stato avanzato alcun motivo plausibile sul motivo per cui lo stato cinese sarebbe responsabile di una tale mossa. Supponendo che fosse un'impresa criminale, perché dovrebbe essere abilitata da uno stato? 

Naturalmente, è un aspetto della guerra moderna e del mondo in cui viviamo che gli stati abbiano capacità informatiche sofisticate. Ma le accuse di Microsoft dovrebbero essere intese come una trovata di pubbliche relazioni e un tentativo di costruire l'unità contro la Cina da parte di un'amministrazione Biden che assomiglia sempre più a quella di Donald Trump e sta cercando qualsiasi mezzo per colpire Pechino. 

Questa storia di Microsoft non ha sostanza, ma lo scandalo Pegasus sì, ed è per questo che gli Stati Uniti sono desiderosi di distrarre la gente. È uno scandalo solo perché ce l'hanno i governi “sbagliati” – non che sia perfettamente legittimo che i governi occidentali lo comprino e lo usino sulle proprie popolazioni a loro piacimento.

 

*Scrittore e analista britannico di politica e relazioni internazionali con un focus primario sull'Asia orientale.

Potrebbe anche interessarti

Green Pass e lavoro:  perché è una misura incostituzionale di Savino Balzano Green Pass e lavoro:  perché è una misura incostituzionale

Green Pass e lavoro: perché è una misura incostituzionale

Il Govermo dei padroni di Giorgio Cremaschi Il Govermo dei padroni

Il Govermo dei padroni

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina   di Bruno Guigue I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

I miliardari perdono soldi? È l'ultimo dei problemi per la Cina

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass di Thomas Fazi Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Alessandro Barbero spiega le ragioni del No al Green Pass

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio? di Giuseppe Masala Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

Green Pass e raccolta dati sensibili: perché tanto silenzio?

I nuovi strabilianti numeri delle importazioni cinesi dall'Italia di Pasquale Cicalese I nuovi strabilianti numeri delle importazioni cinesi dall'Italia

I nuovi strabilianti numeri delle importazioni cinesi dall'Italia

Svenduta ai privati anche la società elettrica greca di Antonio Di Siena Svenduta ai privati anche la società elettrica greca

Svenduta ai privati anche la società elettrica greca

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia di Gilberto Trombetta Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Recovery Mes e lasciapassare: due facce della stessa medaglia

Haftar si candida in Libia: l'Europa è nel panico di Michelangelo Severgnini Haftar si candida in Libia: l'Europa è nel panico

Haftar si candida in Libia: l'Europa è nel panico

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti