Russia, Lavrov: «Risponderemo alle nuove sanzioni USA»

Russia, Lavrov: «Risponderemo alle nuove sanzioni USA»

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

La Russia risponderà alle nuove sanzioni statunitensi a seconda della situazione specifica che si verrà a creare a causa delle azioni di Washington e dei suoi alleati occidentali, ha dichiarato il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov a Channel One Russia.

"Naturalmente, risponderemo alle nuove sanzioni USA. Durante la loro ultima conversazione telefonica il presidente Putin ha detto al presidente Biden ‘se prendete questa strada, distruggerete le nostre relazioni’”, ha rivelato il ministro.

"Cosa succederà? Non vogliamo spaventare nessuno, prenderemo la nostra decisione a seconda della situazione specifica che si svilupperà a seguito delle azioni degli Stati Uniti e dei loro alleati occidentali", ha aggiunto.

Lavrov ha sottolineato che le minacce degli Stati Uniti di imporre sanzioni contro la Russia sono arroganti e assurde. “Sono così arroganti e assurde che, secondo me, chiunque può capirlo. Il Congresso degli Stati Uniti ha preso decisioni di questo tipo più di una volta, quindi non escludo nulla", ha detto.

Inoltre il ministro degli Esteri russo ha definito il disegno di legge dei senatori statunitensi come il risultato di “esaurimento nervoso”.

“Penso che sia una specie di esaurimento nervoso. Nell'affermazione senza fine della propria grandezza, hanno già raggiunto un livello psicologico molto difficile da spiegare”.

Il massimo diplomatico di Mosca ha poi sottolineato che la Russia non userà mai la pressione delle sanzioni sulla scena globale, come fanno gli Stati Uniti.

"Non agiremo mai come fanno gli Stati Uniti, per i quali, negli ultimi, probabilmente, quasi 10 anni, le sanzioni sono diventate lo strumento principale della politica estera, la cultura della diplomazia è praticamente andata perduta, anche la cultura del compromesso. Abbiamo fatto le nostre proposte sulle garanzie di sicurezza, perché vogliamo riportare tutto all'uso del negoziato come modo di risolvere i problemi", ha detto Lavrov.

La tensione confermata dal Cremlino

La situazione è tesa e non ci sono stati passi avanti. A tal proposito il Cremlino conferma che USA e Russia non hanno trovato nessun accordo sulle questioni principali durante i colloqui Russia-USA a Ginevra e Russia-NATO a Bruxelles. Una circostanza non positiva, ha affermato il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov.

"I colloqui sono stati avviati per ottenere risposte specifiche a domande specifiche. E sono stati rilevati punti di disaccordo sulle questioni principali. È una cosa non positiva, può essere considerato il punto più basso degli ultimi due round di colloqui”. 

Peskov ha notato che, durante entrambi i round, "ci sono state alcune sfumature positive, elementi positivi, che potrebbero essere considerati punti alti, ma non vertevano sugli obiettivi principali di queste consultazioni, 

Alla domanda se il Cremlino vede un senso in ulteriori colloqui con gli Stati Uniti sulla sicurezza, Peskov ha risposto:

"Alla Russia non è mai mancata la volontà politica di ulteriori colloqui. Al contrario: abbiamo ripetutamente affrontato la riluttanza delle nostre controparti a tenere questi colloqui. Non ho dubbi che non mancherà la volontà politica anche per ulteriori colloqui, ma una cosa deve essere compresa: il processo non può continuare per il gusto del processo su questioni critiche; ci deve essere un risultato concreto, una risposta concreta".

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Sinistra o destra? Guerra di classe di Pasquale Cicalese Sinistra o destra? Guerra di classe

Sinistra o destra? Guerra di classe

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti di Andrea Puccio Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La guerra non conviene, mai! di Michele Blanco La guerra non conviene, mai!

La guerra non conviene, mai!

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti