Video shock dal Canada. Anziano arrestato e malmenato per aver suonato il clacson in solidarietà al Freedom Convoy

Video shock dal Canada. Anziano arrestato e malmenato per aver suonato il clacson in solidarietà al Freedom Convoy

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Dal 2 gennaio la nostra pagina Facebook subisce un immotivato e grottesco blocco da "fact checker" appartenenti a testate giornalistiche a noi concorrenti. Aiutateci ad aggirare la loro censura e iscrivetevi al Canale Telegram de l'AntiDiplomatico

Un pensionato di 78 anni è stato arrestato e ammanettato dalla polizia di Ottawa per essersi macchiato di quello che agli occhi delle autorità canadesi è divenuto evidentemente un grave reato: suonare il clacson mostrando così sostegno ai camionisti del Freedom Convoy, che continuano la loro protesta contro gli obblighi vaccinali e le politiche pandemiche del governo Trudeau. 

Nonostante l’anziano avesse affermato di non essere un manifestante e di non essere in cerca di guai, la polizia della capitale canadese l’ha ammanettato e maltrattato, provocandogli tagli e contusioni. 

Il giornalista del Toronto Sun, Joe Warmington, ha postato le immagini che mostrano il risultato del trattamento brutale di Gerry (questo il nome dell’uomo), chiedendo al primo ministro Justin Trudeau perché la polizia canadese agisce con queste maniere contro un cittadino che aveva solo mostrato solidarietà ai manifestanti. 

«Non volevo fare del male», ha detto Gerry Charlebois al Toronto Sun in un'intervista. «Ho solo mostrato al camionista un pollice in su e dato un colpo di clacson».

Non è stato accusato penalmente, ma gli è stata comminata una multa di 118 dollari per «rumore non necessario». Ma soprattutto - evidenzia il Toronto Sun - ha ricevuto una punizione fisica che non dimenticherà presto.

I tagli e i lividi sulle sue braccia e mani, sulla spalla e sul ginocchio sono evidenti. 

Il video del suo arresto avvenuto domenica ha fatto il giro del mondo. 

 

Dal 2 gennaio la nostra pagina Facebook subisce un immotivato e grottesco blocco da "fact checker" appartenenti a testate giornalistiche a noi concorrenti. Aiutateci ad aggirare la loro censura e iscrivetevi al Canale Telegram de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale di Giorgio Cremaschi La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

L'inflazione come strumento della lotta di classe di Gilberto Trombetta L'inflazione come strumento della lotta di classe

L'inflazione come strumento della lotta di classe