Trattative russo-ucraine: il punto

Trattative russo-ucraine: il punto

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Le trattative fra Russia e Ucraina si sono concluse dopo oltre 5 ore, dopo due giorni che a Gomel’, in Bielorussia, la delegazione russa attendeva, senza nemmeno dormire. Gli ucraini si sono degnati di apparire, giunti ieri a bordo di un elicottero dalla Polonia.

Ad ogni pausa le due delegazioni si consultavano con i rispettivi presidenti. Va precisato che Zelenskij non è chiaro dove si sia nascosto ma, come ha dichiarato la portavoce della casa bianca Psaki, si trova sotto la diretta protezione degli americani. Fra gli ucraini c’era Reznikov, ministro della difesa, che chiama il popolo del Donbass “un cancro maligno”. Secondo le parole di Aristovic’, consigliere di Zelenskij, l’Ucraina pretende dalla Russia che porti via le sue Forze militari dalla Crimea e dal Donbass. Come si può ben capire, se così, queste trattative non infondono nessuna speranza, la parte ucraina cerca solo di prendere tempo e creare sempre più intralci all’operazione russa di liberazione dell’Ucraina che intanto va avanti lo stesso, guadagnano sempre più città, tuttavia non senza enormi difficoltà. Comunque, l’esito principale di oggi è che le delegazioni hanno: “udito l’un l’altra e sono state determinate una serie di posizioni, sulle quali forse si potrà raggiungere un progresso. Il prossimo incontro nei prossimi giorni”. Questa la breve dichiarazione rilasciata da Leonid Sluzkij, capo del Comitato della Duma per gli Affari Esteri.

La situazione sul campo di ieri: ci sono perdite da parte russa, non molte per fortuna, gli ucraini si rapportano verso di loro in maniera antiumana. Mentre i russi si comportano all’esatto opposto con i militari ucraini che si arrendono a loro. Donezk stamattina era sotto un fuoco spaventoso, gli ucraini avevano annidato arsenali di armi talmente grossi da prendere diversi Stati, hanno dichiarato i militari del Donbass e inoltre si erano ammassati, pronti oramai a raderlo al suolo, 150.000 soldati ucraini. Sicché Putin è arrivato giusto in tempo.

Tutto il cielo dell’Ucraina è sotto il controllo dei russi. Sempre più città vengono liberate nel sud-est ucraino. Il Ministero della Difesa russo stamattina ha denunciato ancora una volta ufficialmente il comportamento criminale del regime di Kiev che usa la popolazione come scudo umano mettendola nelle mani dei nazionalisti, i quali hanno portato i mezzi bellici fra le case, gli asili nido, le scuole per provocare la morte dei civili e inoltre il militare russo ha denunciato la notizia falsa che il regime ucraino fa circolare: “la città di Kiev è piena di sabotatori russi che hanno bloccato la città”. Kononenko ha detto che la realtà è tutt’altra: “a Kiev girano indisturbate bande armate di ladri, saccheggiatori, banditi e nazionalisti che compiono violenze e soprusi ogni genere e che hanno ricevuto le armi con la decisione criminale delle autorità ucraine, che senza nessun controllo e a chiunque ne faccia richiesta distribuiscono migliaia di armi. Rivolgo un appello a tutti gli abitanti di Kiev, che possono tranquillamente e senza pericolo attraverso la via Kiev-Vasilko lasciare la città, questa direzione è aperta e sicura. Sottolineo ancora una volta, le Forze Armate russe colpiscono solo gli obiettivi militari e le nostre azioni non minacciano la popolazione civile”

Girano indisturbati anche i condannati che sono stati lasciati liberi di uscire dalle prigioni “per formare squadre e uccidere l’aggressore russo”. Non solo, l’ex criminale di guerra Turcinov ha esortato i nazisti a “uccidere il nemico russo non solo in Ucraina ma anche in Russia”.

Il governo nazista ucraino, che per le sue azioni e dichiarazioni va definito esattamente così, coccolato dalla Ue che in tali azioni lo sostiene in pieno, si sente in diritto di fare che ciò che vuole e fa di tutto perché la guerra prosegua nel Donbass e per impedire alla Russia di portare la pace in Ucraina! E l’Europa manda le armi e i mercenari a Kiev per continuare la guerra. E poi dare la colpa alla Russia di fare la guerra all'Ucraina. Eterna Vergogna!

Marinella Mondaini

Marinella Mondaini

Scrittrice, giornalista, traduttrice. Vive e lavora a Mosca

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan... di Francesco Santoianni Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano di Savino Balzano Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

30 anni di pagliacci. E' il lavoro la misura di ogni cosa di Pasquale Cicalese 30 anni di pagliacci. E' il lavoro la misura di ogni cosa

30 anni di pagliacci. E' il lavoro la misura di ogni cosa

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

Privatizzazioni e imprese di stato. Fact Checking completo di Gilberto Trombetta Privatizzazioni e imprese di stato. Fact Checking completo

Privatizzazioni e imprese di stato. Fact Checking completo

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli di Michelangelo Severgnini A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti