Ryabkov: "I tentativi USA di fermare lo sviluppo del settore petrolifero e del gas russo falliranno"

Ryabkov: "I tentativi USA di fermare lo sviluppo del settore petrolifero e del gas russo falliranno"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

I tentativi degli Stati Uniti di fermare lo sviluppo del settore petrolifero e del gas russo attraverso le sanzioni falliranno. Ad affermarlo è il viceministro degli Esteri della Federazione Russa Sergei Ryabkov in un'intervista all’emittente RTVI, dove ha commentato le sanzioni statunitensi contro il progetto Arctic LNG 2.

“Sono sicuro che sia in passato che in questo momento, i tentativi attraverso sanzioni di fermare le possibilità del nostro sviluppo e progresso, anche nel settore del petrolio e del gas, incluso nel settore del GNL, un segmento molto promettente, la domanda di questi prodotti è alto", questi tentativi falliranno", ha affermato l’esponente del governo russo.

Lo scorso 2 di novembre, il Tesoro degli Stati Uniti ha incluso Arctic LNG 2 LLC nell’elenco delle sanzioni. L’agenzia statunitense ha inoltre fissato al 31 gennaio 2024 la scadenza per il completamento delle transazioni con Arctic LNG 2.

Il capo della Novatek, Leonid Mikhelson, ha dichiarato al Forum Economico Eurasiatico di Verona - che quest’anno si è tenuto a Samarcanda in Uzbekistan - che le sanzioni del Dipartimento del Tesoro USA contro il progetto Arctic LNG 2 sono una valutazione della professionalità della sua azienda.

Nella stessa intervista il viceministro russo ha affermato che recentemente i due paesi hanno tenuto consultazioni ma che non vi è stato alcun progresso nelle relazioni. 
“Occasionalmente hanno luogo contatti faccia a faccia, anche in paesi terzi. Non molto tempo fa si è tenuta una tornata di consultazioni bilaterali a livello responsabile sui cosiddetti elementi irritanti nelle nostre relazioni. Com’era prevedibile, ci sono pochi progressi e deboli prospettive per andare avanti, anche se per quanto riguarda il funzionamento delle missioni diplomatiche e le questioni relative ai visti, probabilmente varrebbe la pena di procedere verso una maggiore normalità. Ma finora dall’altra parte non c’è alcuna volontà”. 

Ryabkov ha paragonato il comportamento degli Stati Uniti nel dialogo sulla stabilità strategica al disturbo bipolare. “Gli statunitensi sono famosi per il fatto che nei loro approcci possono coesistere contemporaneamente una negazione fondamentale di certe realtà, che, per quanto parlino del contrario, vengono tuttavia osservate indipendentemente dalla loro volontà, e allo stesso tempo tentano di influenzare proprio questa realtà, cioè cancellarla, ma anche cambiarla in qualche modo”, ha affermato il diplomatico. 

Secondo il viceministro non c’è più alcuna possibilità di ripristinare lo status quo nel settore della stabilità strategica. 

Ryabkov ha anche ammesso che i paesi potrebbero abbassare il livello delle relazioni diplomatiche e ha messo in guardia dal pericolo che i cittadini russi visitino gli Stati Uniti. “Recentemente, gli arresti di cittadini russi con il pretesto di violare le leggi statunitensi sul controllo delle esportazioni sono diventati più frequenti”. 

Il giorno precedente l’uscita di questa intervista, il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov aveva affermato che la Russia è pronta ad avviare un dialogo sulla stabilità strategica con l'Occidente, ma al momento questo non soddisfa le condizioni necessarie per avviare colloqui.

Il 7 novembre gli Stati Uniti hanno annunciato la sospensione della loro partecipazione al Trattato sulle forze armate convenzionali in Europa (CFE) dal 7 dicembre. A questo proposito, l’amministrazione USA ha concesso la possibilità di apportare modifiche allo schieramento delle forze in Europa per “difendere” la NATO.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Una rosa bianca in onore di José Martí di Geraldina Colotti Una rosa bianca in onore di José Martí

Una rosa bianca in onore di José Martí

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

 COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA di Leonardo Sinigaglia  COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico" di Marinella Mondaini FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Thomas Piketty e il capitalismo finanziario di Michele Blanco Thomas Piketty e il capitalismo finanziario

Thomas Piketty e il capitalismo finanziario

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti