Riabkov sulla possibilità di schierare armi russe a Cuba e in Venezuela: "Non voglio confermare, né escludere nulla"

Riabkov sulla possibilità di schierare armi russe a Cuba e in Venezuela: "Non voglio confermare, né escludere nulla"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Aumentano le tensioni tra la Russia e il mondo occidentale. Alle manovre USA-NATO la Russia potrebbe rispondere schierando missili a Cuba o in Venezuela?

Il vice ministro degli Esteri russo Sergey Riabkov ha commentato questa ipotesi in un’intervista rilasciata all’emittente RTVI. "Non voglio confermare niente o escludere niente", ha detto. "Nella modalità statunitense, l'opzionalità della politica estera e militare è la pietra angolare per assicurare la potente influenza del loro paese nel mondo. Dipende dalle azioni dei colleghi nordamericani", ha affermato Riyabkov. 

Secondo Riyabkov, "la Russia è ora il principale avversario della NATO solo perché si sforza di difendere fermamente e coerentemente i propri interessi e si preoccupa della sua sicurezza".

Per quanto riguarda le domande dell'Occidente sulle concentrazioni di truppe russe sul proprio territorio, il vice ministro degli Esteri ha detto che potrebbe fare una contro-domanda: "Cosa fanno le truppe statunitensi a migliaia di chilometri dalle loro basi?”. A suo parere, questo schieramento non può essere spiegato da questioni di sicurezza richiesta dai membri dell'alleanza, poiché questa sicurezza "non dovrebbe essere fornita a scapito di altri paesi".

Parlando di altri aspetti della politica estera, Riabkov ha affermato che gli Stati Uniti e i suoi alleati della NATO non sono disposti "in nessun caso" a soddisfare le richieste chiave di Mosca per le garanzie di sicurezza, come non espandere la NATO verso est, ridurre le infrastrutture dell'alleanza e non schierare i suoi sistemi in prossimità dei confini della Russia.

Il vice ministro degli Esteri ha lamentato che gli Stati Uniti e la NATO vogliono discutere solo di quelle questioni che gli convengono. "In elementi chiave di questi testi, gli Stati Uniti e i loro alleati ci stanno effettivamente dicendo 'no', e in quelli dove ci stanno dicendo 'sì, continuiamo a discutere', notiamo che, mentre queste questioni sono importanti e serie, queste sono invece secondarie rispetto alla non espansione della NATO", ha denunciato. "Questo è, in una certa misura, un vicolo cieco o una differenza di approccio", ha sottolineato Riyabkov.

"Gli statunitensi vogliono sbarazzarsi delle richieste della Russia, alleviare la pressione" e, nascondendosi dietro questo, "continuare lo stesso processo di sviluppo geopolitico e militare di nuovi territori, avvicinandosi sempre più a Mosca", ha sottolineato il diplomatico. "Non abbiamo nessun posto dove ritirarci", ha detto, aggiungendo che la Russia prenderà "altre misure” e “applicherà altri metodi" nei confronti dell'Occidente se gli Stati Uniti e la NATO non prenderanno in considerazione le richieste russe.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan... di Francesco Santoianni Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano di Savino Balzano Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

30 anni di pagliacci. E' il lavoro la misura di ogni cosa di Pasquale Cicalese 30 anni di pagliacci. E' il lavoro la misura di ogni cosa

30 anni di pagliacci. E' il lavoro la misura di ogni cosa

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

Privatizzazioni e imprese di stato. Fact Checking completo di Gilberto Trombetta Privatizzazioni e imprese di stato. Fact Checking completo

Privatizzazioni e imprese di stato. Fact Checking completo