Russia, ecco Okhotnik: moderno modulo di combattimento comandato a distanza

Russia, ecco Okhotnik: moderno modulo di combattimento comandato a distanza

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

L’avanzamento della Russia continua spedito in tutti gli ambiti del settore difesa. Mosca, dai caccia agli armamenti, procede a un grande sforzo di ammodernamento tale che il paese possa fronteggiare con sempre maggiore efficienza le minacce sempre maggiori portate dai nemici. NATO in testa.

La Elektromachina NPO (una sussidiaria di Uralvagonzavod, UVZ) ha concluso con successo le prove del modulo di combattimento Okhotnik per i veicoli corazzati Taifun-K, equipaggiati con la mitragliatrice 6P49, ha detto UVZ a TASS.

"La nuova mitragliatrice, sviluppata nello stabilimento di Degtyaroyov, migliora notevolmente le caratteristiche del modulo di combattimento, aumentando la competitività del nostro prodotto e mettendolo alla pari con i leader mondiali. L'impianto ha effettuato il miglioramento del modulo di combattimento di propria iniziativa”, ha spiegato Sergei Abramov, vice capo progettista di Elektromachina.

Secondo Abramov, il produttore di mitragliatrici ha ottenuto il permesso di produzione in serie nel novembre 2020.

"Spediremo a breve un lotto di moduli di combattimento Okhotnik per Taifun-Ks con la nuova mitragliatrice. Anche i moduli per la Marina e altri veicoli speciali saranno spediti con la nuova modifica", ha aggiunto.

Secondo UVZ, il modulo Okhotnik ha recentemente superato le prove a Nizhny Tagil. "Ci aspettavamo un aumento della precisione quando si utilizzava la nuova mitragliatrice e le prove di tiro lo hanno confermato. L'efficienza del colpo è aumentata del 20-30%", ha detto la società.

La versione navale del modulo si chiama Narval.

L'Okhotnik (Narval) è uno dei più moderni moduli di combattimento controllati a distanza, sviluppato in Russia. Le sue armi principali sono stabilizzate su due piani, rendendo possibile colpire bersagli in movimento a oltre 1.000 metri. È dotato di una telecamera con raggio di identificazione fino a 5.000 metri, un dispositivo di visione termica con raggio di identificazione di 2.500 metri e un misuratore di distanza laser. 

Potrebbe anche interessarti

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista di Francesco Erspamer  Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Sa(n)remo arruolati in guerra di Giorgio Cremaschi Sa(n)remo arruolati in guerra

Sa(n)remo arruolati in guerra

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?   di Bruno Guigue Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'(ancien) Regime di Antonio Di Siena L'(ancien) Regime

L'(ancien) Regime

Migranti, petrolio e milizie: il gioco delle 3 carte del Fatto Quotidiano di Michelangelo Severgnini Migranti, petrolio e milizie: il gioco delle 3 carte del Fatto Quotidiano

Migranti, petrolio e milizie: il gioco delle 3 carte del Fatto Quotidiano

I giornali preparano la (solita) trappola mortale di Pasquale Cicalese I giornali preparano la (solita) trappola mortale

I giornali preparano la (solita) trappola mortale

I Sonnambuli di oggi  di Giuseppe Masala I Sonnambuli di oggi

I Sonnambuli di oggi

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente di Damiano Mazzotti Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente

Irriducibili. Viaggio all’interno della fisica e della mente