Scacco matto alla mentalità colonialista di Cameron

Scacco matto alla mentalità colonialista di Cameron

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Giacomo Gabellini

 

Per il ministro degli Esteri britannico David Cameron, Israele ha il diritto di colpire – unilateralmente e senza preavviso – un ufficio consolare iraniano in territorio siriano uccidendo sette ufficiali dei Pasdaran (lo dimostra la presa di posizione britannica, statunitense e francese in sede di Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite), ma l’Iran non è legittimato a rivalersi su strutture militari israeliane dopo aver notificato l’imminenza dell’operazione agli Stati Uniti.

Di qui la decisione di imporre ulteriori sanzioni all’Iran, senza alzare un sopracciglio rispetto alla condotta israeliana. Alla domanda di una giornalista riguardo a come reagirebbe Londra in caso di attacco straniero contro una sede diplomatica britannica, lo stesso Cameron ha risposto che «colpiremmo molto duramente gli aggressori».

Il messaggio, neanche troppo sottinteso, è chiarissimo: a differenza di “loro”, “noi” abbiamo il diritto di compiere qualsiasi azione. Si è rivelata sufficiente una semplice ma inattesa sollecitazione per far emergere la mentalità colonialista che questo osceno personaggio incarna al pari dei suoi “simili”, che senza nemmeno rendersene conto forniscono ogni giorno dettagli formidabili per definire la reale consistenza del cosiddetto “ordine basato su regole” (rules based order), di cui americani e inglesi continuano a riempirsi la bocca. Continuiamo così, e ci verranno a prendere casa per casa coi machete.

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

 COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA di Leonardo Sinigaglia  COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

L'UE e quel "lei deve stare molto attento!" di Marinella Mondaini L'UE e quel "lei deve stare molto attento!"

L'UE e quel "lei deve stare molto attento!"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Il mio messaggio a Bengasi di Michelangelo Severgnini Il mio messaggio a Bengasi

Il mio messaggio a Bengasi

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa di Giuseppe Masala Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa

Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti