Telefonata Lavrov - Blinken. "La Russia concluderà i suoi obiettivi in Ucraina"

Telefonata Lavrov - Blinken. "La Russia concluderà i suoi obiettivi in Ucraina"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov e il segretario di Stato Usa Antony Blinken hanno avuto, oggi, una conversazione telefonica. Il confronto è stato promosso dalla parte statunitense, hanno precisato fonti della diplomazia russa.

Il ministero nel comunicato ha spiegato che gli alti funzionari hanno affrontato la situazione in Ucraina e che il capo della diplomazia russa "ha spiegato gli approcci di principio della Russia all'operazione militare speciale in corso nel territorio della Repubblica popolare di Donetsk, della Repubblica popolare di Lugansk e dell'Ucraina, sottolineando che i suoi obiettivi e gli obiettivi saranno pienamente raggiunti".

Allo stesso modo, Lavrov ha ricordato al suo omologo che il continuo bombardamento con armi statunitensi e NATO da parte delle forze e dei battaglioni nazionali ucraini, che vengono utilizzati su larga scala contro i civili, prolunga "l'agonia del regime di Kiev" e il conflitto e moltiplica le vittime. Ha anche sottolineato che "le forze armate russe rispettano rigorosamente le norme del diritto internazionale e che è stato avviato un lavoro sistematico nei territori liberati per tornare a una vita pacifica".

Allo stesso tempo, gli alti diplomatici hanno discusso della situazione nel campo della sicurezza alimentare mondiale. "Il signor Blinken è stato informato dei dettagli dell'accordo firmato il 22 luglio a Istanbul sul trasporto di grano ucraino dai porti del Mar Nero e sulla promozione delle esportazioni russe di cibo e fertilizzanti", si legge nella dichiarazione. Inoltre, Lavrov ha precisato che la situazione è complicata dalle sanzioni di Washington e ha ribadito che "è inaccettabile che l'Occidente sfrutti questo problema nel suo interesse geopolitico".

I ministri hanno anche scambiato opinioni sulle relazioni bilaterali, che, secondo il ministero degli Esteri russo, necessitano urgentemente di una normalizzazione. "Riguardo a un possibile scambio di prigionieri tra cittadini russi e americani, la parte russa è stata esortata a tornare a un dialogo professionale nella 'diplomazia calma', senza il rilascio di informazioni speculative".

I commenti di Blinken

A sua volta, Blinken ha descritto la conversazione con Lavrov come "franca e diretta" e ha anche osservato che le parti hanno discusso, in particolare, della situazione intorno all'Ucraina e della possibilità di scambiare cittadini russi e americani detenuti negli Stati Uniti e in Russia.

Il segretario di Stato americano ha avvertito l'alto diplomatico russo dell'intenzione di Washington di imporre ulteriori sanzioni contro Mosca se parti dell'Ucraina fossero diventate parte della Russia.

Ha anche esortato Mosca ad accettare le idee di Washington sullo scambio di cittadini detenuti. "Ho incoraggiato il ministro degli Esteri Lavrov ad andare avanti con questa proposta. Non ho intenzione di caratterizzare la sua risposta. E non posso darvi una valutazione se è più o meno probabile [ora] che [lo scambio] avvenga. Ma era importante che ascoltasse [la posizione di Washington] su questo direttamente da me", ha detto.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti