Ucraina: due ufficiali arrestati e accusati di diserzione dopo intervista al Washington Post

Ucraina: due ufficiali arrestati e accusati di diserzione dopo intervista al Washington Post

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il servizio di sicurezza militare ucraino ha arrestato il comandante di compagnia delle forze armate ucraine Serhiy Lapko e molti dei suoi subordinati con l’accusa di diserzione (articolo 408 del Codice penale ucraino, fino a 10 anni di carcere), secondo quanto rende noto il Washington Post. L’arresto è avvenuto poche ore dopo che Lapko e il sergente Vitaly Khrus avevano rilasciato un'intervista al quotidiano statunitense. Nell'articolo, l'ufficiale si lamentava per la mancanza di supporto da parte dell'alto comando.

“Il nostro comando non si assume alcuna responsabilità. Si prendono il merito solo dei nostri successi”, la denuncia dell’ufficiale.

Lapko ha affermato che durante le prove di tiro sono stati dati solo 30 colpi di munizioni e mezz'ora per l'addestramento dei volontari. Dopo il bombardamento del sistema di approvvigionamento, i combattenti della compagnia hanno dovuto mangiare solo "una patata al giorno". I soldati feriti non furono evacuati, e per questo motivo molti hanno perso la vita.

Quindi Lapko e il suo luogotenente, Vitaliy Khrus, si sono ritirati con i membri della loro compagnia questa settimana in un hotel lontano dal fronte in Ucraina orientale. Lì, entrambi gli uomini hanno parlato al Washington Post, sapendo che avrebbero potuto affrontare una corte marziale e una prigione militare.

Il quotidiano statunitense ha definito il colloquio con gli ufficiali ucraini: “La democrazia muore nelle tenebre".

In precedenza, la SBU aveva annunciato la detenzione del presidente dell'Ufficio internazionale per gli investimenti, l'ex capo del Dipartimento per la politica di investimento dell'amministrazione statale regionale di Leopoli, Roman Matis, e il caporedattore della pubblicazione Mind-ua Yevhen Shpitko. Sono accusati di aver venduto aiuti umanitari e attrezzature per le forze armate ucraine, nonché di appropriazione indebita di donazioni di beneficenza.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale di Giorgio Cremaschi La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

La vera storia del "default russo" spiegata bene di Marinella Mondaini La vera storia del "default russo" spiegata bene

La vera storia del "default russo" spiegata bene

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO