Un parente di prigionieri israeliani conferma: "3 ostaggi sono stati uccisi dal fuoco israeliano"

Un parente di prigionieri israeliani conferma: "3 ostaggi sono stati uccisi dal fuoco israeliano"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di WYATT REED* AND MAX BLUMENTHAL – The Grayzone

Un israeliano, i cui familiari sono stati tenuti prigionieri dai miliziani palestinesi, racconta di morti per fuoco amico: "Eravamo abituati a pensare che l'IDF sapesse quello che faceva".

Nel frattempo, i prigionieri liberati raccontano di "orribili traumi da prigionia" causati dai bombardamenti israeliani. 

Un parente dei prigionieri israeliani appena liberati ha accusato pubblicamente l'esercito israeliano di uccidere la sua stessa gente e afferma che Tel Aviv sta impedendo alle famiglie delle vittime di parlare. 

In una testimonianza rilasciata al comitato finanziario israeliano il 3 dicembre, Noam Dan, il cui marito della cugina è ancora sotto la custodia di Hamas e che ha subito la perdita di altri due membri della famiglia durante le ostilità, ha ribadito ai legislatori che l'esercito israeliano ha ucciso i suoi cittadini.

"Sappiamo con certezza che tre persone sono state uccise dal nostro fuoco, tre ostaggi", ha dichiarato, pretendendo di sapere se le famiglie dei prigionieri "sono state abbandonate" dall'amministrazione Netanyahu.

I commenti di Dan sembrano confermare una dichiarazione rilasciata dalla prigionia a Gaza dal 34enne cittadino israeliano Yarden Bibas. Rivolgendosi a Netanyahu, il rapito ha dichiarato che l'esercito israeliano ha ucciso sua moglie e i suoi due figli in un attacco aereo e ha implorato il primo ministro di negoziare per il rilascio dei loro corpi: "Bibi, hai distrutto la mia famiglia. Hai ucciso mia moglie e i miei figli, tutto quello che c'era nella mia vita... Ti prego, riporta a casa mia moglie e i miei figli".

Anche i prigionieri israeliani liberati hanno fornito testimonianze strazianti dei massicci bombardamenti israeliani che hanno subito. Secondo un post su Facebook del produttore televisivo israeliano Hagai Levi, "dai resoconti dei rapiti che ritornano, si ripete che il trauma più orribile della prigionia che hanno vissuto è stato probabilmente quello dei bombardamenti dell'IDF.

Quando ne parlano, tremano letteralmente davanti a me. I termini sono quelli dell'inferno, dell'orlo della morte, del terremoto, del rumore di un altro pianeta (che ha causato anche danni permanenti all'udito). La paura di essere uccisi dai rapitori era nulla rispetto alla paura di morire nei bombardamenti".

I bombardamenti israeliani, le sanzioni su Gaza minacciano un "massacro di massa" di palestinesi e ostaggi israeliani

Dopo che una tregua temporanea a Gaza si è conclusa con un nuovo bombardamento israeliano dell'enclave il 1° dicembre, Hamas ha accusato Israele di aver sabotato gli sforzi per estendere il recente cessate il fuoco a Gaza, sostenendo che l'amministrazione Netanyahu si è rifiutata di rilasciare gli oltre 130 palestinesi catturati durante la tregua in cambio dei corpi di una famiglia di prigionieri che, secondo il gruppo, sono stati uccisi dagli attacchi israeliani.

In una dichiarazione, il portavoce di Hamas, il dottor Khalil Al-Hayya, ha affermato che il gruppo "ha offerto di consegnare i corpi dei prigionieri morti a causa dei bombardamenti 'israeliani', compresi i corpi della famiglia Bibas", ma ha detto che "l'occupazione ha rifiutato di trattare tutte queste richieste, poiché ha già deciso di riprendere la sua aggressione criminale".

In una precedente apparizione sul Canale 13 di Israele, Dan ha raccontato al suo intervistatore che "sappiamo con certezza che non solo [i civili israeliani] hanno sentito i bombardamenti, ma che gli edifici sono crollati sopra i loro abitanti" e che "gli ostaggi sono stati feriti" negli attacchi.

"L'IDF danneggia le case in cui sono tenuti prigionieri", ha osservato. E non sono solo le bombe israeliane a mettere in pericolo la sicurezza degli israeliani prigionieri. Secondo Dan, "le nostre sanzioni su Gaza mettono in pericolo la salute degli ostaggi", perché "se Gaza non ha farina, loro non hanno farina... È uno a uno".

Ha fatto notare che la reputazione militare di Israele è stata fatta a pezzi dopo la sua disastrosa risposta alle incursioni transfrontaliere condotte da Hamas e da altri gruppi di miliziani palestinesi all'inizio di ottobre.

"L'intera nozione che 'l'IDF li conosce e li protegge' si è dissolta", ha spiegato Dan, aggiungendo di essere "sorpresa" dal fatto che l'esercito israeliano "ci abbia permesso di sapere così tanto, perché ha completamente distrutto la nostra fiducia".

"Eravamo abituati a pensare che l'IDF sapesse quello che faceva - ora sappiamo che non è così semplice".

Nella stessa intervista, l'israeliana ha rivelato che Tel Aviv le ha proibito di divulgare informazioni sulle "esperienze molto difficili" subite dai suoi parenti, precisando al conduttore: "Non mi è permesso fornire dettagli. Ci hanno chiesto di non farlo".

La rabbia nei confronti del Primo Ministro Benjamin Netanyahu è aumentata in Israele dal 7 ottobre e un sondaggio condotto all'inizio di novembre ha rivelato che il 76% degli israeliani vuole che Netanyahu si dimetta. Sebbene la campagna militare da lui supervisionata sia riuscita a uccidere circa 15.899 palestinesi in attacchi aerei indiscriminati, le tattiche spietate delle forze israeliane non sono riuscite a ottenere il rilascio dei 122 civili che, a detta loro, rimangono a Gaza.

I prigionieri israeliani liberati da Gaza continuano ad avvertire che l'esercito israeliano rappresenta la più grande minaccia per coloro che sono rimasti nella striscia assediata. Oltre ai bombardamenti che hanno ucciso molti israeliani prigionieri, la prospettiva di un'operazione di salvataggio militare li terrorizza.

"La più grande minaccia che aleggia attualmente sulle teste dei rapiti", ha scritto Hagai Levy, "è un'operazione militare di salvataggio. Le famiglie dei rapiti e tutti coloro che li circondano dovrebbero gridare e urlare di fare di tutto per evitare che tale operazione abbia luogo. Le probabilità di un massacro di massa sono circa cento volte superiori al suo successo".

Nel frattempo, a Gerusalemme, i soldati israeliani hanno giustiziato un uomo ebreo israeliano, ripreso dalle telecamere, mentre tentava di respingere i miliziani palestinesi che avevano aperto il fuoco a una fermata dell'autobus di Gerusalemme - sparandogli anche dopo che aveva gettato la pistola e implorato per la sua vita.

In risposta all'ultimo caso di fuoco amico, Netanyahu ha fatto spallucce: "È la vita".

Traduzione de l’AntiDiplomatico

*Corrispondente e caporedattore di The Grayzone. Account Twitter @wyattreed13.

Caporedattore di The Grayzone, Max Blumenthal è un giornalista pluripremiato e autore di numerosi libri, tra cui i best-seller repubblicani Gomorra, Golia, La guerra dei cinquanta giorni e La gestione della barbarie. Ha prodotto articoli di stampa per una serie di pubblicazioni, molti reportage video e diversi documentari, tra cui Killing Gaza. Blumenthal ha fondato The Grayzone nel 2015 per fare luce giornalisticamente sullo stato di guerra perpetua dell'America e sulle sue pericolose ripercussioni interne.

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor di Pasquale Cicalese Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti