Video. Il fomentatore delle guerre imperialiste, Bernard Henri-Lévy, non è più il benvenuto in Libia

Video. Il fomentatore delle guerre imperialiste, Bernard Henri-Lévy, non è più il benvenuto in Libia

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il filosofo sionista francese Bernard Henry Lévy non è più il benvenuto in Libia. Espulso da una città recentemente conquistata dal GNA, il governo libico riconosciuto dall'ONU, che sosteneva di non averlo né invitato né rilasciato un visto.


                                   
Ci sono stati momenti in cui tutti hanno scattato una foto con lui, dal momento che ha giocato un ruolo chiave nel 2011 nel persuadere l'ex presidente francese Nicolas Sarkozy a lanciare la guerra della NATO per rovesciare il suo leader Muammar Gheddafi.
 
Da allora, BHL ha perso la sua aura ed è diventato persona non grata per molti libici. Quest'ultimo sospetta le reali motivazioni del suo attivismo a favore dell'intervento internazionale, guidato da Francia, Gran Bretagna e Stati Uniti.
 
Diviso in due, da allora il paese è stato in guerra tra, da un lato, il governo di unità nazionale (GNA), sostenuto dalle Nazioni Unite e dalla Turchia e che controlla il lato Occidente tra cui la capitale Tripoli e dall'altro maresciallo Khalifa Haftar, sostenuto dagli Emirati Arabi Uniti, dall'Egitto e che controlla il lato orientale. E il GNA insiste sull'accusa alla Francia di appoggiare Haftar, nonostante le smentite da Parigi.
 
È anche per questo motivo che, ieri, è stato presumibilmente cacciato da Tarhouna, una città situata a 65 km a sud-est di Tripoli e che era l'ultima roccaforte dei miliziani pro-Haftar prima di cadere nelle mani del GNA, con l'aiuto dei turchi.
 
 
 

 
 
 
Si spera che BHL possa essere cacciato via in ogni luogo che ha la disgrazia di avere la sua presenza. Non si sente alcun bisogno della presenza di uno dei principali sponsor delle guerre della NATO che hanno seminato morte e distruzione negli ultimi 10 anni.
 
 

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

L’Iran come la Siria nel 2011? di Francesco Santoianni L’Iran come la Siria nel 2011?

L’Iran come la Siria nel 2011?

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE di Marinella Mondaini L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso" di Antonio Di Siena Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva? di Michelangelo Severgnini Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo di Paolo Pioppi Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti