Ucraina, progressi nei negoziati. Russia ridurrà drasticamente le sue attività militari a Kiev

Ucraina, progressi nei negoziati. Russia ridurrà drasticamente le sue attività militari a Kiev

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Dal 2 gennaio la nostra pagina Facebook subisce un immotivato e grottesco blocco da "fact checker" appartenenti a testate giornalistiche a noi concorrenti. Aiutateci ad aggirare la loro censura e iscrivetevi al Canale Telegram de l'AntiDiplomatico

 

La Russia ha compiuto " due passi verso l'attenuazione del conflitto in Ucraina", uno in campo militare e l'altro in campo politico, ha affermato Vladimir Medinski, capo della delegazione russa nei negoziati di pace.

Al termine dell'incontro con i rappresentanti ucraini in un nuovo ciclo di colloqui tenutosi oggi a Istanbul (Turchia), la delegazione russa ha spiegato in una conferenza stampa che i passi verso questa de-escalation sono:

Livello militare : "È stata presa la decisione di ridurre drasticamente l'attività militare in direzione di Kiev e Chernigov"

Livello politico : possibilità di un incontro dei presidenti russo e ucraino al momento della firma del futuro trattato di pace.

"Dopo il dibattito sostanziale di oggi, abbiamo concordato e proponiamo una soluzione secondo la quale sia possibile una riunione dei Capi di Stato contestualmente alla firma del trattato da parte dei ministri degli Esteri", ha chiarito in merito il capo della delegazione russa passo politico.

Il rappresentante russo ha spiegato che inizialmente c'era la possibilità di un incontro tra il presidente ucraino Vladimir Zelensky e il presidente russo Vladimir Putin, ma solo dopo la firma dell'accordo.

"Il format previsto [inizialmente] era il seguente: prima si prepara un accordo, poi i negoziatori lo approvano, viene firmato dai ministri degli Esteri in riunione e poi si discute la possibilità di un incontro dei capi di Stato per firmarlo. Non è cosa facile, soprattutto perché l'incontro potrebbe essere multilaterale e coinvolgere i garanti della pace e della sicurezza in Ucraina", ha chiarito il capo della delegazione russa.

"Incontro Costruttivo"

Medinski ha anche ricordato che la Russia ha ricevuto proposte scritte dall'Ucraina che confermano la sua intenzione di assumere uno status neutrale e non nucleare.

"È stato un incontro costruttivo. Abbiamo ricevuto proposte dall'Ucraina affinché la sua posizione chiaramente formulata venga presa in considerazione e inclusa nel trattato. Queste proposte saranno studiate nel prossimo futuro e riferite al presidente", ha precisato Medinski.

Parlando ai giornalisti, il viceministro della Difesa russo Alexander Fomin ha invitato le autorità ucraine "a rispettare rigorosamente le Convenzioni di Ginevra , compreso il trattamento umano dei prigionieri di guerra" e la rinuncia alla tortura.

Proposte ucraine

La parte ucraina ha anche tenuto una conferenza stampa dopo i colloqui in cui ha spiegato le sue proposte alla delegazione russa.

Secondo i rappresentanti di Kiev, i membri del Consiglio di sicurezza dell'Onu potrebbero essere i paesi che garantiscono la sicurezza all'Ucraina. L' elenco sarà aperto e qualsiasi nazione potrà aderire.

“Chi vediamo come garanti? In primis i Paesi del Consiglio di Sicurezza dell'Onu: ne fanno parte anche Regno Unito, Cina, Russia, ma ne parleremo a parte; Germania, Canada, Polonia, Israele, Turchia " Ha dichiarato David Arajamiya, capo della delegazione ucraina, citato da RIA Novosti.

Il requisito fondamentale per un trattato di pace è che vi siano chiare garanzie di sicurezza per l'Ucraina, che dovrebbero essere simili all'articolo 5 della NATO. I paesi garanti sarebbero tenuti a ratificare il documento. Se l'Ucraina dovesse essere bersaglio di un'aggressione, dopo un periodo massimo di consultazione di tre giorni, questi paesi dovrebbero aiutare con le armi e persino con la chiusura dello spazio aereo ucraino.

Uno dei punti dell'accordo potrebbe includere negoziati sullo status della Crimea e di Sebastopoli per un periodo di 15 anni. Durante questo periodo di tempo, la forza militare non può essere utilizzata per il processo decisionale.

L'Ucraina si assume l'obbligo di non ospitare basi militari straniere sul proprio territorio e di non stringere alleanze politico-militari internazionali.

La questione dello status delle repubbliche popolari di Donetsk e Luhansk sarà oggetto di trattativa tra i presidenti di Russia e Ucraina.

I commenti di Medinsky

Le proposte dell'Ucraina sulle garanzie di sicurezza non si applicano a Crimea, Sebastopoli e Donbass e presuppongono che Kiev "rinunci all'intenzione" di recuperare questi territori "con mezzi militari", accettando che "è possibile solo attraverso negoziati", ha avvertito Medinski.

"Naturalmente questo non corrisponde in alcun modo alla nostra posizione, ma l'Ucraina ha formulato il suo approccio", ha aggiunto Medinski. Il negoziatore russo ha anche annunciato durante una trasmissione televisiva che l'Ucraina "rinuncia all'ingresso in alleanze militari, al dispiegamento di basi e contingenti militari stranieri, ed esercitazioni militari" sul suo territorio "senza il consenso degli Stati garanti [della sicurezza], inclusa la Russia".

"Da parte sua, la Russia non è contraria all'intenzione dell'Ucraina di entrare nell'Unione europea", ha precisato Medinski, definendo le proposte di Kiev un passo costruttivo verso il compromesso.

Ha anche osservato che le proposte presuppongono la proclamazione dell'Ucraina come stato che manterrà sempre la neutralità nell'ambito delle garanzie legali internazionali.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan... di Francesco Santoianni Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Il marcio del finto sindacato viene alla luce di Savino Balzano Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico di Pasquale Cicalese Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico

Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito di Gilberto Trombetta Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito

Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli di Michelangelo Severgnini A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti