The Grayzone: i documenti che rivelano come spie britanniche costruiscono un esercito terroristico in Ucraina

The Grayzone: i documenti che rivelano come spie britanniche costruiscono un esercito terroristico in Ucraina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

di Kit Klarenberg - The Grayzone

 

Documenti ottenuti da The Grayzone rivelano i piani di una cellula composta da militari e membri dell’intelligence britannici per organizzare e addestrare un esercito "partigiano" ucraino segreto con istruzioni esplicite per attaccare obiettivi russi in Crimea.

Il 28 ottobre, un attacco di droni ucraini ha danneggiato la nave ammiraglia della flotta russa del Mar Nero nel porto di Sebastopoli, in Crimea. Mosca ha immediatamente incolpato la Gran Bretagna di aver supervisionato e orchestrato l'attacco e di aver fatto esplodere i gasdotti Nord Stream - il peggior atto di sabotaggio industriale a memoria d'uomo.

Il Ministero della Difesa britannico ha smentito seccamente, bollando le accuse come "false affermazioni di portata epica". Chiunque sia dietro questi specifici attacchi, i sospetti di una mano nascosta britannica nella distruzione non sono infondati. The Grayzone ha ottenuto documenti trapelati che descrivono gli agenti dell'intelligence militare britannica che hanno siglato un accordo con la sezione di Odessa del Servizio di Sicurezza ucraino, per creare e addestrare un esercito partigiano ucraino segreto del terrore.

I loro piani prevedevano che l'esercito segreto conducesse operazioni di sabotaggio e ricognizione della Crimea per conto del Servizio di sicurezza ucraino (SSU) - proprio il tipo di attacchi a cui si è assistito nelle scorse settimane.

Come riportato in precedenza da The Grazyone, lo stesso gruppo di agenti dell'intelligence militare era responsabile dell'elaborazione di piani per far saltare in aria il ponte di Kerch in Crimea. L'obiettivo è stato raggiunto l'8 ottobre con un attentato suicida con un camion bomba, che ha messo temporaneamente fuori uso l'unico punto di collegamento tra la Russia continentale e la Crimea, innescando un'importante escalation degli attacchi di Mosca alle infrastrutture ucraine.

Questi progetti sono stati realizzati da un veterano militare di nome Hugh Ward, su richiesta di Chris Donnelly, un agente dell'intelligence militare britannica noto soprattutto per aver ideato il programma segreto di guerra informativa Integrity Initiative, finanziato dal Foreign Office.

I piani sono stati fatti circolare nella rete transnazionale privata di Donnelly, composta da ufficiali militari, legislatori e funzionari dell'intelligence. Tali connessioni di alto livello sottolineano che Donnelly è tutt'altro che un osservatore passivo in questo conflitto. Ha usato la sua posizione e i suoi contatti per assicurarsi le risorse necessarie ad addestrare il battaglione segreto di sabotatori per attaccare gli obiettivi russi in Crimea. Questa strategia di distruzione è destinata a inasprire la guerra e a compromettere qualsiasi ipotesi di negoziato.

Denominato "sostegno alle operazioni di incursione marittima", l'assalto pianificato alla Crimea mira a "degradare" la capacità della Russia di bloccare Kiev, a "erodere" la "capacità bellica" di Mosca e a isolare le forze terrestri e marittime russe in Crimea "negando i rifornimenti via mare e via terra attraverso Kerch". 

I documenti ottenuti da The Grayzone mostrano che questi piani sono stati condotti in stretto coordinamento con l'SSU-Odessa, mentre un oligarca ucraino politicamente influente è stato incaricato di finanziare l'impresa maligna.

Da quando un colpo di Stato sostenuto dall'Occidente ha rovesciato il governo eletto dell'Ucraina nel 2014, Donnelly ha lavorato instancabilmente per fomentare una guerra per procura contro la Russia in Ucraina. I promemoria privati redatti da Donnelly e ottenuti da The Grayzone lo scorso ottobre rivelano che la sua brama di escalation si è intensificata da quando l'esercito russo ha invaso l'Ucraina a febbraio.

In una lettera del 21 settembre alla sua cerchia ristretta, Donnelly temeva che l'amministrazione Biden non fosse completamente impegnata nella guerra totale con la Russia. Citando le dichiarazioni pubbliche di funzionari di Washington che speravano in una soluzione negoziata tra Ucraina e Russia, Donnelly ha dichiarato (vedi sotto): "Questa posizione degli Stati Uniti deve essere contestata, con fermezza e subito".

In un comunicato separato, Donnelly ha definito Biden "così sprovveduto da non credere" per aver avvertito che il conflitto in Ucraina potrebbe portare all'"armageddon". 

Sebbene The Grayzone non possa verificare che gli attacchi ucraini alla Crimea siano opera diretta del team di Donnelly, gli eventi recenti rispecchiano fedelmente le strategie e le tattiche delineate nei documenti ottenuti da questo giornale. Inoltre, gli attacchi hanno contribuito a raggiungere gli obiettivi di escalation perseguiti sia da Donnelly che dal governo britannico, che ad aprile ha fatto fallire i negoziati tra Kiev e Mosca.

I "partigiani" ucraini addestrati a "sparare, muoversi, comunicare, sopravvivere"

Secondo i documenti esaminati da The Grayzone, una società militare privata britannica chiamata Prevail Partners è stata incaricata di reclutare e addestrare i combattenti partigiani ucraini. Prevail è stata fondata da veterani delle forze speciali, tra cui l'ex brigadiere dei Royal Marine e comandante dello Special Boat Service Justin Hedges. 

L'azienda ha sede non lontano da RM Hamworthy, un centro di addestramento militare britannico d'élite, dotato di un terreno che assomiglia a strade cittadine e di una "corsia per ordigni esplosivi improvvisati" per sperimentare scenari di combattimento.

La genesi del programma è stata il prodotto di un'attività di lobbying segreta condotta per diversi mesi da Donnelly, un veterano dell'MI6 di nome Guy Spindler e Audrius Butkevicius, un ex ministro della Difesa lituano con legami di lunga data con l'apparato di sicurezza, militare e di intelligence ucraino. 

Mentre il team Prevail lanciava il suo sforzo per formare l'esercito segreto, sono apparsi diversi ostacoli. In primo luogo, i funzionari ucraini hanno espresso riluttanza a mettere insieme le ingenti somme richieste dal team di Donnelly, soprattutto mentre gli Stati occidentali stavano pompando miliardi nello sforzo bellico. Anche i funzionari britannici erano restii ad affidare i servizi di addestramento a contraenti privati, forse per paura di essere colti sul fatto o addirittura perseguiti per aver intrapreso un'attività così provocatoria. 

Anche all'interno della cricca di Donnelly sono stati sollevati dubbi sulla proposta iniziale di Prevail. Alex Finnen, membro della cellula di spionaggio Specialist Group Military Intelligence dell'esercito britannico e dell'oscura Unità Russia del Foreign Office, ha commentato in un'e-mail di fine marzo che l'offerta di Prevail era "molto costosa per quello che è", con un costo previsto di 600.000 dollari per combattente partigiano all'anno - un'indicazione che l'azienda era "in un mercato di venditori".

"Sospetto che abbiano preso la prima cifra a cui avevano pensato e poi l'abbiano raddoppiata. Quindi, è necessario discutere di più su come e cosa faranno queste persone", ha ammonito Finnen. "I partigiani vivono tra la gente. Questo suggerisce che è necessario che persone di tutta l'Ucraina, in piccole squadre, partecipino come suggerisce Prevail 'oblast by oblast'.  Come faranno a raggiungere questo obiettivo?". 

Dopo alcune manovre, il 18 aprile è stato stilato un accordo provvisorio tra Prevail e il suo partner di attuazione, una "società di gestione delle crisi con sede a Londra" autodefinitasi Thomas in Winslow. Secondo il contratto, Prevail avrebbe condotto gratuitamente una "valutazione delle capacità" delle operazioni della SSU di Odessa, "poi delle altre principali SSU regionali e infine dei Servizi di sicurezza di tutta l'Ucraina". 

Anche se questo giro era interno, la valutazione sarebbe stata sfruttata per giustificare un grande investimento nel programma partigiano.

Questo obiettivo è stato chiaramente sottolineato in una valutazione di Prevail su un battaglione della 24a Brigata dell'esercito ucraino "in fase di mobilitazione per l'invio al fronte". La nota è stata redatta da Justin Hedges dopo una visita a una base di addestramento militare nella città occidentale di Yavoriv, vicino al confine polacco, alla fine di maggio. Hedges è stato accompagnato alla base dal veterano dell'intelligence militare britannica Darren Liddle e da due agenti delle forze speciali ucraine. 

L'invito a partecipare "non proveniva" dallo Stato Maggiore ucraino, ma "a livello regionale" - un riferimento all'SSU-Odessa. Nel corso di 36 ore alla base di Yavoriv, Hedges e la sua compagnia hanno osservato una parte di quello che ha descritto come un addestramento "inadeguato" di 12 giorni, impartito a coscritti di età compresa tra i 20 e i 58 anni, nessuno dei quali aveva precedenti esperienze militari, e che alla fine sarebbero stati inviati a Popasna, "dove i russi stanno attualmente sfondando le linee [ucraine]".

Hedges ha notato un "numero molto basso di istruttori; nessun programma e dottrina prestabiliti; nessuna esperienza all'interno dell'unità; nessun addestramento alla pianificazione" nel corso, con "tattiche non valide insegnate da istruttori stranieri inesperti", lasciando il battaglione "non preparato per ciò che deve affrontare". 

Ha valutato che molti dei presenti "sanno che quando si schiereranno in prima linea... ci sarà una carneficina", soprattutto se si considera che il battaglione precedente, che aveva ricevuto lo stesso addestramento di 12 giorni, "ha subito 60 morti nei primi 3 giorni".

"Questo porta a tassi di perdite probabilmente insostenibili. A mio avviso, insostenibili dal punto di vista del capitale umano e quindi della politica a lungo termine", ha denunciato Hedges. "Questo problema non può essere lasciato in sospeso; il gap di formazione deve essere colmato ora, altrimenti il tasso di vittime insostenibile, dovuto all'inadeguatezza della formazione, potrebbe diventare politicamente decisivo, costringendo Zelensky a cedere terreno a Putin".

Per contro, ha descritto gli istruttori di Prevail come "tutti qualificati ed esperti" con "esperienza di combattimento", e ha definito Yavoriv "adatta e sicura, con disciplina e tecnica appropriate". In altre parole, possiamo aiutarvi e avete bisogno di noi con urgenza.

Come rivelato da un'e-mail inviata all'inizio di maggio da Spindler a Donnelly, erano già in atto piani per utilizzare la base per istruire gruppi di 40 partigiani ogni quattro settimane per sei mesi su come "sparare, muoversi, comunicare, sopravvivere", oltre a vivere nei boschi e "sopravvivere". Gli apprendisti "con attitudini" sarebbero stati identificati e istruiti in "moduli specializzati". 

Man mano che il piano si sviluppava, il campo di addestramento di Yavoriv veniva trasferito in siti sconosciuti in Grecia e Polonia.

Finora, il programma partigiano segreto britannico non è mai stato menzionato dai media tradizionali. E come chiarisce questo rapporto, tutti gli attori coinvolti hanno compiuto sforzi significativi per tenere nascosta l'iniziativa all'opinione pubblica.

Hedges, veterano delle forze speciali, ritiene che il finanziamento governativo sia "essenziale per porre questo programma su una base molto solida". Immaginava che la sponsorizzazione potesse provenire dalla Gran Bretagna, dagli Stati Uniti, dall'Ucraina, "o anche dai Paesi baltici/nordici". Se fosse necessario "separare i finanziamenti governativi dall'attività", i fondi potrebbero essere "forniti facendo fluire le 'donazioni' attraverso la ONG di Prevail, Rhizome Insights Ltd", una copertura che funge da "percorso attuale dell'azienda per il finanziamento delle attrezzature e della formazione" e che quindi le permette di rimanere nascosta.

"Questo è il modo in cui Prevail riceve donazioni da ONG/privati per finanziare attrezzature e bassi livelli di altro supporto in questo momento", ha spiegato Hedges, notando che Prevail stava anche discutendo di finanziamenti con l'ufficio del sindaco di Lviv Andriy Sadovyi, uno dei più ricchi oligarchi dell'Ucraina e proprietario della rete di notizie Channel 24 del Paese.

Donnelly prende di mira Biden per aver avvertito di un "armageddon" nucleare

Gli sforzi di Chris Donnelly per inasprire il conflitto tra Russia e Ucraina non sono passati inosservati agli ufficiali britannici. L'8 ottobre di quest'anno è stato entusiasticamente invitato dal brigadiere Julian Buczacki della 1a Brigata di Intelligence, Sorveglianza e Ricognizione dell'esercito britannico a fungere da consulente chiave del Capo di Stato Maggiore della Difesa di Londra, il generale Nick Carter, e di David Williams, la principale guida civile di Londra in materia di difesa.

In un'e-mail del pomeriggio, poche ore dopo l'attentato al ponte di Kerch, Buczacki ha fatto notare di essere stato di recente "immerso nel vortice del lavoro di crisi" - e "a questo proposito" ha raccomandato a Donnelly di servire come "consigliere dei saggi" per Carter e Williams, in quanto avrebbero beneficiato di un esperto in "deterrenza/escalation e tutto il resto".

"Sarebbe abbastanza presto, dato il contesto... A breve passerò a ricoprire il ruolo di ACDS [Assistant Chief of Defence Staff Military Strategy] (non ancora pubblico)", ha concluso Buczacki. 

Donnelly ha prontamente risposto che sarebbe stato "lieto" di assumere un ruolo così importante nella prosecuzione della guerra per procura da parte della Gran Bretagna. Il "breve preavviso" non era "un problema", ha scritto, allegando il suo nulla osta di sicurezza ufficiale del governo britannico e due recenti commenti sul conflitto in Ucraina che aveva fatto circolare nella sua rete.

Il contenuto dei suoi commenti fa capire che Donnelly considera insufficienti gli incalcolabili miliardi di spedizioni di armi che arrivano all'Ucraina con il decreto di Biden, e che teme che Biden possa presto placare Putin autorizzando i negoziati.

Il Presidente Joseph Biden ha suscitato le prime pagine dei giornali internazionali quando, durante una raccolta fondi a casa di James Murdoch, il figlio del magnate dei media di destra Rupert Murdoch, ha commentato che Putin "non scherza quando parla di un potenziale uso di armi nucleari tattiche" e che c'era la concreta prospettiva che il conflitto in Ucraina potesse "finire con l'Armageddon".

Nello scambio di e-mail dell'8 ottobre con il brigadiere Julian Buczacki, Donnelly si è lamentato del fatto che le "osservazioni fuori dagli schemi" del Presidente degli Stati Uniti erano "così poco sagge da non essere credibili". 

"Non sono sicuro di quale sia la parola opposta a 'deterrenza', ma Biden la sta facendo attivamente, ahimè", ha lamentato Donnelly. Egli ha sostenuto che le minacce di guerra nucleare di Putin dovrebbero essere considerate un bluff volto a indebolire la volontà dell'Occidente di intensificare la guerra fino al raggiungimento della vittoria totale.

Evidentemente, dal suo punto di vista, bisognava fare qualcosa per evitare che Washington autorizzasse una soluzione negoziata che soddisfacesse le condizioni della Russia. 

Una "bomba umana" colpisce il ponte di Kerch

Il 25 maggio, Guy Spindler ha inviato una e-mail a Donnelly per riferire di aver parlato "un paio di volte" con Butkevi?ius, l'ex ministro della Difesa lituano. Affermava che Butkevicius ha "fatto un ottimo lavoro per sciogliere le esitazioni ucraine sul sostegno all'addestramento e ha fatto sì che il nome di Prevail venisse fatto" al governo britannico e alla sua ambasciata a Kiev - e quindi al Foreign Office e all'MI6 - "come potenziale fornitore".

Spindler ha giudicato Hedges "positivo", in quanto i ministri della Difesa britannici "secondo quanto riferito, non sono più contrari in linea di principio alle soluzioni di addestramento del settore privato". Le uniche cose che restavano da fare erano assicurarsi l'approvazione ufficiale per qualche tipo di operazione in stile guerriglia e "garantire che i nostri contributi" - compresi quelli di Butkevi?ius - fossero "adeguatamente compensati". 

L'esperto dell'MI6 ha aggiunto di avere "una visione molto parziale" dei "vari piani" di Hugh Ward - un riferimento al "supporto per le operazioni di incursione marittima", invitando Donnelly a "inserirmi come vuole". Sembra che le varie trame di sabotaggio del piano siano così segrete e sensibili che nemmeno gli alti funzionari dell'intelligence britannica incaricati di supervisionare le operazioni sono a conoscenza dei loro dettagli.

The Grayzone ha precedentemente rivelato il piano di Ward per attaccare il ponte di Kerch che collega la Crimea alla Russia continentale. Secondo questi piani, missili da crociera, squadre subacquee appositamente addestrate o droni subacquei avrebbero distrutto i pilastri di cemento del ponte, considerati da Ward la "parte più debole" della struttura. 

Sebbene i servizi di sicurezza ucraini abbiano optato per un attacco con camion bomba, un francobollo commemorativo emesso da Kiev a poche ore dall'attentato raffigura due esplosioni proprio nei punti suggeriti da Ward. La rapidità con cui il francobollo è diventato disponibile fa pensare che sia stato preparato con largo anticipo rispetto all'attacco. 

Prevail ha elaborato anche piani per strategie alternative. Una presentazione prodotta dall'azienda - intitolata "Pacchetto informativo sul ponte di Kerch" - proponeva di far esplodere una nave che trasportava nitrato di ammonio sotto una porzione del ponte che sovrastava una corsia di navigazione. 

Il modello di Prevail per questo attacco era l'esplosione di Beirut dell'agosto 2020, in cui un'esplosione massiccia e misteriosamente detonata ha distrutto il porto della capitale libanese, provocando danni significativi in tutti i quartieri circostanti. L'azienda militare privata ha notato che le 552 tonnellate di nitrato di ammonio esplose a Beirut "hanno prodotto un cratere largo 140 metri e un terremoto di magnitudo 3,3 sulla scala Richter", una quantità "molto inferiore alle 2.754 tonnellate" che sarebbero arrivate in Crimea su un cargo noleggiato dalla Russia nel 2013. 

Non è chiaro perché alla fine sia stata scelta la modalità del camion-bomba, forse perché forniva un certo grado di plausibile negabilità ai responsabili dell'attacco. I funzionari ucraini, dopo aver inizialmente celebrato l'incidente, ora affermano che si tratta di un'operazione russa false flag.

Inoltre, alla fine di agosto la Russia ha rafforzato le misure di protezione in Crimea e nei dintorni, come il trasferimento di un sistema di difesa missilistica S-300 nella penisola, il che potrebbe aver reso necessaria una linea d'azione alternativa a quella scelta inizialmente.

L'attentato al ponte di Kerch ha coinvolto un veicolo imbottito di esplosivo e trasportato da Odessa, in Ucraina, alla Crimea, passando per la Bulgaria, la Georgia e l'Armenia, utilizzando diversi autisti in diverse fasi del viaggio. L'ultimo autista sarebbe stato ignaro della missione suicida.

Se gli agenti britannici hanno effettivamente orchestrato l'attacco al ponte di Kerch, è probabile che si siano basati su operazioni passate che presentavano analogie inquietanti. Nel 2006, una ONG nota come British Irish Rights Watch ha pubblicato le testimonianze di ex informatori anonimi dei servizi segreti britannici, che hanno rivelato che l'MI6 aveva guidato una strategia terroristica false flag nota come "bomba umana" in Irlanda del Nord. 

I civili venivano legati a veicoli imbottiti di esplosivo e poi costretti a entrare nei posti di blocco militari, infliggendo attacchi incendiari a obiettivi che uccidevano sia soldati che civili. L'ondata di bombardamenti infiammò le tensioni locali e fornì una giustificazione per la repressione draconiana dello Stato britannico nei confronti della popolazione cattolica della provincia.

"È noto che almeno due agenti delle forze di sicurezza erano coinvolti in questi bombardamenti e sono state fatte accuse che la strategia delle bombe umane fosse un'idea dei servizi segreti britannici", ha dichiarato l'Irish Rights Watch britannico in un rapporto di accompagnamento.

Considerando il contenuto del materiale trapelato esaminato da The Grayzone, è sorprendente che l'esplosivo utilizzato per colpire il ponte di Kerch provenga da Odessa. Situata proprio di fronte al Mar Nero dalla Crimea, questa città ha ospitato l'unità SSU che è servita come base per l'esercito segreto del terrore di Donnelly e Prevail.

I funzionari russi hanno da tempo dichiarato di considerare la Crimea come territorio russo e che qualsiasi attacco ad essa avrebbe oltrepassato una linea rossa, provocando una risposta di escalation. Quando Donnelly e il suo team hanno delineato i piani per la creazione di un esercito segreto ucraino "partigiano", sembra che l'obiettivo fosse proprio questo. 

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)

 
 
 
 
 
 
 

Potrebbe anche interessarti

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista di Francesco Erspamer  Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Sa(n)remo arruolati in guerra di Giorgio Cremaschi Sa(n)remo arruolati in guerra

Sa(n)remo arruolati in guerra

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?   di Bruno Guigue Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'(ancien) Regime di Antonio Di Siena L'(ancien) Regime

L'(ancien) Regime

C'era una volta il servizio sanitario nazionale di Gilberto Trombetta C'era una volta il servizio sanitario nazionale

C'era una volta il servizio sanitario nazionale

8 miliardi dalla Meloni a Tripoli per finanziare migrazione e terrorismo di Michelangelo Severgnini 8 miliardi dalla Meloni a Tripoli per finanziare migrazione e terrorismo

8 miliardi dalla Meloni a Tripoli per finanziare migrazione e terrorismo

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano di Pasquale Cicalese Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Il "salto tecnologico" cinese e il plusvalore marxiano

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente di Damiano Mazzotti Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente