Un drone kamikaze russo distrugge il radar del sistema tedesco IRIS-T da 18 milioni di dollari

Un drone kamikaze russo distrugge il radar del sistema tedesco IRIS-T da 18 milioni di dollari

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Cosa succede alle attrezzatura militari che l’occidente fornisce al regime di Kiev? Vengono semplicemente distrutte dai russi una volta portate al fronte. 

Un esempio è fornito dal drone russo che ha distrutto un radar TRML-4D ad alta tecnologia del valore di 17 milioni di euro, come ha confermato il giornalista della Bild esperto di questioni militari Julian Röpcke. 

Il giornalista ha analizzato un video rilasciato dal Ministero della Difesa russo, apparentemente registrato da un drone di sorveglianza e da un drone kamikaze, che mostra un lanciatore del sistema di intercettazione tedesco coperto da una fila di alberi in un paesaggio rurale.

Più avanti, il radar del sistema mobile può essere visto mascherato da un'altra linea di alberi. In quel punto, un operatore militare russo ha inviato un drone kamikaze, presumibilmente il Lancet.

Nel video registrato dal drone kamikaze, si vede addirittura un militare sopra l'abitacolo del veicolo dotato di radar. La posizione della testa del soldato suggerisce sia consapevole di quanto stia accadendo. Le immagini successive suggeriscono che anche il fuoco dell'artiglieria abbia coperto l'area dopo l'attacco del drone.

"Anche se i moduli rimanenti del sistema attaccato non sono stati danneggiati, per il momento sono inutilizzabili, poiché ogni unità IRIS-T deve essere collegata ad almeno un radar TRML-4D per funzionare come arma difensiva", scrive Röpcke.

Il giornalista ha elencato una "catena di errori fatali" che hanno portato alla distruzione del radar. In primo luogo, il sistema antiaereo, costato complessivamente 140 milioni di euro, è stato installato troppo vicino alla linea del fronte nella provincia di Nikolaev, a soli 26 chilometri di distanza, mettendolo a portata dei droni Lancet, che hanno una gittata di 40 chilometri. 

In secondo luogo, la verniciatura desertica dei moduli del sistema, originariamente destinati all'Egitto, hanno reso il sistema più evidente anziché mimetizzarlo, quindi prima di metterlo in uso andava ridipinto. 

In terzo luogo, prosegue l'articolo, il fatto che il radar fosse così vicino al fronte senza essere protetto da nessun altro sistema, come la corazza antiaerea Gepard, dimostra un "atteggiamento molto lassista dell'equipaggio di questo IRIS-T".

Secondo il produttore Hensoldt, il TRML-4D può rilevare e seguire simultaneamente fino a 1.500 oggetti volanti a un'altitudine massima di 30 chilometri. La portata massima è di 250 chilometri (150 chilometri per gli aerei e 60 chilometri per i missili supersonici).

Questa, scrive The EurAsian Times, potrebbe essere una perdita significativa per l'Ucraina, che, secondo quanto riferito, dispone di un solo TRML-4D, sebbene la Germania si sia impegnata a fornirne almeno altri sette in un recente pacchetto. Attualmente, l'Ucraina dispone di due sistemi di difesa aerea IRIS-T pienamente operativi.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti