Siria, la domanda del giornalista cinese all'Onu fa scacco matto

Siria, la domanda del giornalista cinese all'Onu fa scacco matto

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Cosa sono diventate le istituzioni internazionali che dovrebbero essere imparziali, risolvere i conflitti. E, soprattutto, da chi sono rappresentate oggi ormai è eloquente.

Si è arrivati al punto di negare l’evidenza alle Nazioni Unite.

Alcuni giorni fa, un giornalista cinese ha posto una domanda a Farhan Haq, portavoce del segretario generale dell'organizzazione, in merito alla presenza militare statunitense in Siria.

Segue il dialogo...

Giornalista cinese: Crede che la presenza dell’esercito degli Stati Uniti in Siria sia illegale?

Haq: Non è un tema che stiamo affrontando in questo momento. C’è stata una guerra.

GC: In questa settimana, abbiamo parlato molto della Carta dell’Onu, del Diritto internazionale e le relative risoluzioni. Però, mi risulta la presenza di una base militare straniera in un altro paese senza una richiesta, mi fa pensare ad un’altra cosa.

Haq: Le lascio la sua analisi. Non c’è, in questo momento non c’è…

GC: Qual è la differenza tra la situazione in Siria e la situazione in Ucraina?

Haq: Non ci sono forze armate statunitensi all’interno della Siria. Non è una situazione paragonabile alle altre.

GC: È sicuro che non c’è personale militare in Siria?

Haq: Credo che ci sia attività militare, ma in termini di una presenza sul campo in Siria, non sono a conoscenza di questo.

GC: Bene, cinque membri del servizio degli Stati Uniti, sono risultati feriti nell’attacco(recente). Se non c’erano membri del Servizio degli USA in Siria, come hanno potuto risultare feriti?

Strano, vero?

Insomma, davvero surreale, la posizione del portavoce Onu, neanche da Washington negano una presenza militare in Siria. Si potrebbe definire comica se non si trattasse di un’occupazione militare in un paese ridotto allo stremo da 12 anni di guerra, sanzioni e in ultimo il terremoto.

 

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Nella Guantanamo inglese. Le ore decisive di Assange di Geraldina Colotti Nella Guantanamo inglese. Le ore decisive di Assange

Nella Guantanamo inglese. Le ore decisive di Assange

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti