Quando un ministro piange in diretta televisiva...

Quando un ministro piange in diretta televisiva...

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Antonio Di Siena


Negli ultimi dieci anni di un Paese a crescita zero, sempre più vecchio e in piena crisi economica e demografica, mi sarebbe tanto piaciuto vedere qualche ministro della Repubblica piangere per la disoccupazione giovanile al 29% (prima del Covid). O per i 2 milioni di giovani emigrati all’estero dal 2008 a oggi. 

E invece niente. 

Ci si commuove per aver regolarizzato una massa enorme di gente che semplicemente non ne aveva diritto. Con un provvedimento che, senza uno straccio di voto parlamentare, fa un favore gigantesco ai grandi latifondisti perché legittima per decreto la schiavitù. Ed espande il welfare di uno Stato già da tempo senza risorse, alimentando ulteriormente una pericolosa guerra fra poveri già in corso. 

Forse queste plateali dimostrazioni di pubblica sensibilità, da parte di chi dice di provenire dalla terra ma è favorevole a CETA e OGM, potranno toccare le corde profonde di qualche anima bella. 

Ma a me, che sono un cinico di merda, fanno venire in mente soltanto che l’ultimo ministro a piangere in diretta Tv fu un’altra brava donna: Elsa Fornero. 

Il resto ve lo ricordate da soli.

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan... di Francesco Santoianni Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Il marcio del finto sindacato viene alla luce di Savino Balzano Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico di Pasquale Cicalese Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico

Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito di Gilberto Trombetta Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito

Le scelte energetiche dell'UE: il suicidio dell'Italia è servito

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli di Michelangelo Severgnini A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti