Tim Anderson: Libano e Siria sotto assedio, con alcune differenze

Tim Anderson: Libano e Siria sotto assedio, con alcune differenze

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Tim Anderson*- Al Mayadeen

Com'è che, dopo dieci anni di guerra, le strade di Damasco sono pulite, cibo e servizi di prima necessità sono disponibili mentre Beirut rimane una metropoli puzzolente di miliardari e mendicanti?

Separati dal disegno coloniale, i vicini Siria e Libano hanno sviluppato caratteri molto diversi come stati-nazione e, più recentemente, hanno risposto in modi distinti alla guerra ibrida di Washington, che mirava a estinguere la volontà politica indipendente nella regione.

Mentre i popoli di entrambi i paesi hanno origini comuni, un problema chiave è, come dicono molti libanesi politicamente consapevoli: in Siria c'è uno stato, mentre in Libano c'è un cartello settario di clan governati da una manciata di famiglie. 

Come è successo? Proprio come i britannici divisero i popoli negli ex territori ottomani che conquistarono, installando monarchie e la colonia sionista europea, così i francesi ritagliarono ciò che speravano potesse rimanere una leale enclave costiera dominata dai maroniti-cristiani. 

Le varie comunità siriane, invece, si sono unite in una lotta anticoloniale, per espellere i francesi e forgiare la loro nazione. Ciò ha portato a uno stato abbastanza forte con alcune caratteristiche socialiste in un'economia mista.

In Libano la maggioranza maronita se n'è andata da tempo, ma il sistema settario rimane, modificato solo leggermente dopo una terribile guerra civile, e lasciando un sistema altamente privatizzato con poca volontà politica e poche istituzioni nazionali.

Il risultato è che le due nazioni stanno affrontando l'assedio americano-americano della regione (erroneamente chiamato 'sanzioni') in modi molto diversi. In Libano c'è persino una minoranza che rifiuta di accettare che il Paese sia effettivamente sotto assedio. 

Tuttavia, Washington ha diffuso la serie di misure coercitive imposte a Hezbollah (un membro di spicco della coalizione di governo) ai suoi alleati interni e anche le misure di terze parti imposte a Siria e Iran vincolano il Libano. Gli Stati Uniti stanno cercando, senza molto successo, di rimuovere dal governo coloro che hanno resistito più efficacemente agli israeliani.

Le misure di assedio regionale sono un fattore importante nel collasso finanziario, con la valuta siriana che si è svalutata a un sesto del suo valore negli ultimi 2 anni, mentre la valuta libanese è svalutata a meno di un decimo. Il Libano ha fatto molto più affidamento sull'economia di cassa e sulle importazioni, una responsabilità in caso di crollo.

In Libano si registrano enormi code – spesso chilometriche – per il carburante, mentre in Siria c'è un sistema di razionamento più organizzato, che fornisce 25 litri ciascuno a settimana, con sms inviati per avvisare quando ritirare. 

E anche con gran parte della fornitura di petrolio siriano bloccata e rubata dalle forze di occupazione statunitensi e dai loro delegati SDF, la Siria è stata in grado di aiutare il Libano, in coordinamento con Hezbollah libanese, riabilitando e utilizzando il porto e la raffineria di Baniyas per incanalare il carburante iraniano in Libano . Dopo i severi avvertimenti di Hassan Nasrallah, e nonostante la guerra di sabotaggio di Israele contro le navi iraniane , gli israeliani e gli Stati Uniti erano riluttanti a sabotare questa particolare operazione.

Tuttavia, il nuovo "governo" libanese, guidato dal miliardario Najib Mikati, ha invitato i supervisori del FMI , che si assicureranno che il Libano non imponga nuovi sussidi per aiutare il popolo libanese. La distruzione dei sussidi alimentari guidata dal FMI è stata collegata alla fame e alle rivolte per il cibo in molti paesi. Forse il Libano ha pochi sussidi da distruggere? Al contrario, la maggior parte dei siriani colpiti dalla povertà gode almeno di un po' di sollievo attraverso sussidi statali su generi di prima necessità come pane, riso e zucchero.

La Siria mantiene anche un sistema sanitario pubblico per lo più gratuito, nonostante i gravi danni causati dalla lunga guerra e dall'assedio, mentre i servizi sanitari libanesi sono altamente privatizzati e per lo più sotto regimi di "chi usa paga". Solo per quanto riguarda le misure pandemiche il Libano è in vantaggio, a causa di livelli più elevati di test e vaccinazioni. Entrambi i paesi hanno più o meno le stesse politiche, ma alla Siria mancano kit di test e vaccini.

Ci sono ancora molti rifugiati di guerra siriani in Libano, ma qui c'è una storia reciproca. Nella piccola città cristiana di Maaloula, due anni fa, un sacerdote locale mi ha mostrato con orgoglio una lettera di Hassan Nasrallah, ringraziando la città per aver accolto rifugiati dal sud del Libano, durante l'invasione israeliana del 2006 che provocò decine di migliaia di sfollati . Allo stesso tempo, il sacerdote ha riconosciuto che, quando la città è stata minacciata dai terroristi sostenuti dalla NATO nel 2014, sono stati i giovani musulmani libanesi (cioè Hezbollah) a difendere la città, spesso a prezzo delle loro giovani vite.

È questa più ampia cooperazione levantina che sta riunendo i due paesi, sotto comune assedio. L'amministrazione Biden ha dovuto rinunciare alle proprie “sanzioni” di terzi sulla Siria, per consentire “ la prima visita ufficiale ” di una delegazione del governo libanese in Siria in dieci anni, cioè durante la lunga guerra alla Siria. E questo perché l'unica alternativa energetica al carburante iraniano a cui Washington poteva pensare era di portare il gas egiziano o giordano attraverso la Siria fino al Libano. Nel caso, il carburante iraniano a buon mercato (da pagare in valuta libanese) è arrivato mentre l'idea del gas egiziano-giordano è ancora una 'torta al cielo'. Ma parte del blocco di entrambi i paesi è stato revocato.

A lungo termine, entrambi i paesi hanno bisogno l'uno dell'altro. Il Libano è stato il centro costiero altamente commerciale e la Siria l'entroterra più forte e produttivo. L'ostacolo principale a una cooperazione più profonda è il sistema settario e privatizzato del Libano. Ciò impedisce al piccolo paese di affermarsi sia in patria che all'estero, proprio come gli Stati Uniti, i francesi e gli inglesi vogliono che rimanga. Il piccolo stato 'confessionale' ha bisogno di una nuova costituzione. 

*Analista e Direttore del Centro per gli studi contro l'egemonia con sede a Sydney.

 

Potrebbe anche interessarti

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti di Andrea Puccio Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Il Rubicone della NATO di Giuseppe Masala Il Rubicone della NATO

Il Rubicone della NATO

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti