A 50 anni dal golpe: il rovesciamento di Allende raccontato da Washington

A 50 anni dal golpe: il rovesciamento di Allende raccontato da Washington

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Appena insediatosi nel 1961, il presidente John F. Kennedy nominò una commissione incaricata delle elezioni che si sarebbero svolte in Cile tre anni dopo. Secondo l'indagine della Commissione Church del Senato degli Stati Uniti [1], era composta da alti funzionari del Dipartimento di Stato, della Casa Bianca e della CIA. Questo comitato fu replicato nell'ambasciata statunitense a Santiago, la capitale cilena. L'obiettivo era quello di impedire che il candidato socialista Salvador Allende vincesse le elezioni [2].

Allende era un marxista convinto che fosse possibile arrivare al governo con mezzi pacifici e, da lì, rovesciare le strutture dello Stato a vantaggio delle maggioranze impoverite. Per raggiungere questo obiettivo, sosteneva che bisognasse nazionalizzare le grandi industrie, dando la priorità a quelle in mano agli USA, perché erano quelle che sfruttavano le risorse strategiche. Questi e altri ideali sociali lo rendevano sgradito a Washington.

Per contrastarlo, furono distribuiti diversi milioni di dollari ai partiti politici di centro e di destra per la propaganda. Quando si trattò di scegliere il candidato alla presidenza, Washington decise di sostenere Eduardo Frei del Partito Democratico Cristiano, figura che impose agli altri finanziatori.

In tutto, l'operazione costò circa venti milioni di dollari, una cifra immensa per l'epoca, paragonabile solo a quella spesa per le elezioni presidenziali statunitensi. Washington non investì tanto nel candidato Frei quanto in una campagna di propaganda anticomunista a lungo termine.

La Commissione del Senato ha dichiarato: "Furono sfruttati tutti i mezzi possibili: stampa, radio, film, volantini, opuscoli, posta, striscioni, pitture murali". La Commissione ha riconosciuto che la CIA ha portato avanti, attraverso i partiti comprati e varie organizzazioni sociali, una "campagna allarmistica" in cui il bersaglio principale erano le donne, alle quali veniva assicurato che i sovietici e i cubani sarebbero arrivati per portar loro via i figli in caso di vittoria di Allende. I manifesti distribuiti in massa mostravano bambini con tatuaggi di falce e martello sulla fronte. Anche la tradizione religiosa è stata manipolata al massimo per far temere il "comunismo ateo e senza Dio".

L'operazione psicologica funzionò oltre le aspettative: Frei ottenne il 56% dei voti, mentre Allende il 39%. La CIA, secondo la Commissione del Senato, sostenne che "la campagna di paura anticomunista era stata la più efficace di tutte le attività avanzate".

Si trattava di un'operazione psicologica, con carattere di guerra, basata sui piani applicati in Guatemala che finirono per rovesciare il presidente Jacobo Arbenz nel giugno 1954 [3]. Un'operazione che non fu smantellata in Cile con la vittoria di Frei perché, nonostante tutto, il numero di voti conquistati da Allende era alto. E lo sconfitto Allende aveva tutte le intenzioni di presentarsi alle future elezioni.

Nelle sue Memorie William "Bill" Colby, capo della CIA tra il 1973 e il 1976, racconta che durante le elezioni presidenziali del 1970 "la CIA dovette dirigere tutti gli sforzi contro il marxista Allende. Era incaricata di organizzare una vasta campagna di propaganda contro la sua candidatura". [4] L'operazione fu chiamata "Seconda via". Il tutto su ordine diretto del Presidente Richard Nixon.

Henry Kissinger, consigliere per la sicurezza nazionale del Presidente, disse durante una riunione del Consiglio di Sicurezza sul Cile il 27 giugno 1970: "Non vedo perché dovremmo rimanere indifferenti mentre un Paese cade nel comunismo a causa dell'irresponsabilità del suo popolo". In altre parole, la decisione sovrana dei cittadini non poteva essere valida se non era in accordo con gli interessi degli Stati Uniti. Durante la riunione si decise di aggiungere trecentomila dollari all'operazione di propaganda già in corso.

Secondo la Commissione Church del Senato, Richard Helms, capo della CIA dal 1966, inviò come responsabili due ufficiali della CIA, che conosceva fin dai primi preparativi per l'invasione di Cuba; entrambi specialisti in guerra psicologica e disinformazione; con importanti partecipazioni al colpo di Stato in Guatemala, e che erano appena sbarcati dalla guerra in Indocina: David Atlee Phillips e David Sánchez Morales. La Commissione del Senato ha dichiarato che uno degli slogan che comprendeva la campagna era: "La vittoria di Allende significa violenza e repressione stalinista".

Ma il 4 settembre 1970 Allende vinse le elezioni. Colby scrive che "Nixon andò su tutte le furie. Era convinto che la vittoria di Allende avrebbe portato il Cile nel campo della rivoluzione castrista e antiamericana, e che il resto dell'America Latina avrebbe presto seguito il suo esempio". L'ex capo della CIA continua: Nixon convocò Helms "e gli affidò molto chiaramente la responsabilità di impedire ad Allende di entrare in carica". Durante la stessa riunione, Nixon incaricò Kissinger di seguire da vicino il complotto.

Rimaneva una possibilità per impedire ad Allende di assumere la presidenza: aveva vinto, ma con una maggioranza relativa, perché le forze di sinistra si erano divise, divorate dalla campagna mediatica e/o dal denaro che la CIA era riuscita a iniettare in alcuni gruppi. Il Congresso cileno si sarebbe quindi riunito il 24 ottobre per decidere tra Allende e Jorge Alessandri, candidato del partito conservatore e vincitore del secondo scrutinio. Il piano di Washington, quindi, era quello di comprare i voti dei membri del Congresso affinché non confermassero la vittoria del socialista. Helms inviò un "gruppo di lavoro" che fu "freneticamente attivo" per sei settimane, secondo Colby. Neanche questo funzionò e Allende fu dichiarato vincitore delle elezioni.

Gli agenti speciali della CIA contattarono funzionari politici e militari per selezionare coloro che potevano essere pronti ad agire contro Allende, "e per determinare con loro qualsiasi aiuto finanziario, armi e materiale fosse necessario per spazzarlo via dalla strada verso la presidenza", secondo Colby.

La speranza più grande era riposta nelle forze armate, ma tutto dipendeva dal loro comandante, il generale René Schneider. Il problema che la CIA incontrò fu che Schneider aveva chiaramente dichiarato che la sua istituzione avrebbe rispettato la Costituzione. E Colby, nelle sue Memorie, riconosce con spaventosa naturalezza: "A quel tempo era un uomo da uccidere. Fu organizzato un tentativo di rapimento contro di lui che finì male: fu ferito per la sua opposizione e morì poco dopo per le ferite riportate".

Secondo la Commissione Church il 22 ottobre, di mattina presto, la CIA consegnò ai cospiratori cileni mitragliatrici e munizioni "sterilizzate", così chiamate perché in caso di indagini non è possibile determinarne l'origine. L'attacco ebbe luogo poche ore dopo. Tre giorni dopo Schneider, "l'uomo da uccidere", morì. Il Presidente Nixon inviò immediatamente un cinico messaggio al suo omologo cileno: "Vorrei condividere con lei il mio dolore per questo atto ripugnante". Il successore di Schneider sarebbe stato un certo generale Pinochet.

Il 3 novembre 1970 Allende prestò giuramento come presidente: Nixon non gli inviò il regolare messaggio di congratulazioni previsto dal protocollo diplomatico, né l'ambasciatore statunitense partecipò alla investitura.

Spettava ora alla Direzione dell'Emisfero occidentale dell'Agenzia prepararsi alla destabilizzazione del nuovo governo. Dal 1972, il direttore della Direzione Emisfero Occidentale dell'Agenzia era Ted Shackley, un ufficiale con una vasta esperienza in operazioni clandestine. Egli nominò il suo uomo ombra, Tom Clines, per concentrarsi sul "caso Allende", con i suoi vecchi colleghi Sánchez Morales e Atlee Phillips alle sue dipendenze.

Nel marzo dell'anno successivo Bill Colby tornò come superiore di Shackley e Clines come vice direttore delle Operazioni speciali. Questo trio era appena tornato dalla prima linea della guerra sporca in Indocina, soprattutto in Vietnam.

Dal 1972 questa squadra della CIA a Washington e in Cile aveva sviluppato la più sofisticata operazione di disinformazione e sabotaggio economico che il mondo avesse mai conosciuto. Colby confessò che si trattava di "un'esperienza di laboratorio che dimostrava l'efficacia degli investimenti finanziari nello screditare e rovesciare un governo". [6]

Ma non è tutto. Secondo la commissione del Senato degli Stati Uniti, la stazione della CIA a Santiago era dedicata alla raccolta di tutte le informazioni necessarie per un eventuale colpo di Stato. "Elenchi di persone da detenere; infrastrutture e personale civile da proteggere in via prioritaria; strutture governative da occupare; piani di emergenza previsti dal governo in caso di rivolta militare." [7]

Secondo l'ex funzionario del Dipartimento di Stato William Blum, queste informazioni di Stato sensibili furono ottenute "comprando" alti funzionari e leader politici del partito di coalizione di Allende, Unidad Popular [8] . Nel frattempo, a Washington, i dipendenti dell'ambasciata cilena lamentavano la scomparsa di documenti, non solo dalla sede diplomatica ma anche dalle loro stesse abitazioni. Le loro comunicazioni furono poste ad intercettazione. Questo lavoro è stato svolto dallo stesso team che poco dopo è stato coinvolto nell'affare Watergate. [9]

L'azione contro Allende richiese una campagna internazionale di diffamazione e intrigo. Gran parte di essa fu affidata a un inesperto di politica estera e un politico quasi sconosciuto, sebbene vecchia conoscenza del Presidente Nixon e degli uomini che dirigevano l'operazione: George H.W. Bush.  Egli svolse questo compito come ambasciatore all'ONU, carica che ricopriva dal febbraio 1971. Quando fu nominato, nessuno volle ricordare che pochi mesi prima era riuscito, come rappresentante alla Camera dei Rappresentanti del Texas, a far ripristinare in quello Stato la pena di morte per gli "omosessuali recidivi".

L'11 settembre 1973 ebbe luogo il sanguinoso colpo di Stato contro il governo Allende, guidato dal generale Augusto Pinochet, e si scatenò una terribile repressione. Sebbene Shackley avesse lasciato l'incarico pochi giorni prima di quel fatidico giorno, fu la figura chiave dell'operazione. Il suo biografo afferma: "Salvador Allende morì durante il colpo di Stato. Quando il fumo si diradò, il generale Augusto Pinochet, leader della giunta militare, era al potere dittatoriale, grazie anche al duro lavoro di Shackley [...]" [10].

Quasi un mese dopo, il 16 ottobre, Henry Kissinger avrebbe ricevuto il Premio Nobel per la pace... L'anno successivo al colpo di Stato, mentre la dittatura continuava a insanguinare la nazione, il presidente Gerald Ford dichiarò che gli americani avevano agito "nel migliore interesse dei cileni e, ovviamente, per quelli degli Stati Uniti". [11]

Mentre nel 1980 l'ex presidente Nixon avrebbe scritto: "Gli oppositori si preoccupano solo della repressione politica in Cile, e ignorano le libertà che nascono da un'economia libera [...] Piuttosto che chiedere la perfezione immediata in Cile, dovremmo sostenere i progressi che sono stati fatti". [12]

(Traduzione di Roberto Casella)

Note:

1- Commissione speciale presieduta dal senatore Frank Church: "Presunti complotti di assassinio che coinvolgono leader stranieri". Novembre 1975. U.S. Government printing office 61-985, Washington, 1975.

2- Azioni di copertura in Cile, 1963-1973. Il Comitato ristretto per lo studio delle operazioni governative rispetto alle attività di intelligence, Senato degli Stati Uniti. Washington, 18 dicembre 1975.

3- Il Presidente degli Stati Uniti Dwight David Eisenhower autorizzò la CIA a rovesciare Arbenz, applicando un piano globale, senza precedenti fino ad allora nel continente, che comprendeva guerra psicologica, mercenaria e paramilitare, con il nome in codice di PBSUCCESS. Vedi: Cullather, Nick. "Secret History: the CIA Classified Accounts of its Operations in Guatemala, 1952-1954". Università di Stanford. 1999.

4- Colby, William. "30 anni di C.I.A.". Presses de la Renaissance. Parigi, 1978.

5- Newsweek. Washington, 23 settembre 1974.

6- New York Times. 8 settembre 1974.

7- Azione di copertura in Cile, 1963-1973. Ob. Cit.

8- Blum, William. "Les guerres scélérates". Parangon, Parigi 2004.

9- Watergate era il nome dell'edificio in cui si trovavano gli uffici del Partito Democratico. Illegalmente, nel 1972, il Presidente Nixon ordinò di metterli sotto sorveglianza. Di fronte alle prove e allo scandalo, il presidente dovette dimettersi nell'agosto 1974. Vedi: Marchetti, Victor e Marks, John. "La CIA e il culto del sapere. Ed. Robert Laffont. Parigi, 1975.

10- Corn, David. Blond Ghost, "Ted Shackley e le crociate della CIA". Simon & Schuster. New York, 1994.

11- New York Times. 17 settembre 1974.

12- Nixon, Richard. "La vraie guerre. Albin Michel. Parigi, 1980.

Hernando Calvo Ospina

Hernando Calvo Ospina

Colombiano residente in Francia.  Scrive per diversi media internazionali. Ha pubblicato 14 libri, tutti tradotti in più lingue. Negli ultimi anni ha realizzato diversi documentari.

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Public enemy di Giuseppe Giannini Public enemy

Public enemy

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti di Andrea Puccio Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti

Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti