10 anni di costruzione della Belt & Road: intervista con Jamshed Yunusov, comitato centrale del PC del Tagikistan

10 anni di costruzione della Belt & Road: intervista  con Jamshed Yunusov, comitato centrale del PC del Tagikistan

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

di Chen Ji e Pietro Fiocchi - China.org.cn

“Penso, e spero, che nel quadro di questa iniziativa godremo di prosperità…”


Jamshed Sabirovich Yunusov è membro del Comitato centrale del Partito comunista del Tagikistan, responsabile della cooperazione internazionale, e dal 2020 è segretario del Comitato centrale del Partito. Nato il 5 febbraio 1965 a Dushanbe, si è laureato presso la facoltà di storia dell'Università statale del Tagikistan.

Dal 1986 al 1991 ha ricoperto vari incarichi nelle organizzazioni giovanili sovietiche della città di Dushanbe e nel Comitato centrale dell'Organizzazione giovanile sovietica della Repubblica. Nel 1993 è stato primo segretario del Comitato centrale distrettuale del Partito comunista del Tagikistan e, dal 1995 al 1999, primo segretario del Comitato centrale dell'Organizzazione giovanile sovietica della Repubblica. 

Jamshed Yunusov ha il grado di prima categoria di Consigliere di Stato per il servizio pubblico.

Impegnato nel lavoro sindacale dal 2006, è attualmente a capo del dipartimento socio-economico, delle relazioni pubbliche e delle relazioni internazionali della Federazione dei sindacati indipendenti del Tagikistan.  

Negli ultimi dieci anni, più di 150 Paesi e 30 organizzazioni hanno firmato documenti di cooperazione con la Cina per la costruzione dell'iniziativa "Belt and Road", che è diventata il progetto di cooperazione internazionale più popolare e la più grande piattaforma di collaborazione al mondo. Come lo valuta Lei, in qualità di esperto di relazioni internazionali?

Grazie per la domanda. Sappiamo che l'iniziativa "Belt and Road" è stata proposta dal leader cinese Xi Jinping. Vorrei innanzitutto sottolineare alcuni aspetti storici di questa iniziativa, perché la nuova iniziativa cinese ha profonde radici storiche e culturali.

Molti Paesi europei potrebbero non comprendere il ruolo storico di questa iniziativa a causa della loro distanza geografica, ma i popoli dell'Asia centrale, compreso il Tagikistan, sono sempre stati coinvolti in questa iniziativa. Nell'antichità, le merci di seta prodotte in Cina venivano trasportate da Oriente a Occidente, e il percorso attraversava anche l'odierna Asia Centrale.

L'antica Grande Via della Seta era probabilmente nota a molti europei, ma nel tempo, dopo molti secoli, è stata dimenticata e ricordata solo a livello professionale da storici, esperti culturali e altri. Noi, abitanti della regione dell'Asia centrale, siamo stati i diretti beneficiari della Via della Seta, poiché essa passava attraverso le nostre terre.

In un'interpretazione moderna, descriverei l'iniziativa Belt and Road come un dialogo tra le civiltà dell'Oriente e dell'Occidente. L'iniziativa è innanzitutto un progetto economico della Cina, ma comprende anche molti elementi, come lo sviluppo di legami economici con i Paesi vicini e non solo, la politica degli investimenti, la promozione delle merci lungo una rotta marittima alternativa, lo sviluppo di progetti logistici e la cooperazione culturale.

Vorrei continuare il mio commento sulla Cina e sottolineare il fatto che nel contesto della produzione e dello sviluppo del mercato interno di beni e servizi, della costruzione di infrastrutture e della politica sociale, dell'urbanizzazione delle città, della formazione del personale, della riduzione della povertà, ho visto che tutti questi problemi sono, sulla base dell'esempio della Regione autonoma uigura dello Xinjiang in Cina, ampiamente risolti.

Con una delegazione del Tagikistan, ho visitato molte aziende di questa regione e ho scoperto la vita della gente comune. Le persone lavorano e, grazie al loro lavoro quotidiano, stanno davvero migliorando le loro condizioni di vita. In molte città e regioni, abbiamo visto l'attenzione rivolta ai cittadini da parte dei leader cinesi e la creazione delle condizioni necessarie per la creazione di posti di lavoro, fabbriche e imprese moderne con un alto livello di innovazione e salari dignitosi.

Grazie al loro lavoro, le persone migliorano la loro vita quotidiana, ristrutturano le loro case, acquistano automobili e vestiti e offrono una buona istruzione ai loro figli. Si stanno costruendo molte scuole, musei e teatri moderni, anche per conservare la cultura dei popoli che vivono in Cina. 

Questa cultura o iniziativa ha superato i confini della Cina e sta funzionando con successo anche al di fuori di essa, in altri Paesi. Ciò può essere valutato in modi diversi, ma una cosa è certa: sviluppando la propria economia, la Cina sta contribuendo allo sviluppo dei suoi vicini e di altri Paesi. Allo stesso tempo, definisco questa zona come una zona di sicurezza, perché sviluppando questa iniziativa, i leader cinesi stanno cercando di promuovere lo sviluppo di un mondo autosufficiente e sicuro.

Una società ad alta tecnologia e autosufficiente sviluppa la produzione, migliora le condizioni di vita sociale e promuove un pensiero tollerante. A questo proposito, vorrei ripetere le parole del leader cinese, lo stimato Xi Jinping: "La società è come un melograno, quando lo si sbuccia si vedono gli stessi semi, e allo stesso modo, tutti devono essere uniti e uguali nella società". "

Naturalmente, come cittadino, come politico e come persona comune, non posso che valutare positivamente questa iniziativa, perché è finalizzata alla costruzione.

Secondo Lei, che ruolo ha l'iniziativa nello sviluppo sociale dei Paesi membri, in particolare per quanto riguarda le condizioni di lavoro? E che ruolo svolge nelle relazioni internazionali?

Va detto che l'iniziativa ha un ruolo positivo nell'economia del Tagikistan. Nell'ambito di questa iniziativa e con l'assistenza diretta degli investimenti e degli specialisti cinesi, nonché delle attrezzature, il Tagikistan è uscito dall'impasse delle comunicazioni stradali, che soprattutto in inverno tra le regioni della Repubblica erano chiuse fino alla primavera.

Su iniziativa del nostro stimato leader, il Presidente della Repubblica del Tagikistan, Emomali Rahmon, è stato sviluppato un programma statale per superare l'impasse delle comunicazioni stradali. Tra i nostri capi di Stato si sono instaurate calde relazioni di amicizia e, grazie alla stretta collaborazione, in Tagikistan ora è possibile una mobilità stradale tra tutte le regioni del Paese durante tutto l'anno. 

Naturalmente, questa cooperazione è molto utile per lo sviluppo sociale della Repubblica. In Tagikistan sono in corso di realizzazione decine di progetti per migliorare l'ambiente sociale e vengono importate tecniche innovative in vari settori dell'economia. L'introduzione di tecniche, tecnologie e attrezzature moderne cinesi ha facilitato notevolmente il lavoro dei lavoratori tagiki, la formazione dei dipendenti e il sostegno ai vari settori dell'economia, il tutto accolto molto positivamente dalla società.

Le aziende cinesi che operano nella Repubblica contribuiscono allo sviluppo della produzione. Per quanto riguarda la creazione di nuovi posti di lavoro, l'introduzione di tecnologie moderne facilita il lavoro degli specialisti nel settore industriale dell'economia. In generale, la cooperazione presenta solo aspetti positivi.

Credo che si possano notare anche gli aspetti positivi della cooperazione internazionale. Per esempio, nell'ambito di questa iniziativa, la Cina ha investito decine di miliardi di dollari nell'economia del Kazakistan. Lo stesso è stato fatto con Uzbekistan e Kirghizistan. 

Va notato che molti Paesi stanno cooperando con la Cina nell'ambito di questa iniziativa, che sta portando risultati positivi nello sviluppo dell'economia globale.

L'iniziativa stimola lo sviluppo economico e il commercio tra i due Paesi, Cina e Tagikistan?

Non c'è dubbio che il commercio sia stato la chiave della ricchezza e della prosperità in ogni epoca e per ogni popolo. Vogliamo incrementare gli scambi con il nostro vicino. Oggi, sul mercato tagiko, oltre ai beni di consumo, possiamo vedere anche attrezzature ad alta tecnologia provenienti dalla Cina in vari settori dell'economia.

Le moderne attrezzature tecnologiche si trovano in settori come le comunicazioni, l'edilizia, l'industria mineraria, l'agricoltura, l'energia, i trasporti, l'industria leggera e altri. Mentre un tempo sul nostro mercato c'erano prodotti esclusivamente nazionali, oggi vediamo attrezzature stradali cinesi, attrezzature minerarie ad alta tecnologia, telai, telefoni cellulari cinesi e attrezzature del marchio cinese ZTE.

Molti prodotti di alta qualità, come vestiti, scarpe ed elettrodomestici, sono apparsi anche sul nostro mercato e non sono peggiori di quelli dei marchi stranieri. Il commercio è sempre lo sviluppo dell'economia, perché significa posti di lavoro, promozione di beni e servizi e, naturalmente, una conoscenza più approfondita della cultura cinese. È sempre interessante e redditizio.

Quali sono le Sue aspettative per il futuro della costruzione della "Belt and Road"?

Ho visto lo sviluppo di una regione della Cina un tempo arretrata, la regione autonoma uigura dello Xinjiang. La nostra delegazione ha visitato le città di Urumqi, Kashi e la sottoprovincia autonoma kirghisa. Come si dice, tutto sta nel confronto, e posso dire che questa regione è molto diversa da quella che era solo 5 anni fa.

Le impressioni su ciò che ho visto sono state meravigliose e la gente era di buon umore e amichevole. Vorrei dire che se la Cina è stata in grado di realizzare così tanto in così poco tempo in una zona così remota dell'ovest del Paese, penso che il futuro della costruzione della "Belt and Road" sia molto ottimistico.

La Cina si sta sviluppando lungo il percorso di costruzione e sta proiettando il suo progetto di costruzione ai Paesi che rientrano nel quadro dell'iniziativa. Penso e spero che questa iniziativa ci porterà prosperità, perché all'interno della civiltà orientale siamo destinati al dialogo e allo sviluppo.

La cultura e la filosofia cinese sono alla base di questa iniziativa, le cui radici affondano nel passato, quando la Grande Via della Seta passava tra le nostre montagne e i nostri fiumi. Dopo secoli, il dialogo tra civiltà sta rinascendo e questa è la risposta della Cina alle moderne sfide della globalizzazione.

L'America sta imponendo al mondo una visione unipolare e uno stile di vita americano che ha già fallito e, spero, scomparirà presto. Ma la costruzione non può essere distrutta o cancellata, e credo che l'iniziativa "Belt and Road" accompagnerà la nostra vita sulla strada della costruzione.

Per concludere, vorrei sottolineare che fino all'agosto di quest'anno la Cina era un Paese che conoscevo solo attraverso un libro. Molto tempo fa, in gioventù, mi sono imbattuto in un libro molto interessante scritto da Wu Cheng'en, "Pellegrinaggio in Occidente". Questo libro è stato la mia prima introduzione alla cultura e all'antica filosofia cinese.

La mia opinione personale è che un popolo con un patrimonio culturale così ricco sia degno di rispetto e che l'ulteriore sviluppo di questa iniziativa sia la strada dell'amicizia, del buon vicinato e del rispetto reciproco, basato, come ho detto più volte, sulla costruzione.

Pace a casa vostra, compagni cinesi!

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*       di Geraldina Colotti Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*      

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*  

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

L'Unione Europea nella percezione degli italiani di Leonardo Sinigaglia L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La partita a scacchi più pericolosa di sempre di Giuseppe Masala La partita a scacchi più pericolosa di sempre

La partita a scacchi più pericolosa di sempre

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti