"Tra 1.500 e 2.000 euro in più a famiglia". Regolatore tedesco avverte: "emergenza gas" quest'anno

"Tra 1.500 e 2.000 euro in più a famiglia". Regolatore tedesco avverte: "emergenza gas" quest'anno

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Dal 2 gennaio la nostra pagina Facebook subisce un immotivato e grottesco blocco da "fact checker" appartenenti a testate giornalistiche a noi concorrenti. Aiutateci ad aggirare la loro censura e iscrivetevi al Canale Telegram de l'AntiDiplomatico

L'industria e la popolazione tedesca devono comprendere la gravità della crisi energetica che potrebbe scatenarsi in caso di una possibile cessazione delle forniture di gas russe, ha avvertito ieri Klaus Muller, capo dell'Agenzia tedesca per l’energia in un’intervista per ZEIT.

Tre obiettivi per evitare una crisi

Come ha spiegato Muller, le prime fasi della strategia messa a punto dal Paese per evitare una crisi energetica consistono nell'acquisto, nel risparmio e nello stoccaggio del gas.

Il funzionario ha spiegato che la Germania aderisce anche a tre parametri che potrebbero aumentare la sua indipendenza dal gas russo: ridurre i consumi, accumulare più benzina e riempire i serbatoi fino alla metà, compiti che potrebbero essere completati entro circa quattro anni "a un costo ragionevole”, anche se significherebbero una deviazione nella politica di neutralità del carbonio.

"Allo stesso tempo, abbiamo bisogno di un'espansione accelerata della rete e delle energie rinnovabili", ha aggiunto Muller.

Secondo Muller, al momento non si tratta di una catastrofe imminente poiché i giacimenti di gas del Paese non sono completamente vuoti. "Anche se - parlo al condizionale! - domani non ci sarebbero più consegne di gas dalla Russia, per la quale non ci sono indicazioni, la Germania ha altre fonti", ha detto. "Attualmente abbiamo abbastanza gas fino alla fine dell'estate o all'inizio dell'autunno ", ha aggiunto il direttore della Federal Network Agency.

Un'emergenza gas

Tuttavia, ha rivelato che la Germania si prepara anche a un'altra fase, quella dell'"emergenza gas", quando le quantità stoccate non copriranno più tutto il fabbisogno del Paese.

"Poi dovremo emettere ordini di chiusura ", ha ricordato il capo del regolatore tedesco, precisando che le autorità dovranno valutare "secondo le circostanze" chi sarà il primo ad essere disconnesso dall'impianto del gas. "In caso di emergenza, saremo in grado di identificare le industrie e le aziende più importanti, che sicuramente corrispondono ai settori alimentare e farmaceutico, ad esempio".

Il funzionario ha precisato che le normative europee definiscono le abitazioni private, gli ospedali e le centrali elettriche a gas responsabili del teleriscaldamento come clienti più tutelati. Ciononostante, ha riconosciuto che "la protezione illimitata dei consumatori privati ??è molto difficile" da garantire nelle condizioni attuali, per cui ha esortato tutti a risparmiare energia.

"Non si tratta più di diventare belli e caldi"

Alla domanda se è ancora accettabile avere un appartamento individuale completamente climatizzato o anche una sauna, Muller ha evidenziato che "in un'emergenza gas non sarebbe più giustificabile". "Non solo le aziende, ma anche la popolazione non vede la situazione attuale con la giusta serietà", ha lamentato. "Per molte persone lo scenario può sembrare ancora molto astratto. Ma è uno scenario in cui si parla anche di costi aggiuntivi compresi tra 1.500 e 2.000 euro (tra 1.630 e 2.170 dollari) per una famiglia media, o forse anche 2.500 euro ( $ 2.715)  o più", ha previsto.

"Non si tratta più di diventare belli e caldi. Perché non posso escludere che il prossimo inverno dovremo fare a meno del gas russo", ha rivelato Muller. "Tuttavia, si spera che la stanza del bambino e dei bambini sul pavimento sia sufficientemente riscaldata o [la stanza] dove dorme qualcuno che ha bisogno di cure. Ma non so se può essere bello e caldo nel resto dell'appartamento.”, ha concluso.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

La decadenza finale dell'occidente (con un intruso) di Marinella Mondaini La decadenza finale dell'occidente (con un intruso)

La decadenza finale dell'occidente (con un intruso)

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti