Via libera al nuovo saccheggio dell'Africa. Le stupefacenti parole di Draghi

Via libera al nuovo saccheggio dell'Africa. Le stupefacenti parole di Draghi

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Lasciano stupefatti le parole di Mario Draghi al cosiddetto "Compact with Africa" in corso a Berlino. 


Secondo il nostro stimatissimo (sic) l'FMI deve stanziare risorse finanziarie per vaccinare le persone nei paesi poveri dell'Africa dove finora solo l'1,4% della popolazione ha avuto l'onore di essere iniettata con il siero magico (per i conti della Pfizer sicuramente).


Per chi non avesse capito stanziare soldi (che i paesi africani dovranno peraltro restituire) per acquistare vaccini significa dare soldi alle case farmaceutiche, dove in realtà i paesi africani fungono il ruolo di perno centrale della partita di giro tra Fmi e case farmaceutiche. I popoli africani di quei soldi non sentono manco l'odore. E poi per cosa? Per un siero la cui utilità e quantomeno dubbia e di cui non si conoscono gli effetti a lungo termine. E come se non bastasse "utile" per curare una malattia che uccide al 90% e passa persone che hanno un età superiore agli 80 anni quando la vita media in Africa è di 50 anni.


Vita media molto bassa causata da mancanza di infrastrutture utili all'igiene, ospedali, cure, medicinali per malattie vere (chessò, insulina per diabeciti, farmaci per tumori o per malattie cardiache...e financo stupidi medicinali da banco per la diarrea, perchè le persone in Africa muoiono anche di semplici diarree). Tutta roba che per Draghi non merita nessun investimento, l'importante è il vaccino per una malattia mortale in un età che in Africa manco si sognano di raggiungere.


In questo immenso delirio mancavano i gentili cadeaux alle case farmaceutiche sulla pelle degli africani. Mi raccomando eh, che non manchi la fetta di torta per l'industria della bontà delle Ong occidentali per fare i carrozzoni vaccinatori in Africa: del resto si sa, in Africa mancano i medici. E ai nostri iBuoni bisogna trovare nuovo impiego dopo che sono stati ritirati a decine di migliaia dalla greppia afgana.


Oggi il colonialismo e il saccheggio dei paesi poveri si fa farisaicamente con la falsa carità. Ma non è meno feroce di quello armato e sanguinario dell'ottocento.

https://www.lastampa.it/politica/2021/08/27/news/g20-iniziano-i-lavori-compact-with-africa-draghi-dobbiamo-fare-di-piu-per-i-paesi-in-difficolta-1.40639939

Giuseppe Masala

Giuseppe Masala

Giuseppe  Masala, nasce in Sardegna nel 25 Avanti Google, si laurea in economia e  si specializza in "finanza etica". Coltiva due passioni, il linguaggio  Python e la  Letteratura.  Ha pubblicato il romanzo (che nelle sue ambizioni dovrebbe  essere il primo di una trilogia), "Una semplice formalità" vincitore  della terza edizione del premio letterario "Città di Dolianova" e  pubblicato anche in Francia con il titolo "Une simple formalité" e un  racconto "Therachia, breve storia di una parola infame" pubblicato in  una raccolta da Historica Edizioni. Si dichiara cybermarxista ma come  Leonardo Sciascia crede che "Non c’è fuga, da Dio; non è possibile.  L’esodo da Dio è una marcia verso Dio”.

 

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

USA: un nuovo 'Watergate' per incriminare Trump di Francesco Santoianni USA: un nuovo 'Watergate' per incriminare Trump

USA: un nuovo 'Watergate' per incriminare Trump

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano di Savino Balzano Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato di Pasquale Cicalese Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti