Report: Non solo i civili. Israele ha preso di mira la già fragile economia di Gaza

Report: Non solo i civili. Israele ha preso di mira la già fragile economia di Gaza

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

La disoccupazione a Gaza era già superiore al 50%, ma è probabile che peggiori ulteriormente. Secondo un nuovo rapporto, i bombardamenti israeliani della Striscia di Gaza, il mese scorso, ha anche preso di mira l'economia già fragile del territorio.

Quando le forze di difesa israeliane hanno bombardato e bombardato Gaza dal 10 maggio al 21 maggio, hanno lanciato più di 1.500 proiettili e distrutto più di 2.000 case, danneggiandone altre 17.000, secondo i funzionari di Gaza. Nell'aggressione sono rimaste uccise più di 250 persone, tra cui 67 bambini.

Tuttavia, sono stati distrutti anche edifici commerciali come negozi, fattorie, ristoranti e fabbriche. Secondo un rapporto pubblicato mercoledì scorso da Electronic Intifada , i bombardamenti israeliani hanno distrutto più di 500 imprese, comprese 50 fabbriche.

Muhammad Abu Jayyab, un economista di Gaza, ha stimato che le perdite economiche della campagna di bombardamenti di 11 giorni ammontano a 350 milioni di dollari.

Un'area industriale istituita nel 1996 dall'Agenzia statunitense per lo sviluppo internazionale (USAID) e dall'Unione europea è stata ripetutamente presa di mira durante gli attacchi, non essendo mai stata attaccata in precedenza. Jaoudat ha stimato che le perdite nella sola zona industriale fossero di 20-25 milioni di dollari. Il sito impiegava 1.500 persone.

“Una volta appreso che la zona industriale era stata bombardata, abbiamo chiamato la protezione civile per domare gli incendi. Quando sono arrivati, anche loro sono stati presi di mira. I proiettili cadevano proprio dove lavoravano, il che ha portato a più incendi e ancora più danni", ha detto a Electronic Intifada Bajess Jaoudat della Palestine Industrial Estate and Free Zone Authority. 

Alcune altre istituzioni colpite dai bombardamenti includevano più di 20 uffici dei media , inclusa la torre al-Jalaa , che ospitava gli uffici di diverse agenzie di stampa internazionali, tra cui Al Jazeera e Associated Press. Israele ha detto di aver bombardato l'edificio perché presumibilmente era utilizzato da Hamas...

Prima della guerra la disoccupazione superava già il 50% ed a volte superava l' 80% a Gaza, che dal 2006 è quasi totalmente tagliata fuori dal mondo da un cordone israeliano ed egiziano. Più di 2 milioni di persone vivono a Gaza, metà delle quali sono bambini. Molte merci non possono entrare o uscire, nemmeno quelle usate per l'edilizia, e cibo e carburante sono razionati dalle autorità israeliane, consentendo solo poche ore di elettricità ogni giorno.

"Il bombardamento delle aree commerciali mira esclusivamente a mettere in ginocchio la gente di Gaza ed a continuare l'assedio", ha detto Adib Zineldeen, proprietario di un negozio nel distretto di Al-Rimal, pesantemente preso di mira dai bombardamenti israeliani. “Hanno preso di mira le aree residenziali e commerciali più ricche, che forniscono mezzi di sussistenza a migliaia di palestinesi a Gaza, che stavano già facendo il minimo indispensabile”.

Sulla scia della campagna di bombardamenti, gli Stati Uniti hanno offerto fino a 75 milioni di dollari per lo sviluppo e l'assistenza economica ai palestinesi, ma hanno promesso che niente di tutto ciò avrebbe beneficiato Hamas. 

In risposta, Hamas ha ribadito che non accetterà un centesimo di aiuti internazionali e non permetterà che l'offerta divida il popolo palestinese.

Gli sforzi di solidarietà di altre nazioni musulmane, come Qatar e Iran, sono stati accolti favorevolmente. Anche prima della campagna di maggio, a gennaio Doha aveva promesso 360 milioni di dollari in aiuti a Gaza. Tuttavia, la scorsa settimana, il viceministro del Qatar Lolwah Al-Khater, portavoce del ministero degli Esteri, ha affermato che Doha ha promesso altri 500 milioni di dollari per la ricostruzione e la riparazione di oltre 45.000 case danneggiate a Gaza, la maggior parte delle quali non sono state riparate dalle passate campagne di bombardamenti da parte della israeliani.

Finora Israele non ha permesso a nessuno di questi aiuti di entrare a Gaza, e Hamas ha promesso che se gli aiuti non saranno rilasciati entro la fine della settimana, riprenderanno gli attacchi missilistici su Israele.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi di Giorgio Cremaschi I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi

I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi

Thomas Piketty, la Cina e Noi   di Bruno Guigue Thomas Piketty, la Cina e Noi

Thomas Piketty, la Cina e Noi

La Stampa parla apertamente di "governo militare" di Thomas Fazi La Stampa parla apertamente di "governo militare"

La Stampa parla apertamente di "governo militare"

L'agenda politica dietro il "lasciapassare" di Antonio Di Siena L'agenda politica dietro il "lasciapassare"

L'agenda politica dietro il "lasciapassare"

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti