Usa e curdi rubano ogni giorno 140 Mila barili di petrolio alla Siria

Usa e curdi rubano ogni giorno 140 Mila barili di petrolio alla Siria

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.

 

I miliziani delle 'forze democratiche siriane', a guida curda, (SDF), sostenute da Washington, rubano ogni giorno 140mila barili di greggio dai giacimenti petroliferi nella provincia nord-orientale di Hasakah, in Siria.

Ghassan Halim Khalil, governatore di Hasakah, ha rivelato l'agghiacciante e triste notizia in un'intervista al quotidiano libanese al-Akhbar sabato scorso, aggiungendo che le SDF stanno saccheggiando il petrolio siriano in vari modi, il tutto con la partecipazione e il sostegno delle forze statunitensi schierate nel regione.

Ha sottolineato che le informazioni precise raccolte e ricevute mostrano che i miliziani sostenuti dagli Stati Uniti utilizzano camion cisterna dell'area di Taramish nel Tigri e al-Malikiyah per contrabbandare il petrolio siriano nel vicino Iraq.

Khalil ha inoltre osservato che molte autocisterne passano ogni giorno attraverso l'attraversamento illegale di al-Mahmoudiyah in Iraq, aggiungendo che le SDF inviano regolarmente anche montagne di petrolio rubato nelle loro aree controllate in Siria. Il governatore siriano ha anche rivelato che le forze Usa avevano ordinato ai miliziani delle SDF di non consentire alle aree controllate da Damasco di ricevere petrolio.

Khalil ha ricordato che mentre il popolo siriano soffre il freddo e la fame, questi miliziani sostenuti dagli Stati Uniti saccheggiano le risorse petrolifere nazionali della Siria.

Il saccheggio del petrolio siriano da parte degli Stati Uniti è stato confermato per la prima volta durante uno scambio di audizioni al Senato tra il senatore repubblicano della Carolina del Sud Lindsey Graham e l'allora segretario di Stato americano Mike Pompeo lo scorso luglio.

Durante la sua testimonianza alla Commissione per le relazioni estere del Senato, Pompeo  confermò per la prima volta che una compagnia petrolifera statunitense avrebbe lavorato nella Siria nord-orientale, controllata dalle SDF.

Il governo siriano all'epoca denunciò con la massima fermezza l'accordo siglato per saccheggiare le risorse naturali del paese, inclusi petrolio e gas siriani, con il patrocinio e il sostegno dell'amministrazione dell'ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump.

Dalla fine di ottobre 2019, gli Stati Uniti hanno ridistribuito i soldati nei giacimenti petroliferi controllati dalle SDF nella Siria orientale in un'inversione del precedente ordine di Trump di ritirare tutte le truppe dal paese dilaniato dalla guerra.

Il Pentagono afferma che la mossa mira a "proteggere" i campi e le strutture da possibili attacchi dei terroristi dell'ISIS. Allo stesso tempo, Trump affermò in tutta sincerità che gli Stati Uniti cercavano di difendere i loro interessi economici attraverso il controllo dei giacimenti petroliferi siriani.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Il libro di Giavazzi da leggere per capire che cos'è il governo Draghi di Francesco Erspamer  Il libro di Giavazzi da leggere per capire che cos'è il governo Draghi

Il libro di Giavazzi da leggere per capire che cos'è il governo Draghi

Quale paese al mondo... di Giorgio Cremaschi Quale paese al mondo...

Quale paese al mondo...

Facebook oscura l'informazione in Australia e non succede niente? di Francesco Santoianni Facebook oscura l'informazione in Australia e non succede niente?

Facebook oscura l'informazione in Australia e non succede niente?

Europei, Uiguri e i deliri di Washington   di Bruno Guigue Europei, Uiguri e i deliri di Washington

Europei, Uiguri e i deliri di Washington

A voi che leggete i "libri" di Scanzi e Casalino... di Antonio Di Siena A voi che leggete i "libri" di Scanzi e Casalino...

A voi che leggete i "libri" di Scanzi e Casalino...

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti