UNRWA accusa l'esercito israeliano di torturare i suoi dipendenti

UNRWA accusa l'esercito israeliano di torturare i suoi dipendenti

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

L'Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi nel Vicino Oriente (UNRWA) ha accusato le Forze di difesa israeliane (IDF) di usare tortura, minacce e coercizione per estorcere false confessioni ai suoi dipendenti, detenuti in Israele, sui loro presunti legami con Hamas. La denuncia appare in un rapporto intitolato "Detenzione e presunto maltrattamento dei detenuti di Gaza durante la guerra tra Israele e Hamas", pubblicato martedì scorso dall'UNRWA.

Abusi e maltrattamenti

Nel documento si precisa che il personale dell'agenzia ha subito maltrattamenti e abusi da parte degli interrogatori che lavoravano con l'esercito israeliano, nonostante stessero svolgendo i loro compiti ufficiali nell'agenzia. Gli stessi membri del personale hanno raccontato che questi maltrattamenti includevano gravi percosse e una procedura simile al waterboarding, che hanno causato loro gravi lesioni fisiche.

Allo stesso modo, hanno riferito di aver ricevuto percosse da medici che lavorano con l'esercito, quando venivano indirizzati a ricevere presunta assistenza medica. Inoltre, hanno rivelato di essere stati esposti ad attacchi di cani e ad abusi verbali e psicologici.

I dipendenti dell'UNRWA hanno rivelato che mentre venivano minacciati con le armi hanno ricevuto diversi tipi di minacce, tra le quali quelli di stupro ed elettrocuzione, di omicidio, lesioni o danni a familiari; trattamenti umilianti e degradanti; essere costretti a spogliarsi nudi e fotografati mentre erano nudi; ed essere costretti a mantenere posizioni di stress.


Lamentele e silenzio

Secondo il rapporto, più di 1.506 detenuti della Striscia di Gaza sono stati rilasciati dalla custodia dell'IDF dopo l’interrogatorio, inclusi 23 membri del personale dell'UNRWA e 16 familiari del suo personale. L'agenzia delle Nazioni Unite ha annunciato di aver presentato proteste ufficiali alle autorità israeliane per il trattamento del suo personale nei centri di detenzione israeliani, ma fino ad oggi non ha ricevuto alcuna risposta.

Lo Stato ebraico sostiene che una parte del personale dell'agenzia, che contava 13.000 dipendenti nell'enclave all'inizio dell'ultima escalation di violenza, è coinvolto in atti di collaborazione con Hamas e la Jihad islamica, e accusa addirittura i suoi membri di aver partecipato all'incursione del 7 ottobre, sebbene non abbia presentato prove al riguardo. A seguito di questa accusa israeliana, diversi paesi e istituzioni hanno sospeso i finanziamenti all’agenzia.


-------------

L'AntiDiplomatico e LAD edizioni sono impegnati a sostenere l'associazione "Gazzella", in prima linea nel sostegno della popolazione di Gaza. 

Con l'acquisto di "Il Racconto di Suaad" (Edizioni Q - LAD edizioni) dal nostro portale, finanzierete le attività di "Gazzella".

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Quando Mario Monti parla di "sacrifici".... di Fabrizio Verde Quando Mario Monti parla di "sacrifici"....

Quando Mario Monti parla di "sacrifici"....

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

"Il Giornale": il cane da guardia "di destra" dell'atlantismo di Marinella Mondaini "Il Giornale": il cane da guardia "di destra" dell'atlantismo

"Il Giornale": il cane da guardia "di destra" dell'atlantismo

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La dittatura del pensiero liberal di Giuseppe Giannini La dittatura del pensiero liberal

La dittatura del pensiero liberal

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Il Piano Mattei (o di quelli che lo hanno ucciso?) di Gilberto Trombetta Il Piano Mattei (o di quelli che lo hanno ucciso?)

Il Piano Mattei (o di quelli che lo hanno ucciso?)

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Il Premio Pullitzer e il mondo al contrario di Andrea Puccio Il Premio Pullitzer e il mondo al contrario

Il Premio Pullitzer e il mondo al contrario

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici? di Paolo Arigotti La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici?

La Siberia al centro di nuovi equilibri geopolitici?

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti