"Vivo 8 anni nel mezzo di una guerra". La risposta che la ex giornalista della CNN non si aspettava...

"Vivo 8 anni nel mezzo di una guerra". La risposta che la ex giornalista della CNN non si aspettava...

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Partita l’operazione della federazione Russa per "smilitarizzare e denazificare" l’Ucraina a sostegno delle Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk, nella regione del Donbass, è parallelamente scattata la controffensiva mediatica occidentale in difesa della narrazione statunitense.

La vulgata del mainstream tende a voler far apparrre l’azione di Putin come un attacco indiscriminato delle forze armate russe all’Ucraina e alla sua popolazione civile. Una manovra propagandistica immediatamente bollata come disinformazione dal ministero della Difesa di Mosca. 

In questo senso, uno dei casi più emblematici e poi divenuto virale sulle reti sociali, di come viene affrontato a livello mediatico il caso Ucraina nelle ultime ore è stato quello della giornalista Patricia Janiot, ex giornalista della CNN in lingua spagnola che ora lavora per Noticiero Univisión.

Quando la Janiot cercava una risposta disperata dal giornalista colombiano Luis Muñoz lui gli risponde con assoluta calma, durante il «bombardamento della Russia». «Vivo 8 anni nel mezzo di una guerra e oggi ho dormito molto serenamente. Sento quei suoni da molto, molto lontano», la risposta del giornalista che vive a Donetsk. 

 

 

Confusione o manipolazione?

Le trasmissioni di alcuni media sulle reti sociali e le piattaforme digitali hanno generato reazioni diverse, che vanno dall'incertezza alle battute a causa della mancata corrispondenza tra il "nervosismo" che i presentatori cercano di trasmettere dagli studi televisivi e la calma con cui alcuni giornalisti liquidano certi commenti.

In mezzo all'escalation di disinformazione da parte dei grandi media occidentali, il governo della Federazione Russa ha denunciato l'intenzione degli alleati degli Stati Uniti di accusare la nazione eurasiatica di aver condotto attacchi sproporzionati su città pacifiche.

Nel frattempo, i media internazionali continuano a fare la loro parte, trasmettendo servizi di dubbia credibilità senza alcuna coerenza tra la narrazione dei orter e le immagini che trasmettono in diretta. Come ad esempio la giornalista con elmetto e giubbotto antiproiettile che parla concitata, mentre alle sue spalle ci sono persone che rincasano tranquillamente con le buste della spesa. 

Questa però non è certo una novità, siamo ben abituati al modus operandi di certi media sempre pronti a capovolgere la realtà alla bisogna. 


3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino" di Clara Statello Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino"

Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino"

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?  di Leonardo Sinigaglia Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?

Fino a quando potranno impedire le elezioni in Libia?

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

I più fessi d'Europa di Gilberto Trombetta I più fessi d'Europa

I più fessi d'Europa

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi di Pasquale Cicalese Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti